Settembre 25, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Yalda Hakim rivela una conversazione scioccante che ha avuto con i talebani

Una giornalista australiana nata in Afghanistan ha rivelato una conversazione straziante avuta con un leader talebano.

Nonostante la personalità più recente che il famigerato gruppo spinge – le sue affermazioni di “non vendicarsi mai di nessuno” e il suo trattamento delle donne sono messe in discussione.

Yalda Hakim, presentatrice della BBC che è apparsa su domande e risposte Specifico per l’Afghanistan, ha condiviso i dettagli di una conversazione che ha avuto con un comandante in prima linea dei talebani che era molto diversa da una La foto viene spinta durante la conferenza stampa all’inizio di questa settimana.

Era molto simile a quello che avevo sentito dire dai talebani prima. Me l’hanno detto in onda, e me l’hanno detto faccia a faccia quando sono andata a Doha – che le donne avranno i loro diritti, e non ci saranno vendette o rappresaglie”. Sulla conferenza.

Ma la giornalista 38enne, che solo poche settimane fa aveva trascorso quasi un mese dal suo paese d’origine, ha affermato che il capitano le aveva detto il contrario.

“Gli ho fatto una serie di domande e ha detto che vogliamo tornare al tipo di regole che dovevamo seguire negli anni ’90”, ha spiegato Hakim.

Così, quando ho chiesto, per esempio, se una donna fosse stata accusata di adulterio, ora adulterio in base alle sue sentenze, ha detto ‘Certo che avremo la lapidazione, avremo esecuzioni pubbliche e useremo gli stadi di calcio per fare quel tipo di cosa. Ci sarà l’amputazione delle mani e dei piedi, se qualcuno commette il reato di furto”.

Ha detto che tutto questo è contenuto nel Corano. Tutto questo fa parte della legge della sharia, e se vuoi vivere al suo interno, ottimo, altrimenti dovrai affrontare il tipo di vendetta di cui avrai bisogno”.

READ  Decine di australiani e afgani sono stati fatti volare dall'aeroporto di Kabul dopo che i talebani hanno preso il potere

Relazionato: Talebani uccide una donna che non indossava il burqa

Poi arrivano i saggi commenti Combattenti talebani hanno sparato e ucciso una donna Dichiarando di non indossare il burqa in Afghanistan martedì.

È successo anche lo stesso giorno in cui il gruppo si è impegnato a inaugurare una nuova era inclusiva nel paese dei “diritti delle donne”.

L’atto orribile è ben diverso da una conversazione che Hakim ha avuto anche con il portavoce del gruppo Shel Shaheen, Chi l’ha chiamata inaspettatamente durante una clip dal vivo.

Ha affermato che i talebani avrebbero rispettato i diritti delle donne e avrebbero permesso loro di ricevere un’istruzione.

Sotto l’ex governo talebano, le ragazze non potevano andare a scuola, le donne erano costrette a indossare il burqa e non potevano uscire senza un tutore maschio.

Mentre i talebani lottano per promuovere la loro nuova immagine, le donne afghane non sono convinte che sarebbero al sicuro sotto la famigerata agenda “nuova e pacifica”.

Molte donne a Kabul temono per la propria vita. Zarifa Ghafari, 27 anni, la prima donna sindaco del paese, ha dichiarato la scorsa settimana: “Sono seduta qui ad aspettare che arrivino. Non c’è nessuno che mi aiuti o aiuti la mia famiglia. Verranno da persone come me e mi uccideranno”.

Decine di giornaliste di organizzazioni internazionali dei media hanno attualmente sede a Kabul – e in modo equo Una delle tre giornaliste autorizzate a partecipare alla conferenza Non è stato perso tempo a confrontarsi con i leader dell’organizzazione sul loro atteggiamento nei confronti delle donne.

Charlotte Bellis, una giornalista neozelandese che lavora per Al Jazeera, si chiedeva se il diritto delle donne afghane a continuare a lavorare e studiare potesse essere garantito e si chiedeva anche se il nuovo governo rinchiudesse ancora una volta donne e bambini nelle loro case e si rifiutasse di educarli. o lavori.

READ  AirAsia si scusa dopo che i commenti del CEO thailandese si sono diffusi ai dipendenti

Per questo i talebani hanno risposto che i diritti delle donne sarebbero stati garantiti “entro i limiti dell’islam”.

Un portavoce ha detto a Bliss che “l’Emirato Islamico” è “impegnato per i diritti delle donne”. Sebbene sia solo “nell’ambito della sharia”, il che indica che la donna dovrà ancora affrontare restrizioni significative sulla sua vita.

Diana Syed, direttrice esecutiva dell’Australian Muslim Women’s Center for Human Rights, ha affermato che la mentalità ideologica dei talebani non è cambiata e che il famigerato gruppo è solo “retorica”.

“Quello che hanno ora è una macchina di PR (pubbliche relazioni) molto sofisticata e hanno i social media a loro disposizione”, ha detto. Domanda e risposta Giovedì.

Relazionato: I talebani impediscono agli australiani il volo di salvataggio

“Solo perché hanno un altoparlante e la loro capacità di usare Twitter non cancella necessariamente l’ideologia – il loro senso dei diritti delle donne e come continueranno a opprimere altre minoranze e altri gruppi a rischio nel paese.

“Non mi fido di niente con cui stanno flirtando adesso.”

Alla sessione ha partecipato anche un’esperta di sicurezza internazionale, Lydia Khalil, che ha detto che basta guardare a cosa hanno fatto i talebani negli anni ’90, quando sono saliti al potere per la prima volta, per dare uno sguardo al futuro.

Hanno detto esattamente le stesse cose: “Non ci sarà alcuna rappresaglia”, “Non andremo di porta in porta, “La nostra regola non sarà crudele”.

Ma poi abbiamo visto cosa è successo. Hanno governato secondo questa antica e brutale regola islamica che molti musulmani del mondo non considerano francamente legittima”.

Per ora, ha detto la signora Syed, i talebani aspirano alla legittimità internazionale e hanno bisogno di aiuto – e per questo motivo faranno le “voci giuste”.

READ  Il Global Times cinese afferma che l'Australia potrebbe diventare la "carne da cannone" degli Stati Uniti

“Ma ancora una volta, la loro ideologia non è cambiata e la loro visione dell’Afghanistan non è cambiata e non dovremmo aspettarcelo”.