Ottobre 6, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

“Voltiamo pagina sulla socialdemocrazia”

20:30, 20 agosto 2022

Olivier Dusupet, Ministro del Lavoro, Piena Occupazione e Integrazione, Presidente dei Territori e del Progresso, chiede un ricorso “progressista” voltare pagina sulla socialdemocrazia, “che non ha più significato e non indica più direzione”. Questa è la sua piattaforma: La riconfigurazione politica del nostro Paese non è completa. Dopo l’onda d’urto benefica causata dall’elezione di Emmanuel Macron nel 2017, la tettonica a placche continua a funzionare. Ma questa riconfigurazione sarà inutile se alla fine non fornirà una spiegazione chiara. È necessario ripristinare l’interesse dei nostri cittadini alla vita democratica. Si sono allontanati da lui in modo significativo, perché spesso non significava più nulla per loro.

Il campo della cosiddetta sinistra socialdemocratica ha presto un enorme compito di chiarimento. È sempre stato rifiutato perché è più conveniente vivere del reddito di un vecchio malcontento, e molto più semplice – ne abbiamo appena avuto una grande dimostrazione attraverso il collegamento Nupes – semplicemente costruire alleanze difensive, mantenere il cortile, piuttosto che lavorare e inventare un futuro migliore.

La testardaggine nel creare qualcosa di nuovo dal vecchio è ora una perdita di tempo.

Per ingannare, abbiamo chiesto costantemente di “ritrovare”, muovendo sempre le parti dello scafo con delicatezza, ma senza mettere in discussione le fondamenta. Insistere nel fare qualcosa di nuovo dal vecchio è diventata una perdita di tempo. Non ricostruiremo la socialdemocrazia! Per una semplice e buona ragione, i pigri spostamenti verso l’estrema sinistra, in un movimento opposto alla storia, hanno tolto il suo significato alla parola: non ha più alcun significato e non indica più alcuna direzione. Non sono più sindacati, non portano più speranza. La chiarezza ci costringe anche a notare che è diventata un ricordo del passato per le generazioni più giovani.

READ  L'arrivo dei coloni europei in Guadalupa ha eliminato la popolazione di rettili (studio)

Quindi, non ricorrere più al conservatorismo culturale, alla mancanza di immaginazione e creatività! Dobbiamo inventare qualcos’altro. Spettacoli. Sono una di quelle persone che pensano che dovremmo voltare pagina e rivendicare pienamente la progressività. È urgente parlare di progresso per parlare al cuore, perché parlare di progresso è il modo per parlare di domani.

E passiamo al chiarimento. Questo progressista è essenzialmente filoeuropeo. Crede nell’istruzione e nella formazione permanente per dare a tutti una possibilità. La scienza si fida. Ha appoggiato gli sviluppi della società, senza alcun potenziale ritorno, e continua a chiedere nuovi sviluppi. Crede nell’economia di mercato e nella difesa e nella promozione del lavoro. Per quanto crede nella solidarietà, nell’iniziativa individuale, nel settore privato e nell’autorità pubblica. Soprattutto, è appassionato e determinato di fronte alle massicce trasformazioni tecnologiche e industriali in termini di infrastrutture e sviluppo del nostro territorio che dovremo realizzare in tempi record per il nostro pianeta. Sa anche, fin da Auguste Comte, che non si può progredire senza un ordine. In Francia, questo sistema è chiamato sistema repubblicano.

Il progresso è sociale, sociale, scientifico, industriale, umano, educativo e ambientale. Muove l’intera società, mai in una marcia forzata, ma attraverso il dialogo, la consultazione e l’ascolto; Si tratta di un metodo, sotto la direzione del Presidente della Repubblica, che supporterà lo sviluppo del sistema pensionistico “pay-as-you-go”. Uno sviluppo che consentirebbe nuovi anticipi come l’aumento delle piccole pensioni a 1.100 euro, importante per la giustizia sociale quanto l’introduzione di un salario minimo. Questo metodo si applicherà anche al proseguimento dell’ambiziosa riforma della formazione professionale, iniziata nel 2018, per dare a tutti le migliori opportunità di accesso al mercato del lavoro. Questo è anche ciò che porterà alla piena occupazione.

Il progressismo ha l’opportunità di esprimersi nel Rinascimento

La progressività ha il potenziale per esprimersi nel Rinascimento. avere il suo posto. Ma non si fermerà qui, semplicemente perché le grandi aspirazioni vanno sempre oltre il quadro dei partiti. In questo ragionamento, è ora necessario che i progressisti si uniscano, innovino e propongano. Devono parlarsi chiaramente, parlare chiaramente ai francesi. »

READ  Tanya Lewis: la scienza divertendosi