Agosto 6, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Ut4M, una corsa per la scienza

I rimorchi appena lanciati nella pionieristica corsa di 160 km dell’Ut4M sono monitorati dal Grandeur Nature Laboratory, in collaborazione con Inserm e l’ospedale universitario di Grenoble. Oggetto dello studio: L’effetto della corsa sulla salute delle articolazioni del ginocchio e sui livelli di zucchero nel sangue durante l’esercizio.

Si stanno preparando da mesi per sostenere il primo test del 160 Xtrem, l’Ut4M. Questa gara di 169 chilometri (per l’esattezza), che inizia venerdì 16 luglio alle 16:00, metterà in gioco i loro corpi e dirà loro di spingere i propri limiti. 11.300 metri di dislivello in programma tra Vercors, Belledonne, Taillefer e Chartreuse.

I migliori impiegheranno senza dubbio meno di 28 ore per fare il super tour dei quattro massicci che circondano Grenoble, mentre altri gireranno quasi il doppio e trascorreranno diversi giorni e notti in montagna per raggiungere il traguardo. Ogni bandiera ha le sue gare.

Uno scorcio dell’evento “Ut4M 160 Xtrem” che copre i quattro massicci intorno a Grenoble.

© Ut4M

Quaranta corridore “cavia”

L’Ut4M 160 Xtrem sarà anche una corsa per la bandiera. Una quarantina di rimorchi hanno accettato di fare da cavie ai ricercatori: 20 nella 40 km e 20 nella 160 Xtrem.

Da diversi mesi rispondono a questionari, eseguono test e fanno risonanza magnetica per Nature’s Laboratory Grandeur: una piattaforma di ricerca creata congiuntamente da Ut4M, il Laboratorio HP2 dell’Università di Grenoble Alpes (INSERM) e l’Unità di malattie dello sport del CHU Grenoble Alpi, diversi anni fa, per condurre questi studio scientifico a lungo termine.

“Stiamo esaminando in particolare come la qualità vascolare e del sangue può essere modificata da uno sforzo estremo in montagna e come avverrà il recupero nelle prossime settimane”.Spiega Samuel Verges, direttore della ricerca presso il laboratorio Hp2, che era lui stesso un ex atleta di alto livello. Nella sala di consultazione dell’ospedale di Grenoble viene eseguita un’ecografia dell’arteria femorale Considerare l’interazione vascolare.

“Vogliamo vedere lo spessore del sangue prima e dopo la gara e la reazione arteriosa, che sono due fattori importanti per le prestazioni ma anche per il rischio cardiovascolare”.Indica il dott. Stephane Dutrilo, presidente dell’elettrodo toracico e vascolare presso il Dipartimento di sport e malattie del CHU Grenoble Alpes.

I rimorchi vengono sottoposti a test presso il Laboratorio Natura di Grandeur durante Ut4M.

I rimorchi vengono sottoposti a test presso il Laboratorio Natura di Grandeur durante Ut4M.

© Francia 3 Alpes – Merieme Stiti

Test prima, durante e dopo la gara

Venerdì pomeriggio, prima di partire, le cavie hanno effettuato un esame del sangue e della pressione sanguigna. È inoltre dotato di sensori transdermici per misurare i livelli di zucchero nel sangue in tempo reale e continuamente durante la gara.

READ  Proposte dei candidati per la salute

“Soprattutto la glicemia ci permetterà di consigliare i runner e aiutarci ad andare avanti perché non abbiamo molti dati sui livelli di glucosio nel sangue nelle persone con fasi di resistenza intense e prolungate come i runner. Ut4M”, afferma il dottor Stephane Dutrilo.

“Poiché la corsa su pista si è sviluppata fortemente negli ultimi anni, sono state sollevate molte domande sull’impatto di tale pratica sulla salute”.Aggiunge Samuel Verges. Soprattutto per quanto riguarda la salute dell’articolazione più preziosa di un corridore: il ginocchio.

Ginocchio nel mirino

I ricercatori si chiedono perché raramente hanno l’opportunità di studiare gli effetti sull’articolazione prima, durante e dopo uno sforzo di questa portata. “Questo promuoverà l’insorgenza dell’osteoartrite a lungo termine? Danneggerà la cartilagine?” Tante le domande di interesse per il dottor Stephane Dutrilo, desideroso di dare un’occhiata più da vicino alle articolazioni.

Una volta tagliato il traguardo, i concorrenti dovranno effettuare uno sprint finale per raggiungere il Grenoble Hospital Center e sottoporsi a una risonanza magnetica. “Entro quattro ore di test”. Tuttavia, ascoltarli non finirà.

“Li rivedremo un mese dopo per una risonanza magnetica al ginocchio, per vedere se la cartilagine si è ripresa o se ci sono ancora sequele., Egli ha detto.

Un corridore su tre si infortuna o si ammala a causa della pista

I ricercatori avevano già i dati dei sondaggi dati a 550 rimorchi. Il 34% di loro ha dichiarato di essere stato ferito o ammalato nell’ultimo anno in relazione alla sua pratica di corsa in corsia.

“La frequenza degli infortuni non sembra variare con le ore e i chilometri di allenamento, ma è più alta tra i rimorchi che raggiungono meno di 1.000 metri di dislivello a settimana”Note di laboratorio.

READ  Covid-19 e fattori genetici che ne influenzano la gravità

“Sembra anche che l’allenamento sul terreno con grandi dislivelli non aumenti necessariamente il rischio di lesioni, il che è alquanto rassicurante per i rimorchi che salgono costantemente passi di montagna. C’è anche un legame tra infortuni e alcuni comportamenti alimentari inappropriati, consumo energetico esercizio intenso”., dice Samule Vergès.

Fornire misure di supporto

Questa ricerca globale, iniziata in diverse edizioni di Ut4M, mira ad aumentare la conoscenza degli aspetti fisiologici, biomeccanici, psicologici, sociali o fisici.

“Il nostro ruolo è dimostrare gli importanti limiti e le esigenze della corsa in montagna, ma anche dimostrare le migliori misure di supporto e prevenzione che possono essere messe in atto per raggiungere questo obiettivo. La migliore salute possibile”, conclude il Direttore della Ricerca in Fisiologia.