Settembre 23, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Una donna su Facebook parla dei pasti in quarantena in un hotel in Nuova Zelanda

Una donna in quarantena in un hotel della Nuova Zelanda ha detto di non avere “rimpianti” per un crollo pubblico durante un pasto servito ai suoi figli.

Una donna che ha avuto un crollo molto visibile a causa del pasto in quarantena della sua famiglia in un hotel della Nuova Zelanda ha detto che non si è pentita di nulla e che lo rifarebbe.

I funzionari dell’isolamento e della quarantena della Nuova Zelanda (MIQ) hanno trasferito una famiglia con Covid-19 in un’altra struttura di isolamento dopo che la donna arrabbiata è crollata per il pasto dei suoi figli.

Ha lasciato la sua stanza contro i regolamenti, ha urlato parolacce al personale e ai militari, ha lanciato un oggetto sul muro nell’atrio e sembrava scavalcare il banco della reception.

“L’ho fatto all’epoca per i miei figli, ma l’avrei fatto per i tuoi”, ha detto la donna in un post su Facebook Live questa mattina.

“Voglio solo che tutti sappiano che abbiamo a che fare con un vero virus. Usa la tua negatività sul virus. Non usarla per quello che hai fatto ai miei figli. Qualsiasi madre lo farebbe.”

Il Annunciare E ha dichiarato ieri che lo scontro, che ha trasmesso in diretta su Facebook, in un video intitolato “**** yous Novotel”, è stato ampiamente visto da quando è stato pubblicato mercoledì pomeriggio.

Pochi istanti dopo, nel corridoio, la madre ha pianto, bussando alla porta dell’ufficio dell’hotel, chiedendo a una donna con cui avevo parlato prima al telefono di uscire.

“L’hai fatto davvero ora. Hai la tua fantastica pizza. “

In una dichiarazione a AnnunciareIl capo del co-MIQ, il generale di brigata Rose King, ha stimato che la pizza è stata consegnata alla famiglia verso le 15:00.

READ  Feste religiose, cremazioni ed epidemie

“Abbiamo la certezza che il cibo non può essere consegnato incompleto”, ha detto. Lo scenario più probabile è che la pizza sia stata danneggiata esteticamente durante il processo di consegna.

“Il personale delle nostre strutture fa del suo meglio per garantire che le esigenze delle persone siano soddisfatte, tuttavia, a volte le cose non vanno alla perfezione e ce ne scusiamo”.

Rose King ha descritto la donna come vittima di abusi al telefono a causa di “tentativi del personale di farla ragionare”. La sua decisione quindi di lasciare la stanza e confrontarsi con il personale – nonostante fosse risultato positivo al Covid-19 – ha portato alcuni a doversi isolare “a causa di un’esplosione di bolle ad alto rischio” e altri dipendenti che non tornano al lavoro oggi a causa della sicurezza preoccupazioni, ha detto.

“Capisco che stare in quarantena, soprattutto con i bambini, può essere molto stressante, soprattutto per i neozelandesi che non si sarebbero mai aspettati di trovarsi in questa situazione”, ha aggiunto.

“Tuttavia, offendere qualcuno non è accettabile.”

Questo articolo è apparso originariamente su Nuova Zelanda Herald Riprodotto con permesso