Novembre 30, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

uomo e marca

Dalle montagne innevate del Friuli, in Italia, al centro industriale di Torino, parlano ancora dell’uomo raggiante e del temperamento focoso. La sua presenza si fa ancora sentire in ogni showroom. Il suo spirito guida ancora ogni cacciavite in ogni garage di Formula 1.

Più di tre decenni dopo la sua morte nel 1988, ricordo il nome di Enzo Ferrari per le strade d’Italia e la reazione fu come un granello di questo famigerato rosso.

“Ferrari?” Racconta un giovane adolescente italiano che gioca con un modellino di auto da corsa per strada fuori dalla sua casa di periferia a 100 chilometri a nord di Venezia. “Questo è quello che voglio correre da grande”.

C’è passione nel suono del nome Ferrari. C’è l’orgoglio italiano che nasce dal cuore. Il nome stesso è il suo marchio. L’azienda rimane un punto di riferimento per molti concorrenti. È un simbolo di eroismo, performance e stile. È potere, influenza e risultati.

Ferrari, l’uomo, è rimasto colpito dal suo posto nella storia e dal suo posto nella sua terra natale, se non altro perché era così parte integrante del successo che ha contribuito a raggiungere. La Ferrari richiedeva disciplina a tutti quelli che lo circondavano. La Ferrari ha chiesto e ottenuto i risultati.

Ma difficilmente si è evoluto dall’oggi al domani.

Nata all’inizio del 1898 da una famiglia borghese di Modena, la storia di Ferrari è la storia di successo dell’automobile dalla povertà alla ricchezza. È cresciuto in un piccolo mondo di ingegneria dove suo padre gestiva un negozio di costruzioni metalliche, producendo capannoni e binari ferroviari in campagna. La Ferrari trovò grande gioia per il funzionamento interno dell’officina e poco interesse per la scuola.

READ  Il proprietario di Ray-Ban, Leonardo del Vecchio, è passato da povertà a miliardario

Da giovane aveva tre ambizioni: un cantante d’opera; Giornalista sportivo e pilota di corse. Non ha mai cercato i primi due e, nonostante qualche lotta, ha prosperato con il terzo.

Dopo aver perso il fratello e il padre nella prima guerra mondiale, Ferrari fu arruolato in servizio nel 1916 e prestò servizio di pastore di muli nelle campagne. Dopo aver contratto il virus dell’influenza due anni dopo, è stato rilasciato dall’esercito e rimandato a casa, dove l’azienda di famiglia è crollata. Sua madre vedova era sull’orlo della povertà.

Con una onorevole lettera di congedo in mano, Ferrari ha cercato di iniziare la sua carriera in Fiat quando aveva 21 anni. Ma la casa automobilistica di Torino non era interessata a questo.

Alla fine, la Ferrari è stata assunta da un piccolo produttore di auto sportive. Pochi anni dopo entra a far parte della divisione corse dell’Alfa Romeo. Lì aiutò l’Alfa a far crescere il lato racing delle sue attività vincendo alcuni dei primi eventi sportivi del dopoguerra.

La Ferrari ha mostrato calma ed equilibrio al volante, un talento naturale per lo sport e ha cercato di aiutare a far crescere l’attività da solo.

Sebbene non fosse un ingegnere per natura, Ferrari conosceva il talento ingegneristico quando lo vide. Un ragazzo grosso con un debole per la socializzazione, ha lentamente costruito l’industria delle corse Alfa attirando i migliori talenti di altre aziende, tra cui la sua recluta più famosa, Vittorio Jano, il famoso designer Fiat.

Allo stesso tempo, anche la Ferrari si stava creando la propria nicchia. Gareggiando sotto la propria bandiera per l’Alfa – un cavallo che salta su uno sfondo giallo – la Ferrari alla fine ha costruito abbastanza credibilità e successo per avviare la propria squadra di corse. Un decennio dopo, l’ha trasformata in un’azienda a tutti gli effetti.

READ  Israele vende due aerei spia e servizi logistici all'Italia per 550 milioni di dollari

Fondata nel 1946, prima che la Ferrari compisse 50 anni, creò un’organizzazione che avrebbe dato una nuova direzione alle corse automobilistiche e alla costruzione di automobili. La prima vettura che porta il suo nome ha stabilito questa tendenza negli anni a venire.

Come ha scritto una volta la pubblicazione economica Automotive News Europe, “La sua passione ha fatto la differenza”.

Ha guidato da un esempio diverso. Non andava mai in vacanza, spesso mettendo i suoi piloti l’uno contro l’altro pensando che avrebbe fatto meglio. A volte lo era, anche se l’ambiente di lavoro era spesso caustico.

Negli anni ’50 l’Italia stava vivendo un boom del dopoguerra, soprattutto al nord. Man mano che l’Italia cresceva, cresceva anche la Ferrari, con Enzo al volante. Le sue squadre hanno vinto le gare e le sue auto ad alte prestazioni sono diventate l’invidia di ogni pilota di jet del pianeta.

Ma ci sono state tragedie. Molti piloti sono morti al volante di Ferrari, come Alberto Ascari (1955) e Gilles Villeneuve (1982).

Quando il figlio di Enzo, Dino, morì di distrofia muscolare nel 1956, alla fine portò al divorzio della Ferrari. Dopo la loro separazione, Ferrari si è buttato nel suo lavoro, lavorando sette giorni su sette e vivendo in un appartamento sopra la fabbrica.

Negli anni ’60, quando l’economia italiana vacillò, la Ferrari alla fine vendette parte della sua azienda alla Fiat. Nel 1969 aiutò nuovamente la Fiat, acquistando il 90 per cento dell’azienda, a condizione che la Ferrari la controllasse fino alla sua morte.

In pista, la leggenda continua. Prima della morte di Enzo, la Ferrari (il team) ha collezionato 14 vittorie nella 24 Ore di Le Mans (Francia) e nove campionati di Formula 1 Open. Il giovane Michael Schumacher è poi salito sul palco per vincere altri cinque campionati di Formula 1 al volante di Ferrari, l’ultimo nel 2004. Kimi Räikkönen ha vinto nel 2007 e da allora la società ha cercato di tornare al vertice.

READ  I titoli di banche e titoli di Stato salgono in Italia in vista dell'incontro dedicato alla Banca Centrale Europea

Nel corso degli anni, le auto sportive Ferrari hanno una certa aura leggendaria. E mentre le macchine del passato come Dino, 288 GTO, F40, Enzo e Ferrari LaFerrari ci collegano con il fondatore dell’azienda, l’attuale gamma di sei nuovi modelli fornisce il collegamento per le generazioni a venire.