Maggio 12, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Variabili di minaccia | Ai voli dall’India e dal Pakistan è stato vietato l’ingresso in Canada

(Ottawa e Quebec) Il governo Trudeau ha sospeso per un mese i voli dall’India e dal Pakistan a causa della minaccia delle varianti.




Melanie MarquezMelanie Marquez
Giornalismo

Joel Dennis BellavansJoel Dennis Bellavans
Giornalismo

Fanny LevesqueFanny Levesque
Giornalismo

Il ministro dei Trasporti Omar Al-Ghubra ha affermato che la misura entrerà in vigore giovedì alle 23:30 e interesserà tutti i voli commerciali e privati. Non ha escluso la possibilità di estendere il divieto in base all’evoluzione della situazione.

Inoltre, i viaggiatori provenienti da questi due paesi e che si fermano in un altro paese sono tenuti a presentare un test di screening negativo che è stato condotto durante questo scalo. Ha detto in una conferenza stampa alla quale hanno partecipato un totale di cinque ministri.

Se i voli dal Pakistan sono vietati è perché “se si guarda al numero di persone arrivate in Canada dal Pakistan [et] Il numero di vittime all’arrivo è stato abbastanza allarmante [pour promulguer l’interdiction] “Ha spiegato il ministro Dominic LeBlanc.

Il Brasile, anch’esso alle prese con un’esplosione di varianti, non è interessato dal provvedimento, non essendoci voli diretti per il Canada. Ma Ottawa sta monitorando da vicino la situazione e non esiterà ad adattarsi se necessario in futuro, come i ministri hanno promesso a loro volta.

Nel fare questo commento, il ministro Al-Ghubra ha chiesto la necessità di evitare la stigmatizzazione di alcuni paesi. “Questo virus non è né cinese né indiano”, ha detto, poiché apparentemente voleva prevenire un aumento degli incidenti contro la comunità asiatica.

Il governo non ha fornito alcuna documentazione in dettaglio questa procedura. Quanto ai ministri, hanno risposto alle domande di tre giornalisti durante l’ipotetica conferenza stampa annunciata prima del voto alla Camera dei Rappresentanti.

READ  Seminario: membri della piattaforma sanitaria Mama Na Moana in formazione.

I liberali sono sotto pressione

Stavano aumentando le pressioni sul governo per agire sulla questione.

La Camera dei Comuni ha adottato poche ore fa la proposta del blocco chiedendo al governo di fermare “immediatamente” i voli provenienti da alcuni paesi dove le variabili sono molte.

La proposta prevedeva “l’immediata sospensione dei voli passeggeri non necessari da paesi con un alto tasso di prevalenza per le varianti di COVID-19, tra cui India e Brasile, come avvenuto durante la sospensione dei voli dal Regno Unito il 20 dicembre 2020”.

La variante britannica B, 1,1,7 oggi rappresenta la stragrande maggioranza dei casi rilevati in Quebec. Secondo i dati diffusi giovedì dall’Istituto nazionale di sanità pubblica del Quebec (INSPQ), rappresenta il 94% del numero cumulativo del 10% dei casi variabili identificati dal sequenziamento genetico.

In serata, Bloc Québécois ha elogiato il gesto del governo.

“Buona decisione. Il Quebec, le province e la Camera dei Comuni hanno dovuto esercitare pressioni sul governo federale con una proposta del blocco del Quebec per agire finalmente al confine”, Christina Michaud, autrice della proposta che è stata approvata alla Camera di Commons, ha risposto del blocco del Quebec.

Anche il Partito Nazionale Democratico si è mobilitato per questa misura.

Il governo federale deve essere proattivo e adottare misure scientifiche rigorose per limitare l’arrivo di casi di COVID-19 dall’estero, comprese nuove restrizioni alle frontiere. Il vice leader dell’NDP Alexander Polleris ha sostenuto.

La leader conservatrice Irene O’Toole ha dato il via al mattino, invitando i liberali ad agire. In una conferenza stampa, ha affermato che il rallentamento del governo Trudeau nella chiusura dei confini del Canada in passato ha minato gli sforzi delle autorità nella loro lotta contro la diffusione del virus.

READ  COVID-19: La salute pubblica non dispone di dati sulla trasmissione esterna | Corona virus

Anche Legault era ansioso

In Quebec, François Legault era anche preoccupato per il controllo del confine canadese. Lui e la sua controparte in Ontario, Doug Ford, hanno scritto una lettera a Justin Trudeau chiedendo ulteriori salvaguardie sui confini terrestri tra Canada e Stati Uniti e una riduzione dei voli internazionali in arrivo.

La lettera è stata firmata dai due primi ministri, ma Legault afferma anche di avere il sostegno dei leader della British Columbia e dell’Alberta. “Penso che ci sia già molto che ha fatto Trudeau”, ha detto giovedì Legault, “ma con l’alternativa indiana, l’alternativa brasiliana, dobbiamo ancora stare più attenti”.

Ha citato alcuni esempi, come le persone che eludono i requisiti di quarantena all’arrivo nel paese e i passeggeri che si sono imbarcati su un volo con “certificati di prova falsi negativi”. Nella loro lettera, hanno scritto che era “urgente” per Ottawa “risolvere” questi due problemi.

Mr. Legault non ha chiesto formalmente al Canada di sospendere i suoi viaggi con l’India, ad esempio. Il primo ministro ha anche detto che le province hanno concordato tra loro di “fare tutto ciò che è in loro potere” per limitare gli spostamenti tra le province.

Variante indiana

Il primo caso di tipo indiano è stato scoperto mercoledì nella provincia di Maurice Centre de Quebec. Secondo il direttore nazionale della sanità pubblica dS Horacio Arruda, il ceppo identificato tramite la sequenza “non contiene necessariamente le stesse mutazioni che si osservano attualmente in India”.

Ha detto che la sua resistenza al vaccino “è ancora teorica”, spiegando di non avere “ancora informazioni accurate” sull’argomento. “In ogni caso, ciò che è importante è che abbiamo una situazione di interferenza aggressiva come adesso, sia che si tratti di una variante indiana o di un’altra variante”, ha aggiunto il dott.S Strada.

READ  Il governo "incoraggia tutti gli operatori sanitari" a rafforzare gli ospedali

Inoltre, la persona con questo tipo è stata isolata “al momento opportuno in quel momento” e “non sembra che ci siano altre trasmissioni in questo momento”. Ha spiegato che il contesto epidemiologico è ancora oggetto di indagine.

Francois Lego, da parte sua, ha reso la situazione relativamente: “Non è l’ultima alternativa, ci saranno boom”, ha detto. “La preoccupazione che abbiamo ancora è il vaccino [est efficace contre un nouveau variant] Mr. Legault è stato aggiunto.