Maggio 21, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

US Capitol Attack Committee vota per raccomandare il processo di impeachment della coppia Trump | Donald Trump

Il comitato ristretto della Camera per indagare sull’attacco al Campidoglio ha votato lunedì per raccomandare procedimenti penali contro due… Donald TrumpGli ex massimi aiutanti della Casa Bianca – Peter Navarro e Dan Scavino – per aver sfidato le citazioni nel tentativo di minare l’indagine del 6 gennaio.

Il comitato ristretto ha approvato all’unanimità il rapporto sul disprezzo del Congresso che stava esaminando. Le citazioni stanno ora andando al voto davanti alla Camera dei rappresentanti controllata dai democratici, che dovrebbe approvare risoluzioni da trasmettere al Dipartimento di Giustizia.

Il membro del Congresso Benny Thompson, presidente del comitato ristretto, ha affermato nella votazione che il comitato stava cercando procedimenti penali nei confronti di Navarro e Scavino per penalizzare la loro mancata collaborazione per accuse di privilegio esecutivo che non ha riconosciuto.

“Il privilegio esecutivo non appartiene a nessun funzionario della Casa Bianca. Appartiene al presidente. Qui, il presidente Biden è stato chiaro che il privilegio esecutivo non preclude la cooperazione con il comitato selezionato dal signor Scavino o dal signor Navarro”, ha affermato Thompson.

“Anche se il capo invoca il privilegio esecutivo in relazione alla testimonianza di un testimone – cosa che non è il caso qui – quel testimone è tenuto a prestare giuramento e ad affermare il privilegio di porre una domanda. Ma questi testimoni non si sono presi la briga di partecipare .”

Il voto per avanzare le citazioni di disprezzo contro due aiutanti di Trump è arrivato alla Casa Bianca mentre il comitato ristretto avrebbe dovuto incontrarsi per discutere se chiedere a Jenny Thomas, moglie del giudice della Corte Suprema Clarence Thomas, di assistere nelle indagini.

era la squadra Cooperazione cercata da Navarroun ex consigliere di Trump, per aver contribuito a pianificare un piano illegale con gli agenti nella “stanza della guerra” di Trump a Washington per impedire all’allora vicepresidente Mike Pence di certificare la vittoria elettorale di Joe Biden.

La commissione ha affermato nel suo rapporto sul disprezzo che Navarro ha lavorato con gli avvocati della campagna di Trump per fare pressione sui legislatori negli stati del campo di battaglia che hanno visto Biden riconquistare i risultati e inviare le liste degli elettori di Trump per l’approvazione del Congresso.

Il comitato ha aggiunto che l’ex aiutante di Trump ha incoraggiato l’allora capo dello staff della Casa Bianca Mark Meadows a chiamare l’attivista politico Roger Stone per discutere del 6 gennaio e in coordinamento con l’agente della Willard War Room Steve Bannon nei giorni precedenti l’attacco al Campidoglio.

Ma Navarro ha detto al comitato ristretto – senza fornire alcuna prova – che l’ex presidente ha affermato il privilegio esecutivo sul contenuto della citazione del mese scorso, rifiutandosi di fornire documenti o testimonianze.

Anche lui ha salutato per mesi Ha chiesto aiuto con le sue indagini Da Scavino, l’ex vice capo di stato maggiore per le comunicazioni della Casa Bianca, poiché ha partecipato a diversi incontri con Trump dove si è discusso di frodi elettorali.

Ma dopo che il comitato ha concesso sei proroghe a Scavino che hanno spinto le date di citazione da ottobre 2021 a febbraio 2022, l’ex aiutante di Trump ha anche detto agli investigatori della Camera che non avrebbe rispettato l’ordine perché Trump ha invocato il privilegio esecutivo.

Il comitato ristretto ha respinto queste argomentazioni sul privilegio esecutivo, affermando che né Navarro né Scavino avevano motivi per contestare completamente le citazioni o perché Trump non ha invocato formalmente protezione, o perché Biden alla fine le ha cedute.

Il membro del Congresso Jimmy Raskin, apparentemente visibilmente arrabbiato mentre leggeva le note del voto, ha criticato le accuse di privilegio esecutivo. “Per favore, evita le chiacchiere senza senso sul privilegio esecutivo, che ora è stato respinto da ogni tribunale che lo ha esaminato”, ha detto Raskin.

Questa è l’America, e qui non c’è prerogativa esecutiva per i presidenti, per non parlare di consiglieri addestrati, per pianificare colpi di stato e organizzare insurrezioni contro il governo popolare nella costituzione popolare e poi nascondere le prove dei loro crimini.

“Questi due uomini disprezzano il Congresso, dobbiamo dire, per il loro franco disprezzo per i loro doveri e per le nostre leggi e istituzioni”, ha detto Raskin di Navarro e Scavino.

La giuria ha anche affermato che, anche se ha accettato le accuse di privilegio esecutivo, gli ex assistenti di Trump non avevano motivo di ignorare del tutto le citazioni perché hanno anche chiesto documenti e testimonianze sulle questioni non privilegiate.

Il comitato ha aggiunto che l’Office of Legal Counsel del Dipartimento di Giustizia ha stabilito di non avere alcuna base per contestare la richiesta del documento nella citazione, osservando che non vi era alcuna presunta immunità alla presentazione di documenti non contrassegnati al Congresso.

Con un voto di disprezzo, il vicepresidente della commissione Liz Cheney ha esortato il Dipartimento di giustizia a respingere le argomentazioni degli assistenti di Trump per contestare le citazioni in giudizio se la Camera dei rappresentanti effettua i deferimenti penali previsti.

Il Dipartimento di Giustizia ha il compito di difendere la nostra costituzione. Cheney ha affermato: “La leadership del dipartimento non dovrebbe applicare alcuna dottrina sull’immunità che potrebbe impedire al Congresso di rivelare e affrontare completamente le cause dell’attacco del 6 gennaio”.

READ  Difetto non identificato attraversa il confine con la Corea del Nord