Ottobre 19, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

‘Zero’ Netflix Milestone Italy Original su Antonio Dickel Distepano

Cresciuto nella città italiana settentrionale di Ravenna, lo scrittore italiano Antonio DiCalstefano ha creato la nuova serie originale Netflix “Zero”, la prima serie a concentrarsi sulla vita dei giovani italiani di colore oggi. Centri sotterranei della pelle Zero, un timido ragazzo nero che può diventare invisibile, lo usa Super potere per proteggere il Bario del Milan dal rafforzamento dell’ambiente.

Destepano, 28 anni, nato in Italia da genitori angolani, è coautore della serie, che è stata ispirata da uno dei suoi libri. Lo spettacolo è coprodotto dal fumettista e sceneggiatore Menotti con Stefano Voldakio (anche il suo produttore esecutivo creativo), Massimo Vavasori, Carolina Cavalli e Licandro Monaco.

L’ottava puntata “Zero” è prodotta da Fabula Pictures con la partecipazione del Collettivo Rosso di Milano. Verrà rilasciato su Netflix il 21 aprile. Gli episodi sono diretti da Paola Randy, Evan Sylvestrine, Margherita Ferry e Mohamed Hosmeltin.

Il cast è composto da giovani e nuovi talenti italiani, tra cui: Giuseppe Dave Zach (Zero / Omar), Aaron Fall (Sheriff), Beatrice Grane (fratello), Richard Dylan Magon (Momo), Daniela Scotolin (Sarah), Medier Fall (canzone), Virgina Diop (Ava), Alex van Tom (Thierno), Frank Grutel (Santokan), Giordano Di Plano (Richie), Ashoi Lombardo Arope (Marim), Roberta Matteo (The Virgin), Miguel Cobio () Cone ( miele).

DiStefano ha parlato in esclusiva Varietà Sulle sfide di portare la sua storia sullo schermo e sul suo significato simbolico.

Come è nato il progetto?

Netflix mi ha contattato tramite il mio insegnante, che mi ha detto: “Vogliono ritrarre il tuo mondo”. A causa di varie circostanze, ho contattato Stefano Voltakio che voleva portare un progetto su Netflix. Abbiamo collaborato con Menotti e Massimo Vavasori per scrivere un trattamento che abbiamo inviato a Netflix. Dopo un po ‘avanti e indietro, siamo stati in grado di dargli il via libera. Quindi, a causa dell’infezione, ci è voluto un po ‘per arrivare sullo schermo.

READ  Caso omicidio pescatori: l'Italia paga ₹ 10 crore Per le famiglie il centro si trova in S.C.

Zero è ambientato in un mondo locale – il quartiere Bario di Milano – ma ha caratteristiche globali. Come hai adattato il tuo romanzo alla serie?

Sebbene questa serie sia ispirata al mio romanzo, il romanzo è diverso. Devo essere onesto ஒரு Il mondo di Bario è un mondo che abbiamo scoperto quando abbiamo iniziato a scrivere la serie. Le prime due settimane di scrittura eravamo a Milano e ho proposto al team di sceneggiatori di andare a Bario e parlare con i ragazzi lì. Dato che metà della sala di scrittura proveniva da Roma, si aspettavano che funzionasse e degenerasse. L’erba è stata invece tagliata fresca; Era tutto pulito. Ma abbiamo incontrato un gruppo e ci hanno detto che erano stati cacciati dalla casa accanto. Da dove è nata l’idea iniziale.

Non c’è dubbio che questo spettacolo abbia un grande significato simbolico. Ma quanto pensi che sia davvero?

Il mio obiettivo dall’inizio era quello di avere eroi neri [on the show] Dovrebbe durare solo una settimana. ci credo [once it premieres], La gente mi chiederà: “Cosa succederà la prossima stagione?” [if we ever do it], Oppure, “Perché Zero fa questo o quello?” Questo è il mio obiettivo. Non si tratta solo di essere I protagonisti sono la prima serie di bambini neri italiani. Detto questo ha sicuramente un significato simbolico. La metafora invisibile è molto importante nella nostra società. Se lo hai, puoi riconsiderare il fatto che non hai scelto nulla.

Quando ho iniziato a lavorare In questo progetto, “Non ci sono attori neri” [in Italy]. Tutti pensavano di no, quindi non potevamo raccontare storie sui bambini neri. Ma cosa abbiamo adesso? Questa è la domanda che “Zero” solleverà. Cambierà qualcosa? Ora noi [Black Italian talent] Sì, verranno sollevate molte più domande. Ora, se non ci prendiamo cura di noi, hai un grosso problema.

READ  La principale compagnia di navigazione italiana Moby Spa intenta un'azione legale contro le società di gestione immobiliare

Come ti senti riguardo al fatto che “Zero” raggiunga il pubblico di tutto il mondo? È qualcosa a cui hai pensato mentre scrivevi?

Quando lavoro, metto sempre le cose in mattoni; Non penso mai a tutto il muro perché mi ferma. Quindi, comincio a pensare che “Zero” sia realizzabile. Ho un aspetto angolano, ma non sono mai stato in contatto con persone in Angola. Molte persone mi hanno scritto da lì negli ultimi giorni. Quindi ora sto iniziando a rendermi conto di quanto sia importante questo. Questo è quello che ti dicevo prima: riguarda l’importanza dell’essere.