Settembre 23, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Uomo espulso dall’Italia per l’accusa di aver ucciso 39 migranti in un camion nell’Essex

Un uomo è stato espulso dall’Italia per affrontare un tribunale del Regno Unito per un’indagine sulla morte di 39 immigrati vietnamiti in un rimorchio per camion tenuto in frigorifero.

Rose Stephen Damian, 27 anni, è stata consegnata dall’Italia giovedì dopo essere stata arrestata il 10 giugno fuori Milano, ha detto la polizia dell’Essex.

Venerdì è comparso davanti alla corte dei magistrati di Colchester, accusato di cospirazione per favorire l’immigrazione illegale, incitamento o favoreggiamento a un crimine.

La sua prossima udienza è fissata per il 1 ottobre a Old Bailey, ha detto un funzionario del tribunale.

Poco dopo che il trailer è arrivato sulla barca da Jeep, in Belgio, nelle prime ore del 23 ottobre 2019, i corpi di 39 cittadini vietnamiti sono stati trovati in un parco industriale a Grace, nell’Essex.

Uomini, donne e bambini sono 10 ragazzi, di cui due ragazzi di 15 anni.

Molti, inclusi molti dell’Irlanda del Nord, sono già stati condannati e puniti per il loro ruolo nella tragedia.

Tra loro c’era Ronan Hughes, proprietario della società Holez di Go Armack, condannato a 20 anni di carcere per 39 tipi di omicidio e cospirato per portare illegalmente persone nel paese. Giorgie Nikka, 43 anni, capobanda dell’Essex, è stata incarcerata per 27 anni.

Il camionista di Newman Eamon Harrison, 24 anni, di New York, che ha consegnato il rimorchio al Jeep Bridge, è stato condannato a 18 anni di carcere, mentre Maurice Robinson, 26 anni, del Kirghizistan, che ha ritirato il rimorchio da Burfleet e ha trovato i corpi, è stato condannato a 13 anni di carcere. Genocidio e rapimento.