Gennaio 24, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Variante COVID Omicron: cosa sappiamo e quanto dovremmo preoccuparci?

Omicron COVID-19 La variante è stata ora segnalata in 77 paesi.

Ma il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus dell’Organizzazione mondiale della sanità dice che la verità è che la variante a rapida diffusione “potrebbe essere presente nella maggior parte dei paesi anche se non è stata ancora scoperta”.

Per settimane, le autorità sanitarie si sono affannate per saperne di più su Omicron, identificato per la prima volta in Sudafrica alla fine di novembre.

Nelle settimane successive, il numero di nuove infezioni da Omicron in Sudafrica, Regno Unito e Danimarca è raddoppiato ogni due giorni, un “tasso di crescita allarmante”, secondo il dott. Eric Topol, direttore dello Scripps Research Translational Institute in California. . .

Tornato a casa, in meno di due settimane, l’Australia ha registrato più di 100 casi propri.

Persone in coda per la vaccinazione contro il COVID-19 al Lenasia South Hospital, vicino a Johannesburg. credito: Shiraaz Mohamed/AP

Nel Nuovo Galles del Sud, le autorità stanno lottando per contenere diversi eventi di trasmissione di grandi dimensioni, inclusi i casi di Omicron, con 122 casi del nuovo ceppo ufficialmente registrati nello stato e altri previsti.

Altrove, sei casi di Omicron sono stati registrati nell’Australia Meridionale, 13 nel Victoria, almeno cinque nel Queensland e 14 nell’ACT.

Allora, cosa sappiamo di Omicron?

Alla fine di novembre, era L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato Omicron (B.1.1.529) una “variante di preoccupazione” – in gran parte dovuta a un numero senza precedenti di mutazioni.

Martedì sono stati rilasciati nuovi dati dal Sudafrica, che forniscono alcune informazioni sull’impatto della variante Omicron.

L’analisi indica che il virus altamente trasmissibile può causare malattie meno gravi e può essere rallentato, ma non fermato dai vaccini esistenti. I risultati sono preliminari e non sottoposti a revisione paritaria, ma sono coerenti con le prime prove aneddotiche.

È più trasmissibile o grave??

Il Dipartimento della Salute australiano afferma che i primi dati suggeriscono che l’Omicron è più trasmissibile, ma sono necessarie ricerche per capire se ciò sia dovuto “alla stessa variabile o ad altri fattori”.

Anche la gravità associata a Omicron rimane sconosciuta, ma i primi rapporti suggeriscono una malattia lieve, almeno nelle popolazioni più giovani, ma una certa immunità da precedenti vaccini o infezioni potrebbe svolgere un ruolo.

Una donna si sottopone a un test per il COVID-19 al Lenasia South Hospital, vicino a Johannesburg, in Sudafrica.
Una donna si sottopone a un test per il COVID-19 al Lenasia South Hospital, vicino a Johannesburg, in Sudafrica. credito: Shiraaz Mohamed/AP

Un quadro più chiaro della gravità di Omicron verrà dall’analisi dei risultati per un numero maggiore di persone infette, in particolare i pazienti più anziani, non vaccinati e precedentemente non infetti.

A novembre, Il professor Paul Kelly, direttore sanitario australiano, ha osservato che sarebbe difficile fare un confronto Dati sulla gravità della malattia in Sudafrica rispetto all’Australia a causa della diversa copertura vaccinale e dell’aspettativa di vita.

Il governo ha detto che spera che maggiori informazioni saranno disponibili nelle prossime settimane poiché “il mondo lavora insieme per capire di più su Omicron”.

Il vaccino può reinfettarlo o eluderlo?

Nel suo ultimo rapporto, l’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che ci sono stati i primi segni di vaccinazione e che le persone precedentemente infette non avrebbero prodotto abbastanza anticorpi per allontanare l’infezione da Omicron.

La variante Omicron contiene circa 50 mutazioni che non sono state viste collettivamente prima, incluse più di 30 sulla proteina uncinata che il coronavirus usa per legarsi alle cellule umane.

I vaccini attuali prendono di mira l’alto contenuto di proteine, rendendo il gruppo di mutazioni un potenziale problema.

A questo punto, ha affermato il governo, i vaccini attuali sembrano rimanere efficaci contro malattie gravi e morte.

Un operatore sanitario prepara un vaccino Pfizer in una farmacia di Melbourne.
Un operatore sanitario prepara un vaccino Pfizer in una farmacia di Melbourne. credito: Daniel Bouquet/AAPIMAGE

Un piccolo studio di un istituto di ricerca sudafricano ha suggerito che Omicron potrebbe eludere parzialmente la protezione da due dosi del vaccino Pfizer. Il produttore del farmaco ha affermato che una terza dose di richiamo del suo vaccino è stata maggiormente in grado di neutralizzare l’Omicron in laboratorio.

Questi risultati dovrebbero essere confrontati con le prestazioni delle persone vaccinate nel mondo reale contro Omicron.

Circa l’89,9 per cento degli australiani di età pari o superiore a 16 anni ha ricevuto una vaccinazione completa, ovvero più di 18,5 milioni. Tuttavia, ha ricevuto poco più di 985.000 terze dosi.

Simbolo chevron destro

Voglio essere molto chiaro: i vaccini da soli non faranno uscire nessun paese da questa crisi

Mercoledì, il direttore generale dell’OMS, il dott. Tedros, ha avvertito che Omicron si stava “diffondendo a un ritmo che non abbiamo ancora visto”.

“Siamo preoccupati che le persone stiano liquidando Omicron come lieve. Anche se Omicron causa malattie meno gravi, l’enorme numero di casi potrebbe nuovamente sopraffare i sistemi sanitari impreparati”, ha affermato.

Devo essere molto chiaro: i vaccini da soli non faranno uscire nessun paese da questa crisi.

“I paesi possono e devono prevenire la diffusione di Omicron con le misure che oggi funzionano.

Non sono vaccini al posto delle mascherine, vaccini al posto del distanziamento, vaccini al posto della ventilazione o vaccinazioni al posto dell’igiene delle mani. Fallo tutto. Fallo costantemente. Fallo bene.”

Gli australiani dovrebbero preoccuparsi?

L’epidemiologo Raina McIntyre del Kirby Institute presso l’Università del New South Wales ha dichiarato: 7NEWS.com.au Questo è in breve, sì.

Ma Omicron non è necessariamente l’intero problema.

“Stiamo vedendo sia Delta che Omicron in Australia in questo momento. Il drammatico aumento dei casi nel NSW è principalmente delta e a causa dell’allentamento delle restrizioni da ottobre – era previsto, ma più alto del previsto in questa fase iniziale”, ha affermato. .

“Con NSW determinato a tagliare i mandati dei visori e ad andare avanti con la tabella di marcia, invariata, nonostante l’alto R0, è molto preoccupante… e in aggiunta a ciò, abbiamo Omicron nel mix con alcuni importanti eventi di superspreader”.

Gli operatori sanitari amministrano i test COVID-19 drive-through attraverso il centro di test di Sydney.
Gli operatori sanitari amministrano i test COVID-19 drive-through attraverso il centro di test di Sydney. credito: James Gurley/AAPIMAGE

“Con il calo delle celebrazioni natalizie e la consapevolezza della riduzione della protezione da due dosi di Omicron, possiamo aspettarci di vedere presto Omicron aumentare”.

Il professor MacIntyre ha affermato che i booster sarebbero “cruciali” nella lotta contro Omicron.

“Mentre le due dosi non proteggono molto bene da Omicron, la protezione salta bruscamente dopo tre dosi”, ha detto.

Simbolo chevron destro

Lungo ritardo… sfortunato

“Il lungo ritardo nel consentire la terza dose nel mezzo della pandemia, con solo il 3% della popolazione vaccinata con tre dosi, è sfortunato.

L’unica cosa che ci proteggerà dall’effetto di Omicron sono gli alti tassi di immunizzazione con la terza dose.

“Dobbiamo anche occuparci della ventilazione (aria interna sicura) e mantenere i mandati delle maschere”.

– Con AAP/AP

READ  I timori di Panama potrebbero essere influenzati dalla nuova fuga di notizie di Pandora Papers di ICIJ