Gennaio 18, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Una startup tecnologica italiana aggiorna la centrale elettrica del padre di Einstein

SANNAZZARO DE BURGONDI, Italia – Ispirato da Einstein, un’azienda tecnologica rumena – Hermann Einstein, a fare la sua parte per le energie rinnovabili nelle campagne a sud di Milano.

Marito-moglie proprietari di una startup di intelligenza artificiale e di un incubatore tecnologico stanno facendo rivivere una centrale idroelettrica progettata 125 anni fa dal padre di Albert Einstein. Se tutti andranno come previsto, contribuiranno all’infrastruttura elettrica del paese più di quanto non facciano.

Intrappolata alla fine di una strada sterrata, sembra che la pianta sia caduta al primo colpo. Un piccolo ponte scoperto attraversa un profondo canale che da decenni alimenta l’impianto e lo farà presto di nuovo. Su un lato dell’edificio in mattoni rossi, il muro esterno fatiscente mostra quella che un tempo era una grande struttura. Un’altra famiglia italiana ha restaurato la pianta marcia all’inizio di quest’anno prima che Marco Trombetti e sua moglie Isabel Andreu l’acquistassero.

“Abbiamo esaminato quattro impianti acquatici in giro per l’Italia, ma abbiamo visto che questo è stato progettato da Herman Einstein, e Albert era lì quando aveva 19 anni e ci siamo innamorati di lui”, ha detto Mr. ha detto Trumpetti. Translated è una società di traduzione online che serve grandi nomi, tra cui Uber Technologies Inc.

E Airbnb Inc.

Una scala conduce alla camera della turbina di una centrale idroelettrica progettata da Herman Einstein a Channasaro de Burgondy, Italia.

La coppia voleva generare elettricità in modi rinnovabili perché il consumo di energia dei computer basati sulla loro tecnologia aumenta di quasi il 70% ogni anno, dice.

“Tra 10 anni, l’IA sarà il principale consumatore di elettricità”, ha affermato. Trumpetti ha affermato che la miniera di bitcoin di livello mondiale consuma già più elettricità dei Paesi Bassi.

Sig. Trompty si è detto sorpreso dalla facile ripresa della centrale elettrica. Le turbine secolari – ruote idrauliche metalliche – sono ancora utilizzabili e solo il 5% meno efficienti rispetto ai modelli attuali. È stato installato un nuovo generatore per alimentare le turbine.

Nel 1895 Hermann Einstein, ingegnere elettrico e imprenditore tedesco, noto come il padre del genio della teoria della relatività, scavò un canale a metà tra Milano e Genova per fornire elettricità al suo nuovo impianto. Hermann, che possedeva una fabbrica di motori elettrici nella vicina città di Pavia, ha sfruttato la nuova rivoluzionaria tecnologia dell’energia idroelettrica per far funzionare un’altra tecnologia rivoluzionaria, l’illuminazione stradale elettrica. È una delle numerose fabbriche costruite da Herman e suo fratello Jacob nel 1900 in tutto il nord Italia.

Le travi in ​​legno all’interno dello stabilimento di Channasaro sono state realizzate quando appartenevano a Giambiro Savini.

Potrebbero aver avuto più connessioni del nome di famiglia nel meraviglioso lavoro di Albert. Peter Gallison, professore di scienze ad Harvard, scrive che la loro attrezzatura innovativa per misurare il consumo di energia richiede il lavoro di un orologio interno che misura il tempo con una precisione senza precedenti. Il tempo è anche al centro della teoria della relatività, e Albert era un matematico e fisico in erba in Italia quando Jacob Einstein & Co. commercializzarono le sue macchine.

Secondo Miriam Focasia, ricercatrice presso il Centro Ricerche Enrico Fermi di Roma, non è noto se Albert abbia visitato l’impianto, sebbene abbia trascorso del tempo a Pavia, a 15 miglia di distanza.

L’impianto ha prodotto elettricità fino al 1962, quando l’Italia ha nazionalizzato la produzione e la distribuzione di energia. Il fornitore nazionale si concentrò su grandi mulini e ne abbandonò molti, come quello di Channasaro, trasformato in segheria ad acqua.

Decenni dopo, l’imprenditore petrolifero locale Giambro Savini lo notò durante una battuta di caccia. Quando l’Italia ha liberalizzato il mercato elettrico negli anni 2000, il sig. Savini ha ricordato la pianta, che allora era un guscio bruciato con il tetto sgretolato.

Valerio Loni gestisce la ristrutturazione di una centrale elettrica a canale a Channasaro de Burgondi, in Italia.

È stato in grado di acquistare l’impianto nel 2001, anche se ha fatto progressi, ma non ha più prodotto elettricità. Si è imbattuto nel mitico nastro rosso d’Italia e ha reso tutto più difficile perché inizialmente l’idea di creare un potere individuale e metterlo in scena era sconosciuta. Ha dovuto rinnovare due volte il permesso per attingere all’acqua del canale perché gli altri documenti erano pollici.

L’anno scorso, quando l’impianto ha iniziato a produrre elettricità, il sig. Govt. Savini è morto di infarto all’età di 85 anni. A quel punto i suoi figli se n’erano andati abbastanza.

“La nostra pazienza si sta esaurendo”, ha detto Paola Savini, sua figlia, architetto e politico locale. “Dato che questa pianta fa parte della famiglia da 20 anni, venderla a me e mio fratello è stata una situazione molto difficile, ma ci voleva qualcuno che potesse investire tempo e denaro per farla tornare funzionante”.

Sig. Translated di Trombetti ha pagato 90 800.000 dollari, equivalenti a 905.000 dollari, per l’impianto a settembre. Valerio Lanni, il manager della società che sovrintende al progetto, ha detto che stavano investendo altri 150.000 per farlo funzionare.

“La vera sfida è confrontarsi con le burocrazie locali, provinciali, regionali e nazionali”, ha affermato. Loni è sceso dalla scala metallica originale alle turbine e al generatore.

Pavla Savini, il cui padre ha cercato di rinnovare lo stabilimento di Channasaro, ha affermato che lo stabilimento fa parte della sua famiglia da molti anni.

A causa delle leggi italiane a tutela degli edifici storici, l’impianto si presenta esattamente come oggi. All’interno, uno spazio aperto che ricorda una piccola chiesa, il sig. Con nuova copertura a volta di grandi travi in ​​legno posata da Savini. Una grande vite preme attraverso una delle finestre, che è coperta di lastre, ma non di vetro. Una maniglia su una parete spinge l’acqua alle turbine quando un lavoratore gira manualmente una manovella per abbassare la serratura. Inizieranno a funzionare il mese prossimo.

Translated non preleva energia direttamente dall’impianto, ma fornisce energia allo stadio italiano e la preleva secondo necessità presso la propria sede alla periferia di Roma.

Formatosi come fisico, il sig. Era importante per Trompty e sua moglie, un’informatica, ricreare la vecchia struttura.

“Il riutilizzo è importante”, ha affermato il sig. disse Trumpetti. “Qui in Italia è facile perché abbiamo tante cose belle che possiamo riutilizzare”.

La sua sede è nei lussureggianti altopiani romani: la villa con il suo archivio tecnologico, Pie Campus, un tempo di proprietà di un politico arrestato per corruzione.

La centrale idroelettrica di traduzione aggiornata non solo alimenterà l’intelligenza artificiale, ma dipenderà anche da essa. L’impianto ha prima ospitato un lavoratore che ha monitorato il flusso d’acqua e ha regolato di conseguenza le pale della turbina. Nella nuova incarnazione dell’impianto, i computer dell’azienda faranno il lavoro.

Sig. Secondo Trumpetti, l’espressione più sorprendente del suo amorevole lavoro è che, grazie agli incentivi governativi per le energie rinnovabili verdi, è un buon affare. La società Translat prevede di completare il progetto in 15 anni, dopodiché riceverà un rendimento annuo del 10% sull’investimento. ha detto Loni.

“La cosa grandiosa che ho scoperto è che è relativamente facile da fare ed è redditizio”, ha detto dell’investimento. disse Trompty. “Voglio fare di più”.

La città di Channasaro de Barcondi in Italia a metà dicembre.

Scrivere a Daniel Michaels a [email protected] ed Eric Silvers a [email protected]

Copyright © 2021 Dow Jones & Company, Inc. Tutti i diritti riservati. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8

READ  Inghilterra vs Italia LIVE: stasera i risultati dei rigori di Euro 2020 e il punteggio finale