Settembre 27, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Venezia è aperta ai turisti, ma non alle navi da crociera

VENEZIA – Gianluigi Rizzo, facchino nella famosa Piazza San Marco di Venezia, spinge un carrello per i bagagli mentre decine di turisti saltano giù dai taxi acquei, provenienti dall’aeroporto attraverso i canali medievali della città.

Gli affari vanno a gonfie vele con l’abolizione delle restrizioni per il Covid-19. Ma la sentenza del mese scorso del governo italiano che vieta alle navi da crociera di avvicinarsi al Lago di Venezia minaccia di privare la città dei suoi visitatori più redditizi per un’altra stagione estiva.

“È positivo che i turisti siano tornati, ma i soldi veri vengono dalle navi da crociera che trasportano ricchi americani e asiatici”, ha affermato Rizzo. “Spendono molto in poco tempo, prima di salpare.”

Venezia, che aveva una media di circa 20 milioni di turisti all’anno prima della pandemia, cerca disperatamente di riportare i visitatori stranieri che mantengono a galla la sua economia. Le entrate del turismo si sono prosciugate negli ultimi due anni, ma i canali e le piazze della città sono di nuovo affollati e gli hotel sono pieni in media per l’80% ad agosto.

L’accesso al lago ea Piazza San Marco è da tempo argomento di contesa tra ambientalisti, agenzie turistiche e crocieristi. I critici sostengono che il turismo sfrenato – alimentato da enormi navi che trasportano più di 5.000 passeggeri ciascuna – ha cacciato molti dei residenti permanenti di Venezia, ha messo sotto pressione gli alloggi e distrutto posti di lavoro non di viaggio e di ospitalità. Le tensioni sono aumentate nel 2019 quando una nave da crociera si è scontrata con una piccola imbarcazione turistica all’interno del lago, ferendo cinque persone.

READ  Bandiere dell'India Mutuo riconoscimento della certificazione del vaccino CoWIN, allentamento delle restrizioni di viaggio con l'Italia