Ottobre 19, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Warner Discovery, l’accordo francese ha spinto “massicciamente” fusioni e acquisizioni in cima all’agenda della televisione europea – The Hollywood Reporter

Il mega-accordo tra WarnerMedia, Discovery e un grande gruppo francese svelato all’inizio di questa settimana mette fusioni e acquisizioni sotto i riflettori dell’industria televisiva europea, secondo un analista.

“I piani di fusione tra Warner-Discovery e TF1-M6 hanno notevolmente promosso l’integrazione nell’agenda della televisione commerciale europea”, ha scritto venerdì in un rapporto l’analista di Enders Francois Goddard.

“Un’ondata dopo l’altra di consolidamento nel settore dell’intrattenimento ha gradualmente sminuito gli operatori europei”, ha spiegato. Nel 2010, la più grande società di trasmissione della regione, RTL Group, rappresentava solo il 20% delle entrate della Disney e entro il 2020 tale percentuale si era dimezzata. L’ultimo decennio ha visto l’emergere di produttori e distributori di contenuti globali integrati verticalmente, come Netflix e Amazon, mentre il modello si è diffuso agli studi con sede a Hollywood, mentre Facebook e Google sono diventati concorrenti diretti dei canali TV che erano visto come “licenze per stampare denaro”.

Mentre le emittenti europee sono ancora redditizie, “e alcune di esse lo sono molto”, ha spiegato Goddard, “gli investitori intelligenti pensano che questo assomigli con sospetto agli alti profitti dei giornali stampati intorno al 2007, o al fatto che Wile E. Coyote fosse sull’orlo dell’abisso. A la quota in diminuzione del pubblico video totale e la loro capacità di finanziare contenuti accattivanti sta diminuendo con le presentazioni di talenti da parte degli operatori SVOD.

Quindi l’analista ha identificato due opzioni per la fusione apparse in Europa.

“Il primo percorso – inaugurato dal Bertelsmann Group RTL – mirerà a creare emittenti nazionali su scala di contenuti per gestire piattaforme online avvincenti” attraverso acquisizioni locali, ha detto Goddard, descrivendo questa opzione come “forse più difensiva ma anche più realistica”.

READ  La Commerce Layer italiana ha raccolto 16 milioni di dollari guidati da Coatue per la sua piattaforma di trading senza testa

Ha detto che la seconda pista è “più ambiziosa ma manca di un sostenitore affidabile”. Targeting “L’idea di sinergie paneuropee e di capitalizzare il crescente appetito internazionale per contenuti diversi dall’inglese “non è mai stata realizzata unendo asset transfrontalieri, qualcosa di cui hanno parlato Mediaset e l’italiano Fendi. Ma il suo eroe, l’italiano Mediaset, manca di capacità. “Sulla realizzazione”.

Ha spiegato che “il gruppo è già la più grande emittente in Italia e Spagna e ha costruito una partecipazione del 24% nella tedesca ProSieben, con le restanti azioni divise”. Il problema è che se la strategia transfrontaliera è solida, Mediaset potrebbe essere il suo peggior sostenitore. Oltre a portare una forte leadership alla sua divisione spagnola, Mediaset non ha mai estratto sinergie significative dalle sue due unità mediterranee, nonostante la loro affinità culturale “.

Godard ha detto che la società francese Vivendi, proprietaria di Canal +, aveva “vaghe ambizioni per” Latin Netflix “quando ha acquistato Mediaset per la prima volta. “Ma l’accordo del mese scorso tra i due sulla graduale riduzione della quota dei primi nei secondi sembra chiudere definitivamente questa strada”.

L’analista esperto di Enders ha concluso: “In pratica, il percorso di Bertelsmann verso il consolidamento è l’unico attualmente disponibile”.