Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Virus delle notizie false (9/9) | Italia post-Berlusconi: non dire addio alla verità

In tutto il mondo c’è preoccupazione per la diffusione di fake news. Questa serie dà la parola a professionisti di diversi paesi per fare luce su questo problema che sembra minacciare la democrazia. Questo file è stato preparato da Jean-Philippe Warren, cattedra di studi del Quebec alla Concordia University.


Maurizio FerrarisMaurizio Ferraris
Professore presso il Dipartimento di Filosofia e Scienze dell’Educazione dell’Università degli Studi di Torino, Italia

Jean-Philippe Warren: Il populismo italiano negli ultimi 20 anni ha alimentato i tuoi affari. Com’è l’Italia originale? Come Berlusconi e i pionieri del movimento cinque stelle?

Maurizio Ferraris: Purtroppo l’Italia era avanzata in campo politico. Questo è stato il caso del fascismo, all’inizio del ventesimo secoloe secolo. Questo è anche il caso del populismo alla fine del ventesimo secoloe secolo. Senza dubbio, questi sviluppi mi hanno permesso di capire certe cose all’inizio della mia carriera, anche se non ero uno di quelli che si rallegrano del fatto che l’Italia avrebbe potuto servire da laboratorio politico!

Negli anni ’90 ero convinto che ci stessimo dirigendo verso una società più razionale. Ma di fronte all’ascesa al potere di Berlusconi, che non aveva fatti, ma solo spiegazioni, ho capito la necessità di non perdere di vista la ricerca dell’obiettività. All’epoca stavo discutendo con il mio amico e mentore Gianni Fatimo. Ho detto a questo teorema di interpretazione come un’interpretazione infinita: “Senti, qui c’è qualcosa che non va. Il tuo addio alla verità è stato percepito da Berlusconi, quindi dovresti rivedere un po ‘il tuo schema analitico!”

READ  Cent'anni di resistenza e ribellione

Nel discorso postmoderno prevalente in alcune università del Nord America, la scienza è vista come uno strumento di dominio e una semplice manifestazione della volontà di potenza. Non stiamo flirtando qui dopo la verità?

Penso che sia un po ‘come le droghe leggere qui. Quando Charles Baudelaire e Théophile Gautier lo fumano nei salotti di Parigi, è poetico. Ma se il capitano dell’aereo su cui viaggi fa uso di droghe, è un problema!

L’attuale pandemia è qui per ricordarci che ci sono fatti, non solo spiegazioni. Oggi possiamo benissimo credere che gli scienziati condividano i loro principali interessi farmaceutici, che siano corrotti e parziali. Ma, in generale, preferirei che gli scienziati fossero a capo delle nostre politiche di salute pubblica piuttosto che gli sciamani. Alla fine, abbiamo trovato dei vaccini!

Quali sono i sintomi della post-verità?

La post-verità mostra malessere sociale. Questo è molto evidente nel populismo, che si leva allo stesso tempo contro i ricchi e contro i poveri: odiamo i ricchi a causa della loro ricchezza e temiamo i poveri a causa della loro povertà. E poiché ci sono sempre persone più ricche e più povere di noi, finiamo per odiare tutti!

Siamo in un circolo vizioso. Le interruzioni sociali sono legate a un problema tecnico, perché l’automazione riduce le postazioni di lavoro. E lo sconvolgimento sociale si esprime attraverso la tecnologia.

In pratica, un individuo perde il lavoro in una fabbrica: ha troppo tempo perché non ha niente da fare, è depresso. Così passa il suo tempo al computer a scrivere cose “post-verità”, creando più spazio per la tecnologia …

Quali meccanismi può mettere in atto la società italiana per combattere la post-verità?

Il conflitto sociale verrà risolto solo in due modi. Dobbiamo intervenire a livello strutturale: aumentare la giustizia sociale e incoraggiare l’istruzione.

READ  La Wallonia Mental Health Week si concentrerà sull'impegno sociale

La cosa più importante e più importante è la riduzione dei disordini sociali. Dobbiamo limitare e ridurre al minimo i conflitti sociali. Possiamo iniziare vedendo che la massiccia mobilitazione dell’umanità su Internet sta producendo valore. Se è un valore, deve essere tassabile. Grazie a questa tassa potremo sostenere l’occupazione e l’istruzione. Lo chiamo “webfare” (come “lusso”).

Il rovescio della medaglia, c’è un’istruzione. Fondamentalmente, il fatto che la gente dica qualcosa è un buon segno. Kant ha detto che l’Età dell’Illuminismo era nella propria mente. Prima, lo scienziato non pensava da solo. I partiti e le chiese decidono molte convinzioni e molte opinioni. Una sostanziale stabilità elettorale è risultata dalle prestazioni degli elettori secondo le istruzioni. Adesso in Italia gli arti compaiono e scompaiono ogni cinque minuti! È un passo avanti nella storia umana. Le persone cambiano idea perché non obbediscono più alle presunte autorità.

Ma questo non basta. Altre due cose devono essere fatte, secondo Kant. Prima di tutto, devi imparare a pensare mettendoti nella mente degli altri. Successivamente, devi imparare a pensare in accordo con te stesso, cioè in modo coerente.

Kant disse: “Dal bastone attorcigliato dell’umanità, non puoi mai avere nulla di perfettamente dritto”. Resta, tuttavia, che l’uomo è l’unico animale che può essere istruito. Possiamo insegnare al cavallo a eseguire trucchi, ma poi distorcere le posture corrette del cavallo per renderlo utile agli scopi umani. Al contrario, allevare una persona lo aiuta a realizzare la sua umanità.