Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Università di Parigi accusata

L’Università di Parigi, una nuova entità risultante dalla fusione di Paris Descartes e Paris Diderot nel gennaio 2020, è stata accusata il 15 aprile di “minare l’integrità del cadavere”.

Giovedì, l’Agence France-Presse ha appreso da fonti che hanno familiarità con la questione che l’Università di Parigi era stata incaricata a metà aprile di indagare sulle condizioni sfavorevoli per la conservazione dei resti presso il Centro di donazione del corpo (CDC).

L’Università di Parigi, una nuova entità risultante dalla fusione di Paris Descartes e Paris Diderot nel gennaio 2020, è stata accusata il 15 aprile di “minare l’integrità del cadavere”.

“È un atto d’accusa che non ha alcun collegamento diretto con i fatti sul centro di donazione del corpo, in un momento in cui l’Università di Parigi non esisteva”, ha detto l’agenzia France-Presse May Patrick Mizunov, che difende l’università.

Quindi il CDC si è affidato all’Università di Paris Descartes, conosciuta come Facoltà di Medicina.

Un ex preparatore è già stato accusato

Secondo l’avvocato, questa parte del caso è dovuta al ritrovamento di decine di ossa nel 2020, durante le perquisizioni condotte nelle indagini seguite allo scandalo, quando il centro era già chiuso e l’edificio doveva essere pulito.

In queste informazioni giudiziarie, è già stata intentata un’accusa contro un ex istruttore di autopsia che avrebbe lavorato per il CDC dal 1975 al 2011 a dicembre. Il quotidiano Marian Weekly ha riferito che ossa umane e gioielli sono stati trovati dai resti durante una perquisizione nella sua casa.

Edifici fatiscenti, resti marci divorati dai topi, sospetto di mercificazione … Esprimere Ha denunciato “condizioni inadeguate” per preservare i resti di “migliaia di persone che hanno donato i loro corpi all’informazione”.

READ  Assicurazione sanitaria per i poveri: la prima in Mauritania

Queste scoperte, che provocarono uno scandalo, indussero il ministro dell’Istruzione superiore, Frederick Vidal, a ordinare la chiusura del “Tempio dell’anatomia francese”, fondato nel 1953 e che ospitava diverse centinaia di corpi ogni anno.

‘Gravi violazioni etiche’

È stata aperta un’indagine preliminare, quindi i giudici investigativi sono stati assegnati alle indagini nel luglio 2020.

Il mese scorso, l’Ispettorato generale degli affari sociali (Igas) e l’Ispettorato generale dell’istruzione e della ricerca matematica (Igésr) hanno stimato in un’indagine amministrativa che l’Università di Parigi Descartes fosse responsabile di “gravi violazioni etiche” nella gestione del CDC.

Il rapporto si riferiva in particolare alla “perdita di punti di riferimento (…) tra i preparatori e gli interventisti” sui corpi, e chiedeva “il desiderio di nuocere o nuocere ai cadaveri” di “alcuni minatori”.

Gli investigatori hanno ascoltato l’ex presidente dell’Università di Parigi Descartes, Frederic Dardel, il 12 novembre mentre era in custodia di polizia. A questo punto è apparso senza processo.