Giugno 29, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Una serie di minacce lasciano l’eurozona di fronte a un altro anno turbolento

Guerra all’apice, estrema destra al potere, disaccordi sulle regole del debito e Banca centrale europea bloccata in una situazione di stallo inflazionistico: il 2022 potrebbe essere tutt’altro che una corsa tranquilla per l’eurozona.

I prezzi stanno già aumentando e i blocchi si sono diffusi in tutto il continente. Ma anche se il virus sarà finalmente sconfitto, ci sono una serie di nuove potenziali minacce in vista che probabilmente alimenteranno un altro anno turbolento per l’economia del blocco se divampano. I mercati hanno molto da navigare.

Sorgeranno tensioni tra i politici di Bruxelles sulla spesa post-Covid, Emmanuel Macron affronterà gli elettori in Francia, i disordini politici minacciano di tornare a Roma e Vladimir Putin potrebbe usare le forniture di gas europee come arma mentre le truppe russe si ammassano sul confine ucraino.

L’anno successivo avrebbe dovuto essere un altro anno di ripresa, ma per l’Europa l’anno potrebbe essere un anno roccioso.

La battaglia delle regole del debito

Le discussioni minuziose su come rimodellare le regole europee sul debito per un mondo post-pandemia lasceranno un’impronta duratura sull’economia della regione. Le tensioni tra Nord e Sud dovrebbero esplodere per le nuove restrizioni alla spesa.

L’accordo di stabilità e crescita (PSC) dell’Unione europea richiede ai paesi di limitare l’accumulo di debito al 60% del PIL e il deficit al 3%, regole che sono state sospese fino al 2023 a causa della pandemia.

Tuttavia, i paesi meridionali del blocco ritengono che un ritorno al vecchio regolamento sia impensabile nell’Europa post-pandemia. Il debito ammonta a oltre il 150 per cento del PIL in Italia e oltre il 110 per cento in Spagna e Francia.

READ  I paesi ricchi rifiutano lo sforzo di cancellazione del debito da 32,8 miliardi di scellini del Kenya

Montagne di debito pubblico rendono impossibile il raggiungimento degli obiettivi attuali e il Sud vuole maggiore flessibilità nella spesa per stimolare la crescita attraverso gli investimenti. Ma incontreranno una feroce resistenza dal nord.

Paolo Gentiloni, Commissario per l’Economia dell’Unione Europea, ha chiesto che i limiti al debito siano fissati paese per paese, data l’enorme disparità tra Germania e Italia.

L’ex premier italiano ha avvertito che le regole Ue “non possono riunire tutti i paesi” perché “i differenziali nei rapporti debito/PIL sono troppo alti per questo”.

Tuttavia, le nazioni nordiche ultra prudenti si stanno schierando contro un drastico cambiamento di regole che consentirebbe ai paesi fortemente indebitati di prendere in prestito di più. L’organizzazione anti-prestito Frugal Four in Austria, Paesi Bassi, Danimarca e Svezia ha avvertito che “la riduzione del debito eccessivo deve rimanere un obiettivo comune” nelle nuove regole.