Dicembre 7, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Xi Jinping ha affermato alla conferenza dell’ASEAN che la Cina non cercherà l’egemonia nel sud-est asiatico

Il presidente cinese Xi Jinping ha affermato che il suo paese non cercherà l’egemonia nel sud-est asiatico né farà il prepotente con i suoi vicini più piccoli, nel mezzo della disputa in corso sul Mar Cinese Meridionale.

Il signor Xi ha fatto le osservazioni lunedì durante una conferenza virtuale con i membri dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico, o ASEAN, tenutasi per celebrare il 30° anniversario dei legami tra Cina e Associazione.

Due diplomatici hanno affermato che il membro dell’ASEAN Myanmar non era rappresentato alla riunione di lunedì dopo che il governo installato dall’esercito ha rifiutato di consentire a un inviato dell’ASEAN di incontrare il leader deposto Aung San Suu Kyi e altri politici detenuti.

Anche al governatore militare generale Min Aung Hlaing è stato impedito di rappresentare il suo Paese al recente vertice dell’ASEAN.

La Cina ha ripetutamente cercato di superare le preoccupazioni per il suo crescente potere e influenza nella regione, in particolare la sua pretesa su quasi l’intero Mar Cinese Meridionale che si sovrappone a quelli dei membri dell’ASEAN Malaysia, Vietnam, Brunei e Filippine.

“La Cina si oppone risolutamente all’egemonia e alla politica di potere, è disposta a mantenere relazioni amichevoli con i suoi vicini e a promuovere congiuntamente una pace duratura nella regione e non cercherà mai l’egemonia o ancor meno, ma farà il prepotente con i più piccoli”, ha citato l’agenzia di stampa ufficiale Xinhua. Xi come dire. un’agenzia.

Tensioni con le Filippine

Le osservazioni di Xi sono arrivate giorni dopo che le navi della guardia costiera cinese hanno bloccato e spruzzato un forte flusso d’acqua su due barche filippine che trasportavano rifornimenti per le truppe nelle acque poco profonde contese nel Mar Cinese Meridionale, costringendole a tornare indietro.

Il presidente filippino Rodrigo Duterte ha evidenziato l’incidente nelle sue osservazioni alla conferenza, secondo una dichiarazione rilasciata dal suo ufficio.

“Detestiamo il recente evento ad Aungin Chol e osserviamo altri sviluppi simili con grande preoccupazione”, ha detto Duterte, riferendosi ai banchi con il suo nome filippino.

“Questo non parla bene delle relazioni tra i nostri due paesi e della nostra partnership”.

La Cina si trova al confine con il Mar Cinese Meridionale
Le rivendicazioni territoriali della Cina contraddicono la maggior parte delle rivendicazioni dei suoi vicini.(ABC News: Chiarimento / Jarrod Fankhauser)

Duterte ha anche invitato la Cina a rispettare la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare del 1982 che stabilisce i diritti marittimi e i diritti sovrani sulle aree marittime, insieme a una sentenza arbitrale all’Aia nel 2016 che ha in gran parte invalidato le rivendicazioni della Cina nel Mar Cinese Meridionale. La Cina ha rifiutato di riconoscere la sentenza.

Lunedì, le Filippine hanno ridistribuito due barche di rifornimento per fornire cibo ai marines di stanza a Second Thomas Shoal a bordo di una nave da guerra dell’era della seconda guerra mondiale che si è arenata deliberatamente nel 1999 per rafforzare la rivendicazione del paese.

Le navi cinesi hanno circondato le secche e le Filippine hanno chiesto il ritiro del BRP Sierra Madre.

In un briefing quotidiano di lunedì, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha ribadito la posizione della Cina sulla sentenza arbitrale del 2016, sostenendo che la sua “sovranità territoriale e i diritti e gli interessi marittimi nel Mar Cinese Meridionale sono supportati da sufficienti basi storiche e legali”.

“Qualsiasi tentativo di sfidare la sovranità e gli interessi della Cina non avrà successo”, ha detto Zhao ai giornalisti.

“Attualmente, la situazione è generalmente calma nelle acque interessate nel Mar Cinese Meridionale e Cina e Filippine mantengono stretti contatti”.

12 leader mondiali dei paesi asiatici agitano le loro macchine fotografiche in uno screenshot di una videoconferenza.
Le Filippine e la Malaysia hanno sollevato il conflitto nel Mar Cinese Meridionale alla conferenza. (Ufficio del Primo Ministro della Malesia / AP)

Anche il primo ministro malese Ismail Sabri Yaqoub ha sollevato il mare nel suo discorso alla conferenza.

“Come paese richiedente, la Malesia sostiene fermamente che le questioni relative al Mar Cinese Meridionale dovrebbero essere risolte in modo pacifico e costruttivo in conformità con i principi universalmente riconosciuti del diritto internazionale”, ha affermato il suo ufficio.

La Cina rafforza la sua presenza in mare

La Cina ha cercato di rafforzare la sua presenza nella via d’acqua, sede di rotte marittime vitali, stock ittici e riserve di petrolio e gas sottomarini, costruendo piste di atterraggio e altre strutture su isole create da sabbia e cemento sopra le barriere coralline.

La potente marina, la guardia costiera e la milizia navale del paese hanno anche cercato di impedire ai movimenti degli stati regionali di sfruttare le risorse all’interno delle loro zone economiche esclusive e si oppongono con veemenza alle operazioni degli Stati Uniti e di altri eserciti stranieri nella regione.

L’ASEAN e la Cina stanno negoziando da anni un codice di condotta per affrontare le questioni nel Mar Cinese Meridionale, ma di recente questi colloqui hanno fatto pochi progressi.

La Cina rimane un mercato importante per i paesi del sud-est asiatico, nonché una fonte di investimenti, e l’ASEAN ha cercato di evitare il conflitto con Pechino.

La Cina ha anche forti legami con i membri dell’ASEAN Cambogia e Laos e si è astenuta dal criticare il Myanmar, dove si stima che le forze di sicurezza abbiano ucciso quasi 1.200 civili dal rovesciamento del governo eletto dalla signora Suu Kyi a febbraio. Il governo ha annunciato un basso numero di morti.

La Cina aveva sperato che tutti i 10 membri dell’ASEAN si sarebbero uniti alla riunione di lunedì, ma il Brunei, che attualmente detiene la presidenza di turno del gruppo, ha obiettato alla presenza del Myanmar, secondo due diplomatici che hanno parlato a condizione di anonimato.

Il Ministero dell’Informazione del Myanmar ha rilasciato una dichiarazione ringraziando la Cina per aver invitato il suo rappresentante all’incontro e lamentandosi del fatto che alcuni membri dell’ASEAN avevano fatto pressioni su un rappresentante “non politico” per partecipare.

Il governo del Myanmar nominato dai militari ha ripetutamente esercitato pressioni per la sua richiesta di rappresentare il paese davanti al blocco regionale.

AP

READ  Joe Biden e Boris Johnson aggiornano la Carta Atlantica nel loro primo incontro formale