Settembre 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Uno studio rileva che il raffreddamento degli oceani per indebolire gli uragani non sarà necessario

Un nuovo studio rileva che anche se l’energia illimitata fosse utilizzata per raffreddare artificialmente gli oceani per indebolire gli uragani, i benefici sarebbero minimi e lo sforzo essenzialmente non necessario.

Guidato dagli scienziati della Rosenstiel School of Marine, Atmospheric and Earth Sciences dell’Università di Miami (UM), lo studio pubblicato su Nature Communications Earth & Environment mostra che l’energia necessaria per utilizzare una tecnica di intervento per indebolire un uragano prima che colpisca il ground lo rende una soluzione di mitigazione dei disastri altamente inefficace.

“La scoperta principale del nostro studio è che grandi quantità di acqua raffreddata industrialmente sarebbero necessarie solo per un leggero indebolimento dell’intensità dell’uragano prima dell’atterraggio”, ha affermato l’autore principale James Heliwick, uno studente laureato alla UM Rosenstiel.

Ha continuato: “Inoltre, un indebolimento della nitidezza in importi marginali non indica necessariamente che anche il potenziale di danni interni e rischi per la sicurezza diminuirà”. “Sebbene qualsiasi debolezza prima dell’atterraggio sia una buona cosa, per questi motivi ha senso concentrarsi su strategie di coping come il rafforzamento delle infrastrutture, il miglioramento dell’efficienza delle procedure di evacuazione e l’avanzamento della scienza sul rilevamento e la previsione di tempeste imminenti”.

Per rispondere scientificamente alle domande sull’efficacia del raffreddamento artificiale degli oceani nell’indebolimento degli uragani, gli autori hanno utilizzato una combinazione di teorie di interazione atmosferica e marina e un modello computerizzato dell’atmosfera altamente sofisticato.

leggi di più!

Nelle loro simulazioni al computer, hanno raffreddato regioni oceaniche fino a 260.000 chilometri quadrati – l’equivalente di 21.000 chilometri cubi di acqua – fino a 2 gradi Celsius. Anche con un’area di raffreddamento più ampia, le simulazioni di uragani si indeboliscono solo del 15%. La quantità di energia prelevata dall’oceano per ottenere questa piccola riduzione è oltre 100 volte la quantità consumata negli Stati Uniti nel solo 2019.

READ  Israele: Il Ministero della Salute raccomanda il divieto di viaggio verso Stati Uniti, Italia e Marocco

“Potresti pensare che la conclusione principale del nostro articolo, che è che non è fattibile cercare di indebolire gli uragani, dovrebbe essere ovvia”, ha affermato David Nolan, professore di scienze dell’atmosfera all’UM Rosenstiel e direttore dello studio. Tuttavia, molte idee sulla modifica degli uragani appaiono frequentemente nei media popolari e sono persino oggetto di brevetti ogni pochi anni. Siamo lieti di poter inserire qualcosa nella letteratura sottoposta a revisione paritaria che affronti davvero questo argomento.

tramite Phys.org

Hai visto i nostri nuovi video su Youtube? Iscriviti al nostro canale!