Dicembre 7, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Vladimir Putin dice che l’Occidente tratta con leggerezza le “linee rosse” della Russia

Il presidente Vladimir Putin ha affermato che l’Occidente prende alla leggera gli avvertimenti della Russia di non oltrepassare le “linee rosse” e che Mosca ha bisogno di serie garanzie di sicurezza da parte dell’Occidente.

In un ampio discorso di politica estera, il leader del Cremlino ha descritto le relazioni con gli Stati Uniti come “insoddisfacenti”, ma ha affermato che la Russia rimane aperta al dialogo con Washington.

Parlando con i funzionari della politica estera a Mosca, Putin ha accusato la NATO di affrontare apertamente la Russia e l’Occidente di fornire armi all’Ucraina e di esacerbare le tensioni nella regione.

I suoi commenti arrivano sulla scia del raduno delle forze russe vicino al confine ucraino, che ha sollevato timori di un’invasione.

La Russia ha sostenuto un’insurrezione separatista all’interno dell’Ucraina orientale da quando ha annesso la Crimea nel 2014.

Le forze armate statunitensi non sono ancora arrivate al punto di descrivere la formazione militare russa come una disponibilità ad attaccare.

Mercoledì, il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin ha riconosciuto: “Non siamo sicuri esattamente di cosa farà Putin”.

Il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov, durante una visita al Pentagono giovedì, ha chiesto l’unità globale per prevenire una nuova “escalation” russa contro l’Ucraina.

Reznikov ha incontrato il signor Austin al Pentagono e ha avvertito delle conseguenze di eventuali mosse militari russe.

“Questa potenziale escalation avrà sicuramente gravi conseguenze per l’intera Europa”, ha detto Reznikov, secondo una trascrizione del Pentagono di parte delle sue dichiarazioni.

Austin, che era un generale dell’esercito a quattro stelle quando la Russia ha annesso la Crimea dall’Ucraina nel 2014, ha detto a Reznikov che il Pentagono aveva tenuto d’occhio le mosse russe al confine con l’Ucraina.

    Lloyd Austin e Oleksiy Reznikov stanno fianco a fianco, tenendosi per mano con i cuori.
Il segretario alla Difesa Lloyd Austin e il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov hanno parlato al Pentagono a Washington.(Afp: Manuel Palci Senita)

“Abbiamo chiarito le nostre preoccupazioni sulle attività destabilizzanti della Russia e il nostro desiderio di maggiore trasparenza”, gli ha detto Austin, secondo il testo del Pentagono.

Mosca ha respinto questa retorica, descrivendola come infiammatoria e si è lamentata dell’aumento dell’attività della NATO nella regione.

Il Cremlino ha affermato che a settembre la NATO avrebbe attraversato la linea rossa della Russia se avesse ampliato le sue infrastrutture militari in Ucraina.

Da allora Mosca ha accusato l’Ucraina e la NATO di comportamenti destabilizzanti, anche nel Mar Nero.

In un discorso televisivo, Putin si è lamentato del fatto che i bombardieri strategici occidentali che trasportavano “armi estremamente pericolose” stavano volando a 20 chilometri dai confini della Russia.

“Esprimiamo costantemente le nostre preoccupazioni al riguardo, parliamo di linee rosse, ma capiamo che i nostri partner – come posso descriverli con moderazione – hanno un atteggiamento molto superficiale nei confronti di tutti i nostri avvertimenti e parlano di linee rosse”, ha detto Putin.

La crisi in Bielorussia destabilizza ulteriormente le relazioni

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, Frecce destra e sinistra per cercare, Frecce su e giù per il volume.
I richiedenti asilo che sperano di entrare in Polonia devono affrontare condizioni di congelamento.

Putin ha affermato che anche i paesi occidentali stanno usando la crisi dei migranti in Bielorussia per destabilizzare ulteriormente le relazioni.

L’Europa ha accusato la Bielorussia di aver deliberatamente progettato code di migranti bloccati in condizioni di gelo vicino alla Polonia.

Le autorità bielorusse hanno ora trasferito i migranti in un magazzino vicino.

Putin ha affermato che la Polonia e altri paesi occidentali hanno dimenticato i loro obblighi umanitari, mentre le forze dell’ordine polacche hanno usato cannoni ad acqua e granate contro i migranti.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, Frecce destra e sinistra per cercare, Frecce su e giù per il volume.
Le truppe polacche usano cannoni ad acqua sui migranti al confine con la Bielorussia.

I paesi europei accusano la Bielorussia di spostare migliaia di migranti dal Medio Oriente e di spingerli a cercare di attraversare il confine illegalmente. La Bielorussia nega di aver sollevato la crisi.

L’Unione europea ha invitato la Russia a costringere il presidente bielorusso Alexander Lukashenko a porre fine alla crisi.

Mosca nega qualsiasi ruolo diretto ma si è offerta di mediare, mostrando anche il suo sostegno a Lukashenko tenendo insieme esercitazioni militari con la Bielorussia vicino al confine.

Nonostante il crescente elenco di disaccordi, il Cremlino ha mantenuto contatti ad alto livello con Washington e ha più volte parlato di un possibile follow-up summit tra Putin e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden dopo il loro primo incontro a Ginevra a giugno, che il leader russo detto ha aperto la strada per il miglioramento delle relazioni.

ABC / filo

READ  Il blocco di Melbourne terminerà giovedì poiché i contatti tracciano un ceppo altamente contagioso