Giugno 17, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Una città del sud Italia che vende pezzi di La Los Vita a case fatiscenti per la prima corsa

Passeggiando per le vie del centro storico della città italiana, il sindaco di Picari, Gianfilippo Mignocna, ha notato quante ‘belle’ case sono da anni ricoperte di insegne in vendita o in affitto.

È allora che è nata l’idea di vendere case fatiscenti per solo 1.

“Siamo 2.000 residenti. Il licenziamento è una ferita aperta, un evento permanente”, ha detto Mignokna CNN.

“La gente del posto se ne va. La maggior parte dei visitatori in estate tornerà. Ora non lo faranno. Molte delle case che possono essere abitate sono vuote e stanno cadendo nell’oblio”.

C’è un piccolo problema per 1 appartamento. Chi ne acquista uno deve sottoscrivere una garanzia di 3.000, che verrà rimborsata al termine della ristrutturazione, entro tre anni. Vivere in un bellissimo villaggio italiano sembra pagare un prezzo equo.

Mignocna offre più di 1 case. La città propone di vendere tutte le case in cui sei pronto per trasferirti. I prezzi partono da 500 7.500 e l’asset più costoso è solo 000 13.000.

In questo momento, ci sono circa 20 case e una dozzina di riparatori. Ma potrebbero esserci 100 case che avranno bisogno di nuovi residenti in futuro.

Secondo Mignokna, il progetto è “un modo per attrarre nuovi cittadini (anche temporaneamente) e nuovi investimenti, insieme a opportunità di lavoro per tecnici e imprese locali”. Dice che andrà a vantaggio di “coloro che cercano di ridurre le tasse e gli oneri di manutenzione” su una vecchia casa che non è stata utilizzata per molti anni.

Su Facebook, Mignokna ha scritto di aver già condotto più di 7.000 richieste da persone negli Stati Uniti e in tutta Europa.

READ  Serie A: il difensore della Juventus Leonardo Bonucci contrae il coronavirus in servizio in Italia

“I tecnici e i proprietari locali possono contattarmi in qualsiasi momento e forniremo aggiornamenti il ​​prima possibile”, aggiunge.

Mignocna scrive anche che è un duro lavoro “mappare tutte le tradizioni immobiliari inutilizzate” a Bikari, ma le due liste che fanno sono “come noi” per chiunque voglia scoprire grandi opportunità “nascoste” in una piccola città.

Le foto della proprietà saranno presto pubblicate in città Il sito web di Bikari Ci saranno anche aggiornamenti per potenziali acquirenti Pagina Facebook della città.

Se sei davvero interessato, puoi anche scrivere al sindaco direttamente a [email protected] o [email protected]

Dov’è Bikari?

Bikari, situata in provincia di Fogia nella regione sud-orientale della Puglia, è una zona spesso trascurata dai turisti.

Situato ai piedi del Monte Cornacia, la vetta più alta dei Monti Downia della regione, attraversa anche i confini di Bikari Molise e Campania.

Conosciuto come il “tetto di Buglia” offre campi ondulati, fitti boschi, uliveti e laghi. Dalla vetta del Monte Cornacia lo scenario si estende fino alla costa adriatica, al Promotore del Gorgano e alle Isole Tremis.

Fondata dai romani, testimonianze del suo passato preistorico si trovano negli antichi insediamenti e nei ruderi di masserie situate nelle sue campagne.

Segni della sua vita di fiorente città medievale possono essere visti nei resti delle sue antiche mura fortificate e nell’unica torre che si trova all’ingresso del paese.

“Siamo in un angolo di paradiso, perfetto per il turismo lento”, ha detto Mignokna alla CNN. “L’aria fresca di montagna e gli ambienti naturali sono lontani da confusione, caos urbano, inquinamento e rumore”.

Storico Baklia

Baklia È pieno di storiche città collinari imbiancate a calce e villaggi immersi negli uliveti.

READ  Giro de Italia | Il Giro de Italia blocca il duo italiano alla vittoria al secondo turno

Situato sulla scia dell’apertura dell’Italia, presenta il suo iconico carrello bianco, appartamenti medievali in pietra con tetti conici e 800 chilometri di spiaggia.

La capitale Barry è una vivace città portuale e universitaria, mentre Les è nota per la sua architettura barocca come “Firenze del sud”.

In passato, Buglia veniva definita “il cestino del pane d’Italia” per via della sua elevata produzione di pasta e pane. Di recente i vini rossi fruttati e vivaci della sua regione sono diventati popolari.

È anche il luogo di nascita di molti famosi piatti italiani come il formaggio protta, la pasta all’origano e la versione italiana di Bela: deella.