Luglio 2, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Vodafone avverte che l’inflazione e un’economia difficile potrebbero frenare i profitti quest’anno

Il gruppo mobile ha avvertito che l’aumento dell’inflazione e un contesto economico difficile ostacoleranno i guadagni di Vodafone quest’anno e potrebbero complicare gli sforzi per concludere affari.

La società, che ha un nuovo azionista dal Medio Oriente, ha affermato di aspettarsi utili core rettificati da 15 miliardi di euro a 15,5 miliardi di euro quest’anno fiscale, al di sotto della previsione media degli analisti di 15,57 miliardi di euro.

È arrivato quando la società ha registrato un aumento del 5% dell’utile core rettificato a 15,2 miliardi di euro per l’anno fino alla fine di marzo, che era nella parte inferiore del suo range di orientamento.

“L’attuale clima macroeconomico pone sfide specifiche, in particolare l’inflazione, ed è probabile che influirà sulla nostra performance finanziaria nel prossimo anno”, ha affermato la società.

Le azioni Vodafone sono leggermente cambiate. Le azioni sono aumentate all’inizio di questa settimana dopo che una società di telecomunicazioni con sede negli Emirati Arabi Uniti ha dichiarato di aver acquistato una partecipazione di 4,4 miliardi di dollari (3,8 miliardi di euro) nel gigante delle telecomunicazioni.

Nick Read, CEO di Vodafone, ha affermato di essere concentrato sul miglioramento delle sue prestazioni in Germania, sulla ricerca di opportunità per Vantage Towers e il business delle infrastrutture sorto lo scorso anno e “rafforzando le sue posizioni di mercato in Europa”.

Opportunità in quattro mercati

A febbraio, ha dichiarato di essere alla ricerca di accordi in Spagna, Italia, Gran Bretagna e Portogallo.

Da allora, Vodafone ha rifiutato un approccio da 13 miliardi di dollari (12,3 miliardi di euro) della francese Iliad e Apax Partners alle sue attività italiane e ha visto due dei suoi rivali in Spagna, Orange e MasMovil, entrare in trattative di fusione esclusiva.

READ  L'italiano prova a schivare il colpo del Covid con un braccio finto

Ma in Gran Bretagna, secondo i rapporti, Vodafone è in trattative con il suo rivale più piccolo Wealthy di proprietà di Hutchison.

“Ci sono opportunità in quattro mercati che stiamo perseguendo e siamo impegnati con un certo numero di giocatori in tali opportunità”, ha detto Reed ai giornalisti martedì.

“Si tratta chiaramente di un contesto macroeconomico più impegnativo, e quindi questo sarà un fattore in alcune delle decisioni dei giocatori, ma nel complesso continuiamo a fare buoni progressi in quelle discussioni”, ha affermato.

Ha rifiutato di fornire ulteriori dettagli, ma ha sottolineato che non ci sarebbero state vendite antincendio.

Reed ha detto di aver avuto una conversazione “molto buona” con il CEO della società degli Emirati Arabi Uniti Hatem Dowidar sabato.

“Ha sostenuto pienamente la nostra strategia, sia organicamente che le azioni che stiamo intraprendendo sul portafoglio”, ha affermato.

Il maggiore azionista di Vodafone

La società di telecomunicazioni con sede negli Emirati Arabi Uniti si chiama E & ed era precedentemente nota come Etisalat.

Sabato, ha affermato di essere diventato il maggiore azionista di Vodafone con una quota del 9,8%, attirando la sua gestione e gli sforzi per liberare il suo valore e la sua base valutaria diversificata.

Escluso l’esercizio del controllo o l’avvio di una completa acquisizione.

Tuttavia, gli analisti erano divisi sul piano a lungo termine del gruppo, dopo che l’investitore attivista Sivian e altri azionisti di lunga data hanno chiesto a Vodafone di razionalizzare il proprio portafoglio e riformare i mercati attraverso il consolidamento e l’aumento dei rendimenti.

Mentre gli analisti di JPMorgan hanno affermato che E& potrebbe diventare più attivo nel tempo, forse insieme a Cevian, Credit Suisse e Jefferies hanno affermato che l’investimento potrebbe dare a Read More un po’ di respiro per investire in asset e resistere alla pressione per vendere immediatamente le operazioni.

READ  Il braccio Piaggio apre il primo stabilimento per veicoli elettrici a Chennai