Febbraio 5, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Una donna neozelandese porta il sito web dei media cinesi alla corte dei diritti umani per il divieto | Nuova Zelanda

Una donna porta il più grande sito di media in lingua cinese della Nuova Zelanda davanti a un tribunale di revisione dei diritti umani dopo aver affermato di essere stata bandita da una bacheca online per aver pubblicato contenuti politici.

May Moncur è emigrato da Cina Da 20 anni risiede permanentemente in Nuova Zelanda. L’avvocato del lavoro di Auckland ha utilizzato la società di media neozelandese SkyKiwi per oltre 15 anni, pubblicando regolarmente collegamenti sullo sfruttamento degli immigrati o offrendo consigli sul lavoro sulla bacheca più popolare, “FML”.

azienda Si promuove come il forum mediatico cinese più influente del paese, con oltre 420.000 utenti registrati.

Alla fine del 2020, Moncur ha affermato di aver ripubblicato un collegamento a un articolo sull’esperienza di un immigrato cinese che lavorava per un’azienda cinese di latte artificiale con sede a Christchurch. Il suo post è stato cancellato perché ha ripubblicato l’articolo senza ulteriori commenti, cosa che i moderatori le hanno detto che era contro le regole di SkyKiwi.

Allo stesso tempo, afferma nei documenti che ha depositato in tribunale, i sensitivi l’hanno accusata di questo Invio di spam dannosoForum. Moncur si è opposto a questo e ha avviato una nuova discussione sulla bacheca. Ancora una volta, il suo post è stato cancellato. Fino a quel momento, ha detto, non c’era stato nulla di apertamente politico nei suoi post.

“Non volevo contestare direttamente la pratica della censura… perché non volevo essere bandito”, ha detto Moncure, aggiungendo che molti cinesi si autocensurano su argomenti relativi alla politica cinese o al paese sul sito web , per paura di essere bandito. Rimozione.

Ma Moncur, scontenta che i suoi post fossero stati cancellati, ha pubblicato un commento intitolato: “La nostra generazione non ha visto la Rivoluzione Culturale, ma io l’ho vissuta come attraverso un viaggio nel tempo”.

Ha detto che il post ha attirato molti altri utenti e, quando è stato nuovamente rimosso, ha creato un post diretto a SkyKiwi dicendo: “I miei diritti umani sono stati violati. Non abbiamo bisogno della Rivoluzione Culturale qui in Nuova Zelanda”.

SkyKiwi ha presto informato Moncur di essere stato bandito per aver pubblicato contenuti politici.

Moncure afferma nei documenti presentati al tribunale che ciò era ipocrita, poiché sul sito venivano discussi contenuti politici di altri paesi.

“Le regole devono essere chiare, coerenti e trasparenti”, ha detto Moncur. “Le loro azioni sono state messe a tacere ed erano doppi standard”.

Moncure ha detto di non essere politicamente motivata, ma a volte le parole possono essere viste come delicate.

Ha detto: “Stai postando qualcosa … senza avanzare alcun programma politico particolare e ti metti ancora nei guai”. “Questo è qualcosa che penso non sia vero.”

Moncor ha intentato causa presso il Tribunale per il riesame dei diritti umani, sperando che la società si scusasse e lo ripristinasse. Chiede anche un risarcimento per lo stress e il danno arrecato ai suoi sentimenti. Da quando ha raccontato la sua storia ai media locali, Moncur ha affermato che altri utenti di SkyKiwi l’hanno contattata, avendo presumibilmente subito divieti simili.

In una lettera legale a Moncur, SkyKiwi ha negato la sua affermazione di essere stata discriminata, Sito di notizie di roba menzionato. SkyKiwi ha affermato che Moncur ha violato le regole del sito, inclusa la pubblicazione di collegamenti senza commenti degli utenti e la sua regola di non regolamentazione, e che “qualsiasi altra accusa fatta da [Moncur] Riguardo a questa questione sarà vigorosamente difeso”.

L’avvocato per i diritti umani Graeme Edgeler ha detto a Staff che Moncur potrebbe presentare un caso per discriminazione indiretta basata sulle sue convinzioni politiche se potesse dimostrare che SkyKiwi ha applicato selettivamente il suo divieto alle discussioni politiche.

Questa non è la prima volta che la società ha attirato l’attenzione sulle preoccupazioni che potrebbe censurare gli utenti. redazione Ha riferito che la società, fino a luglio 2021, conteneva avvertimenti nei suoi termini di servizio secondo cui gli utenti che violavano le leggi cinesi nei loro post potevano condividere le loro informazioni con “agenzie statali competenti”. È ben documentato che le regole restrittive della Cina sulla libertà di espressione andare oltre i suoi limiti.

The Guardian ha contattato SkyKiwi per un commento.

READ  La Nuova Zelanda sospende il viaggio dall'India dopo il salto nei casi di Covid-19 | Nuova Zelanda