Giugno 16, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

“Vedo la fine del tunnel”, ha detto Catherine Lennard, la geografa sanitaria di Onamur.

Stiamo affrontando una crisi sanitaria da più di un anno. La situazione resta tesa. Gli indicatori dell’epidemia sono ancora alti, con 933 posti letto in terapia intensiva occupati e 201 ricoveri ospedalieri nelle ultime 24 ore. Tuttavia, sulla piattaforma di notizie QR, Catherine Lennard, Geografia della salute, vuole essere positiva:Vedo la fine del tunnel. Non siamo affatto nella stessa situazione dello scorso ottobre. Qui abbiamo possibilità speciali grazie alla vaccinazione e viene calcolato in settimane. Questo è l’ultimo sforzo che dobbiamo fare, credo.

Ripresa faccia a faccia al 100% del 3 maggio?

L’obiettivo della scuola era chiaro. Ritorno al 100% alle lezioni frontali dopo le vacanze di primavera. Ma alla fine il comitato consultivo ha deciso diversamente. Ora l’obiettivo è riprendere il lavoro faccia a faccia per l’intero liceo il 3 maggio.

Frederic Jacobs, capo del dipartimento di malattie infettive dell’ospedale Erasme, ha detto di aver capito il ritardo. “Il tasso di inquinamento è ancora alto anche se evitiamo questo grande picco della terza ondata. I pazienti Covid occupano più del 50% della terapia intensiva, lasciando pochissimo spazio per tutte le altre malattie. Sbloccare tutto in una volta era un’opzione molto pericolosa“.

Kathryn Lennard dice di essere cauta riguardo alla data del 3 maggio, ma rimane convinta che un recupero faccia a faccia al 100% possa avvenire prima della fine dell’anno scolastico.

L’ospitalità riapre l’8 maggio fino alle 20:00?

L’8 maggio il settore della ristorazione potrà riaprire le sue terrazze … se la situazione lo permetterà. Pertanto, non ci sono certezze o dettagli sul protocollo che verrà imposto al proprietario del ristorante. Tuttavia, nell’aria c’è l’idea di imporre la chiusura delle terrazze dalle 20:00. Per Frederick Jacobs è chiaro che non ci sono pericoli aggiuntivi per mangiare a mezzogiorno o alle 20:00.L’unica cosa che conta è forse quello che fai a fine pasto. A questo proposito, mi sembra che sia imperativo ritenere le persone responsabili. Se apriamo gli spalti, ciò non significa che io abbia una festa con tutti. D’altra parte, se chiudiamo alle 20:00, limiti fortemente la possibilità per i ristoranti di attirare clienti. Questa opzione non sembra una buona idea.

READ  Biografia | Ernest Rutherford - fisico e chimico

Il pericoloso viaggio?

Viaggiare inevitabilmente comporta dei rischi. Frédérique Jacobs spiega che viaggiare in una zona più colpita comporta chiaramente maggiori rischi. C’è anche il rischio di restituire la sostituzione. “Sappiamo che alcune variabili possono essere problematiche. È vero che l’alternativa britannica è già con noi, come l’alternativa sudafricana o brasiliana. Ma queste ultime due variabili rimangono per ora molto modeste con noi. Dobbiamo cercare di evitare di importare altre specie come l’India o altre da noi … Infine, c’è ancora un problema di comportamento di fondo che può essere alleviato per alcuni vacanzieri.

Per Catherine Lennard è comunque necessario rispettare le procedure procedurali dopo il viaggio. “I test e la conformità alla quarantena sono le armi per impedire che le varianti si diffondano qui.