Settembre 17, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Vaccinazione degli operatori sanitari | Il Quebec prenderà presto una decisione

(Quebec) Che gli piaccia o no, gli operatori sanitari potrebbero dover ottenere un vaccino contro il COVID-19 tra non molto.


Jocelyn Richer
Stampa canadese

Il ministro della Salute, Christian Duby, ha indicato in una conferenza stampa martedì che stava studiando questo scenario e che avrebbe preso una decisione in merito a brevissimo termine.

Con l’inizio della quarta ondata della pandemia di coronavirus, a causa della crescente presenza tra le nostre mura della variante del delta, considerata altamente contagiosa, il governo sta cercando con tutti i mezzi di minimizzare l’impatto.

“Nei prossimi giorni dovremo prendere una decisione con la sanità pubblica sulla vaccinazione degli operatori sanitari”, ha commentato il ministro.

Ha aggiunto che nell’ambito di una variante altamente contagiosa e “pericolosa”, non esiterebbe ad andare in quella direzione. “Se è necessario apportare modifiche agli operatori sanitari, lo faremo rapidamente”, ha affermato.

Finora il Quebec ha sempre resistito alla tentazione di costringere gli operatori sanitari, invitandoli a lavorare a stretto contatto con i malati e i più vulnerabili della società, a vaccinarsi contro il virus COVID-19.

La retorica è cambiata, ha aggiunto, perché per gli operatori sanitari «ci stiamo ovviamente pensando in questo momento».

I dati attualmente disponibili differiscono sulla percentuale di operatori sanitari che sono stati completamente immunizzati. Secondo le fonti consultate, si stima che tra il 77% e il 90% dei lavoratori di questo settore siano stati vaccinati.

Attualmente, gli operatori sanitari che rifiutano di ricevere la vaccinazione devono essere testati tre volte a settimana.

Tuttavia, il Quebec è più riluttante a imporre la vaccinazione ai dipendenti di altri settori.

READ  LeBron risponde dopo le voci sulla sua salute!

La conferenza stampa del ministro si è concentrata principalmente sull’imminente implementazione del passaporto vaccinale, che consentirà alle persone completamente vaccinate di accedere ad alcuni luoghi pubblici, come ristoranti e palestre. Nel tipo di istituzioni in cui si preferisce il passaporto, i dipendenti non saranno tenuti a vaccinare, a differenza dei clienti.

A questo proposito, il ministro Dube ha chiarito che il governo si atterrà alle regole del Codice del lavoro, almeno “per il momento”.

Secondo la sua comprensione delle cose, la vaccinazione dei dipendenti “non possiamo richiederla”.

“C’è davvero una differenza che facciamo tra cliente e dipendente”, si qualifica, perché lavorare legalmente è un diritto.

Nessun commento sul caso degli insegnanti.

La scorsa settimana, l’opposizione liberale ha chiesto la vaccinazione obbligatoria degli operatori sanitari per proteggere meglio i pazienti. Anche la Canadian Medical Association e la Canadian Nurses Association.

Di recente, il primo ministro Justin Trudeau ha anche sollevato la possibilità di imporre la vaccinazione a determinate categorie di dipendenti del governo federale.