Maggio 21, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Volodymyr Zelensky sollecita più sanzioni russe da parte di Stati Uniti e Regno Unito, condanna l’attacco aereo di Mariupol, l’aumento dei casi di encefalite giapponese nel NSW, Victoria e NSW, la continua bonifica delle inondazioni di Brisbane,

La velocità e la portata delle sanzioni economiche imposte alla Russia hanno sorpreso molti. Il suo impatto sul paese è destinato a crescere ancora di più man mano che le forniture si esauriscono all’interno della Russia senza possibilità di rifornimento dall’estero.

Ma Vladimir Putin, ovviamente, non sopporterà questa pressione mentre è sdraiato.

Le sanzioni internazionali colpiscono l’economia russa. credito:Bloomberg

Allora, cosa dice Putin?

Secondo l’isolaIl presidente russo ha dichiarato giovedì in una riunione televisiva del governo russo (ora europea) che la Russia non solo si occuperà delle sanzioni, ma ne uscirà più forte.

“Alla fine, tutto questo porterà ad un aumento della nostra indipendenza, autosufficienza e sovranità”, avrebbe detto Putin.

Come può la Russia rispondere alle sanzioni?

Gli Stati Uniti hanno vietato l’importazione di petrolio, gas e carbone russi. Ciò danneggerà senza dubbio la Russia, ma avrà anche un impatto sui consumatori in America e altrove poiché le restrizioni all’offerta influiscono sui prezzi in tutto il mondo.

In effetti, l’Australia sta già assistendo a un aumento dei prezzi alla pompa di benzina, con alcuni esperti che arrivano fino a $ 2,50 al litro.

La Russia ha anche vietato l’esportazione dei suoi prodotti. Ma la sua mossa più forte è stata contro l’enorme numero di società occidentali che hanno congelato le loro attività nel paese o si sono completamente ritirate, con una proposta di nazionalizzazione delle loro attività.

Nazionalizzazione di società private di proprietà di stranieri? Sono seri?

Sembra decisamente così. secondo Washington PostE il Putin ha approvato il piano di nazionalizzazione.

Caricamento in corso

secondo Postala regola si applicherà alle società in cui “paesi ostili” possiedono più del 25%, se “interrompono le operazioni” in Russia per più di cinque giorni.

READ  Ricordare il nostro passato, le verruche e tutto il resto, non significa far sentire in colpa i neozelandesi | Vincent O'Malley

La gestione esterna durerà tre mesi, dopodiché il governo metterà all’asta le società.

Quali aziende possono essere interessate?

Un sacco. La Yale Business School lo sostiene finora Più di 330 aziende Hanno annunciato di aver ridotto le loro attività in Russia, con alcune sospese e altre che se ne sono andate del tutto. Tra questi ci sono IKEA, Uniqlo, Coca-Cola, McDonald’s e Microsoft.

Nel caso di McDonald’s, la catena di fast food gestisce 847 negozi in Russia. La maggior parte di questi negozi è di proprietà dell’azienda e non di franchisee, poiché McDonald’s impiega circa 62.000 russi. Rappresenta le vendite in Russia e Ucraina, dove operano altri 108 negozi Circa il 9 per cento del fatturato globale dell’azienda, secondo la CNN.