Novembre 30, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Vittorie e sconfitte climatiche da Glasgow

Mentre molti paesi hanno portato un crescente livello di ambizione per la riduzione delle emissioni al programma di Glasgow, l’obiettivo finale di “mantenere in vita 1,5” – cioè, mantenere il riscaldamento a non più di 1,5 gradi sopra i livelli preindustriali – non è stato raggiunto. L’analisi di Climate Action Tracker mostra che anche con nuovi impegni per il 2030, un aumento della temperatura globale di 2,4 gradi entro la fine del secolo è una possibilità reale. Ciò significa fenomeni climatici più catastrofici, prospettive sommerse, nel senso letterale della parola, per le nazioni basse, inclusi molti dei nostri vicini del Pacifico.

Un’altra grande delusione è che il mondo sviluppato fallire Per mantenere la promessa decennale di fornire 100 miliardi di dollari ogni anno per aiutare i paesi poveri ad affrontare gli impatti climatici.

Allora chi erano i cattivi poliziotti a Glasgow? Ce n’è uno che spuntava costantemente. Australia.

Forse niente era più simbolico della mancanza di impegno dell’Australia per gli obiettivi della conferenza COP di Glasgow che conquistare il primo posto nel padiglione australiano per Santos, una delle nostre più grandi compagnie petrolifere e del gas.

Molteplici valutazioni dell’impegno e delle azioni dell’Australia per frenare i pericolosi cambiamenti climatici ci hanno posti in fondo alla classifica internazionale.

Il piano “Australian Way” per arrivare allo zero netto entro il 2050 è un hotspot di contabilità creativa, rivendicando il credito per le precedenti azioni di riduzione delle emissioni del governo statale, territoriale e del lavoro, l’evoluzione della tecnologia che non funziona e il pensiero magico sulla tecnologia che deve ancora essere inventato.

READ  L'intervista alla BBC diventa virale con commenti "sempre più concreti"

Scarica

Inoltre, il governo si è rifiutato di aumentare gli obiettivi di emissioni 2030 dell’Australia – i più deboli nel mondo sviluppato – e ha rifiutato di firmare impegni per ridurre il metano e eliminare gradualmente il carbone. Ogni giorno australiani e aziende stanno pagando un prezzo pesante perché il governo Morrison non sia in contatto con il resto del mondo.

Non solo l’Australia continua a incepparsi e ritardare, ma stiamo solo contribuendo ad esso Il decimo è la nostra giusta quota Per aiutare i paesi poveri ad affrontare gli impatti climatici che abbiamo contribuito a creare.

Alla fine di ogni COP, il Climate Action Network, un’organizzazione internazionale ombrello di oltre 1.000 gruppi dedicati all’aumento dell’azione per il clima, consegna il Colossal Fossil Award al paese o all’organizzazione ritenuta meno utile per raggiungere gli obiettivi dell’incontro. Nessun premio per indovinare Chi è il L’ho preso quest’anno.

Leslie Hughes, portavoce del Climate Council, professore di biologia e vicepresidente della Macquarie University. Il dottor Wesley Morgan è ricercatore presso il Climate Council.

Capire cosa sta succedendo all’ambiente, cosa si sta facendo al riguardo e cosa significa questo per il futuro. Partecipazione Qui.