Maggio 12, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Una buona produzione di drupacee è prevista nel sud Italia se il trend climatico continua

“Nonostante i continui cambiamenti climatici e gli ultimi eventi meteorologici avversi, nonostante le gelate e le forti piogge, fortunatamente i danni riportati sulle drupacee sono minimi. Siamo attualmente nella fase finologica di estensione dei frutti per i primi coltivatori. I petali sono in una fase di decomposizione e ci aspettiamo una produzione del 30-40% in più rispetto allo scorso anno. Per quanto riguarda gli agrumi, siamo in fase di fioritura e in questo caso i danni causati dal maltempo non sono così grandi “, ha detto Ordoglin della Gorigliano Calabro Producers Associazione della provincia italiana di Cocenza, ha detto il direttore commerciale Giacomo Russo.

“La maggior parte dei nostri frutteti cooperativi si trova in montagna, il che ci ha permesso di limitare i danni causati dal gelo. Speriamo di poter iniziare a raccogliere i frutti”.

(Foto di Op Ordogal)

Op Orthogal Cooperative nasce nel 2012 per operare nel settore degli agrumi. Il Layout degli Agricoltori Connessi, così come lo stabilimento di gestione, lavorazione e confezionamento, si trovano nella Piana di Sibari, in Calabria, una delle migliori zone di produzione di agrumi in Italia per qualità e quantità, soprattutto Clementine precoci e tardive.

Nel 2019, due importanti società si sono unite alla cooperativa, Gradilon Pascual Co. e Agrifruit Co. La prima, situata in provincia di Cocenza, si presta particolarmente bene per alberi da frutto di varietà precoci, valorizzando ulteriormente la già elevata capacità produttiva e di trasformazione degli agrumi della Cooperativa Op Orthogal, mentre Agrifruit e uno stabilimento di trasformazione di proprietà situato nella Piana di Sifari, non solo negli agrumi ma anche nella gestione, lavorazione e confezionamento delle drupacee. Competenza acquisita.

READ  COVID Strike-Art and Cultural News, Italy's Office Gallery Find Paintings Lost during First Post "

(Foto di Op Ordogal)

Oltre agli agrumi e alle drupacee, l’Ortogal Farmers ‘Organization sta investendo nella produzione di cotiledoni, asparagi, nuove varietà di agrumi e drupacee e punta a coltivare kiwi in futuro. La cooperativa conta più di 40 agricoltori e 3 stabilimenti di trasformazione con una capacità produttiva di oltre 20 tonnellate l’ora. A seconda dell’area coltivata, differiscono come segue:

350 ettari di agrumi (clementine, arance e limoni) nelle varietà precoci, medie e tardive;

128 ha di drupacee (nettarina, pesca, pesca percoa e albicocca) nelle varietà precoce, media e tardiva.

(Foto di Op Ordogal)

“La fase di maturazione di pesche, nettarine e pesche pergoca si raccoglie da una decina di giorni da maggio fino alla fine di settembre. La forma di coltivazione più utilizzata è a forma di Y. I giardini sono densi, con telai che vanno da 4,5 mx 2,0 ma 3,5 m. mx 1,0 me da 1.100 a 3.000 per ettaro. Ci sono tanti alberi quante sono le piante e la produzione potenziale è da 25 a 60 tonnellate per ettaro “, ha aggiunto Russo.

Per quanto riguarda le albicocche, la fase di maturazione inizia dalla decade di giugno e prosegue fino alla fine di luglio. Si coltivano a forma di Y o vaso, con sesti d’impianto che vanno da 5,0 mx 3,0 ma 4,5 mx 2,0 m, densità d’impianto variabile da 660 a 1.100 per ettaro e rese potenziali comprese tra 20 e 35 tonnellate per ettaro.

“L’attuale produzione potenziale della cooperativa è di 1.000 tonnellate 1.200 tonnellate per le pesche, nettarine, 100 tonnellate per le albicocche, 100 tonnellate per i semi di percoa e 150 tonnellate per l’uva spina (Nella foto a destra fornita da Op Ordocall, è possibile vedere lo stato attuale dei peri). Il mercato principale è il settore retail italiano ed estero. Le vendite dovrebbero essere molto più elevate rispetto allo scorso anno, quando la produttività era inferiore di almeno il 30% a causa di problemi di allegagione “, ha commentato Russo.

READ  Covit-19 | L'ex giocatore italiano Bellucci muore dopo essere stato amputato

Giacomo Russo ritiene che senza una coerente e sostenibile integrazione quantitativa e qualitativa di prodotti e produttori, qualsiasi progetto di intervento in questo campo sarà inefficace. “Finora gli attori emarginati devono essere coinvolti nel processo decisionale. L’industria della produzione di frutta e il mercato della grande distribuzione devono impegnarsi in un dialogo maggiore a parità di condizioni per affrontare meglio. Il processo di integrazione tra un solo attore economico concorrente , non rivali, consentirà a molti piccoli produttori di essere sul mercato “.

Per maggiori informazioni:
Op Orthogal Agricultural Cooperative Society
Zona Industriale, SNC
87064 Corygliano-Rozano (CS)
+39 0983 851180
[email protected]
www.ortocal.it