Settembre 25, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Un utente di Google Earth ha scoperto “uomini spaventosi in piedi in cerchio” in una città fantasma deserta

Un utente scioccato di TikTok ha rivelato come ha individuato “uomini spaventosi in piedi in cerchio” in una città deserta su Google Earth.

Jason Cline ha utilizzato un video di TikTok per mostrare come ha notato le forme bianche coperte dal mantello, ma altri utenti hanno offerto una rapida spiegazione.

La città in questione si chiama Rhyolite in Nevada.

Era una città mineraria all’inizio del XX secolo, ma è stata abbandonata negli anni ’20 ed è ora una spaventosa attrazione turistica.

Il signor Klein stava guardando la città su Google Earth quando ha notato figure spaventose riunirsi in cerchio.

Il suo video virale è stato visto più di 17 milioni di volte.

Parlando agli spettatori attraverso la sua ricerca su Google Earth, dice: “Stai andando giù nel deserto, proprio così.

“Ingrandisci qui e una volta arrivato in fondo, troverai un oggetto rotondo che sembra un’impronta digitale.”

E aggiunge: “Quello che stai per vedere, non riesco a spiegarlo né a capirlo, sto letteralmente pensando che non dovrei vederlo”.

Non appena tocchi Street View, viene rivelata una casa abbandonata.

Un personaggio bianco spettrale in un mantello con una bicicletta viene avvistato nelle vicinanze, ma quando Cline gira intorno a Street View, scopre lo strano cerchio che raccoglie forme.

Ma non è tutto, dice Klein, “se lo giri, ce ne sono molti in un cerchio che fanno una sorta di strana cerimonia”.

Molte persone sono rimaste sconvolte dal video, ma alcuni utenti di TikTok hanno fornito a Klein una spiegazione.

Le figure sono in realtà statue e fanno parte di un’installazione artistica.

READ  "Le persone sono troppo attaccate alle loro auto": dove stanno andando i trasporti ad Auckland? | Nuova Zelanda

Le persone possono andare a visitare le statue durante un viaggio nella Death Valley.

L’installazione è stata creata dall’artista belga Albert Sokalski e si chiama Ultima cena.

Questo articolo è apparso originariamente il Sole È stato ripubblicato con il permesso