Agosto 12, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Vaiolo delle scimmie: sabato il capo dell’OMS dirà se aumenta il livello di allerta più alto

Un comunicato stampa delle Nazioni Unite emesso venerdì sera ha affermato che il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus terrà una conferenza stampa virtuale alle 13:00 GMT di sabato 23 luglio.

Altri ospiti a questo punto saranno annunciati in un secondo momento, secondo la dichiarazione.

La dichiarazione non spiega la natura dell’annuncio del dottor Tedros, con casi di vaiolo delle scimmie che ora colpiscono più di 15.800 persone in 72 paesi, secondo il dashboard dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) degli Stati Uniti a partire dal 20 luglio.

Il capo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha il compito di dichiarare potenzialmente un’emergenza sanitaria pubblica di importanza internazionale, il più alto livello di preparazione dell’agenzia sanitaria, sulla base delle raccomandazioni del Comitato di emergenza.

Questo gruppo di esperti si è riunito giovedì a Ginevra e tramite collegamento video per 7 ore.

Il Comitato di Emergenza ha valutato gli indicatori epidemiologici per determinare il modo migliore per contenere la situazione sanitaria, che nelle ultime settimane è peggiorata.

Nella prima riunione del 23 giugno, la maggioranza degli esperti ha raccomandato al dottor Tedros di non dichiarare un’emergenza sanitaria pubblica di portata internazionale.

L’insolito aumento dei casi di vaiolo delle scimmie è stato rilevato all’inizio di maggio al di fuori dei paesi dell’Africa centrale e occidentale, dove da allora il virus è endemico in tutto il mondo, con l’Europa come epicentro.

Scoperto per la prima volta negli esseri umani nel 1970, il vaiolo delle scimmie è meno pericoloso e contagioso del suo cugino vaiolo, che è stato sradicato nel 1980.

Nella maggior parte dei casi, i pazienti sono uomini che hanno rapporti sessuali con uomini, sono relativamente giovani e vivono principalmente nelle città, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

READ  Cerca per smettere di cantare al di fuori della melodia

Uno studio pubblicato giovedì sul New England Journal of Medicine, il più grande sull’argomento e basato su dati provenienti da 16 diversi paesi, ha confermato che la stragrande maggioranza – 95% – dei casi recenti è stata trasmessa durante il contatto sessuale e che il 98% dei casi colpiti sono uomini Gay e bisessuali.