Maggio 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Uno studio dell’UE – in inglese – afferma che l’impatto del COVID-19 sulla disoccupazione è meno grave in Italia

(ANSA) – ROMA, 8 apr – L’impatto della pandemia di Covid-19 sulla disoccupazione in Italia è stato meno grave che in altri Stati membri dell’Ue, forse anche a causa del divieto di licenziamento dopo lo scoppio dell’emergenza sanitaria , secondo esso. per un nuovo studio
Il tasso di disoccupazione nelle regioni dell’UE è aumentato del 12,13% rispetto ai livelli pre-COVID, hanno scritto nello studio i ricercatori del Programma di cooperazione europea ESPON, specializzato in analisi regionali.
Ma hanno detto che l’effetto era diverso da paese a paese.
Alcuni paesi, come gli Stati baltici (48,21%) e la Repubblica Ceca, sono stati duramente colpiti dalla crisi.
Questi paesi hanno subito significative perdite di posti di lavoro che hanno posto fine alle forti tendenze di crescita economica registrate negli anni precedenti la pandemia.
Italia e Francia hanno invece registrato un aumento della disoccupazione rispettivamente del 6,5% e del 4%, inferiore rispetto ad altri paesi.
Questo potrebbe spiegare il divieto di licenziamento dei dipendenti in Italia, che è unico in Europa.
Il divieto è scaduto a luglio 2021 per le grandi imprese e ad ottobre per le piccole e medie imprese, in particolare nei settori dei servizi, tessile, moda e calzaturiero.
Nel frattempo, afferma lo studio in Francia, la politica del governo “qualunque cosa serva” ha certamente contribuito a mitigare gli effetti della crisi. (Ansa).

Tutti i diritti riservati © Copyright ANSA