Ottobre 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Vendita di titoli di stato del Regno Unito in base alle aspettative di tassi di interesse più elevati

Mercoledì il debito pubblico del Regno Unito e l’eurozona sono stati svenduti quando gli investitori hanno aumentato le loro aspettative su fino a che punto le banche centrali aumenteranno i tassi di interesse per frenare l’inflazione.

Il rendimento del Tesoro britannico a due anni, particolarmente sensibile alle variazioni delle aspettative sui tassi di interesse, è salito di 0,22 punti percentuali al 2,90 per cento, riflettendo un calo significativo del tasso. Il rendimento del benchmark a 10 anni dell’oro ha aggiunto 0,12 punti percentuali al 2,69%.

Le mosse brusche sono arrivate quando i prezzi nei mercati monetari hanno indicato che gli investitori si aspettavano che la Banca d’Inghilterra aumentasse i costi finanziari a quasi il 3% entro novembre, in aumento rispetto alle aspettative di appena una settimana fa del 2,6% e del tasso base.L’attuale 1,75% . I dati pubblicati la scorsa settimana hanno mostrato che l’inflazione nel Regno Unito è salita al livello più alto degli ultimi 40 anni a luglio.

Antoine Buffett, chief interest rate strategist di ING, ha affermato che l’annuncio di martedì da parte del Debt Management Office del Regno Unito che avrebbe venduto 1,5 miliardi di sterline di titoli di stato a breve termine giovedì ha aggiunto alla preoccupazione. La vendita avviene in un momento in cui la liquidità, o la facilità di acquisto e vendita di obbligazioni, si sta deteriorando nei mercati obbligazionari europei a causa delle vacanze estive e della crescente incertezza economica.

“Non è una cosa enorme con uno sforzo di immaginazione, ma mostra che quando si aggiunge l’esposizione a un mercato molto illiquido e nervoso, l’impatto può essere molto significativo”, ha detto Buffett.

READ  L'Italia salva 420 migranti nelle onde del Mediterraneo

Ha aggiunto che maggiori sono le fluttuazioni dei prezzi dell’oro, peggiore è la liquidità. “È una specie di scenario di pollo e uova”.

I prezzi delle obbligazioni a breve termine sono scesi anche nella zona euro, poiché il rendimento dei titoli del Tesoro tedeschi a due anni è aumentato di 0,08 punti percentuali allo 0,90 per cento e l’equivalente del titolo di debito italiano è aumentato di 0,05 punti percentuali all’1,87 per cento.

Mercoledì, gli investitori si aspettavano che la Banca centrale europea implementasse un aumento di un punto percentuale dei tassi di interesse entro ottobre, dall’attuale tasso zero sui depositi. La Banca centrale europea ha aumentato i tassi di interesse di mezzo punto percentuale a luglio, il primo aumento in oltre un decennio.

L’impennata dei rendimenti obbligazionari e delle aspettative sui tassi di interesse evidenzia come l’aumento dei prezzi del gas naturale in Europa e nel Regno Unito stia sollevando preoccupazioni per i già elevati livelli di inflazione. Lo standard europeo del gas è aumentato del 15% mercoledì fino a un nuovo livello di chiusura di € 300 per megawattora, mentre il prezzo del Regno Unito è aumentato del 13% a £ 5,58 per il riscaldamento. Ciò si confronta rispettivamente con € 200 e £ 3,49 all’inizio di agosto.

L’indice regionale Stoxx 600 in Europa è salito dello 0,2%. Nei mercati asiatici, l’Hang Seng di Hong Kong ha chiuso in ribasso dell’1,2% e il CSI 300 cinese è scivolato dell’1,9%, con crescenti preoccupazioni per l’indebitamento del massiccio mercato immobiliare del paese.

I mercati statunitensi sono stati più tranquilli mentre gli investitori attendono la conferenza della banca centrale attentamente seguita che inizierà giovedì. L’indice azionario S&P 500 di riferimento di Wall Street ha cancellato gran parte dei suoi primi guadagni per scambiare lo 0,2% in più nel trading di metà pomeriggio. L’indice Nasdaq Composite, ad alto contenuto tecnologico, è salito dello 0,5%.

READ  Draghi estende l'inaspettata tassa italiana sui gruppi di potere

I responsabili politici utilizzano spesso il simposio economico annuale della Federal Reserve a Jackson Hole, nel Wyoming, per fornire indicazioni sulla sua futura posizione politica e gli investitori guarderanno per capire con quale aggressività la banca centrale aumenterà i tassi di interesse nel resto dell’anno.

“La cautela è il nome del gioco nei mercati azionari con le aspettative che le politiche aggressive per domare l’iperinflazione continueranno nonostante i nuovi segnali di rallentamento dell’economia statunitense”, ha affermato Susanna Streeter, analista senior di investimenti e mercati di Hargreaves Lansdowne.

La combinazione di “massime opportunità di lavoro” e “inflazione elevatissima” ha reso l’approccio della Fed “il più pessimista”, ha affermato martedì sera il presidente della Fed di Minneapolis Neil Kashkari, precedentemente considerato il politico più pessimista della Fed. Molto chiaro: dobbiamo stringere la politica monetaria per bilanciare le cose”.

Un rapporto pubblicato mercoledì dal Dipartimento del Commercio ha mostrato che la spesa per materiali costosi nelle fabbriche statunitensi a luglio è aumentata leggermente più del previsto dagli economisti. Tuttavia, la misura della National Association of Realtors sui contratti firmati per l’acquisto di case usate negli Stati Uniti è scesa dell’1% a luglio rispetto al mese precedente, evidenziando le pressioni sul mercato immobiliare dovute ai tassi di interesse più elevati.