Maggio 30, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Un tribunale olandese ha ordinato la sospensione di un uomo che ha generato più di 550 figli attraverso una donazione di sperma.

Un tribunale olandese ha ordinato a un uomo di 41 anni di interrompere la donazione di sperma dopo essere stato sospettato di aver generato più di 550 figli.

Una fondazione che mira a proteggere i diritti dei donatori di bambini e la madre di uno dei bambini ha portato in tribunale l’uomo, chiamato Jonathan M dai media olandesi.

La corte ha sentito che l’uomo ha aiutato a generare tra i 550 e i 600 bambini da quando ha iniziato a donare lo sperma nel 2007.

Il giudice Thera Hesselink ha stabilito che l’uomo non può più donare sperma in conformità con le linee guida cliniche olandesi che sostengono che il donatore non dovrebbe generare più di 25 figli da 12 famiglie.

Il giudice Hesselink ha affermato che la corte “impedisce all’accusato di donare il suo seme a nuovi futuri genitori dopo questa sentenza”.

The Guardian riferisce che più di 100 dei bambini di Jonathan M sono nati in cliniche olandesi e altri privati, ma ha anche donato a una clinica danese chiamata Creo nei documenti del tribunale.

Il tribunale distrettuale dell’Aia ha affermato che il donatore “ha deliberatamente ingannato i futuri genitori sul numero di figli che aveva già avuto in passato”.

Ha aggiunto che “tutti questi genitori si trovano ora di fronte al fatto che i figli della loro famiglia fanno parte di un’enorme rete di parentela, con centinaia di fratellastri, che non hanno scelto”.

Se Jonathan M continua a donare sperma, dovrà pagare una multa di 100.000 euro per ogni occasione.

La madre di uno dei bambini ha chiesto all’imputato di accettare la decisione del giudice e di fermarsi.

READ  Dopo una lunga battaglia legale, sono state rilasciate le dichiarazioni dei redditi di Trump. Questo è ciò che rivelano

“Chiedo al donatore di rispettare i nostri interessi e accettare il giudizio perché i nostri figli meritano di essere lasciati in pace”, ha detto.

Il media olandese De Telegraaf ha riferito che Jonathan non donava da due anni e che voleva aiutare le persone che sono “profondamente tristi perché non possono avere figli”.

Il suo avvocato, Richard van der Zwaan, ha spazzato via i timori di una futura consanguineità a causa del gran numero di bambini che ora condividono lo stesso DNA.

“Viene a nuotare per compleanni e feste di laurea. Alla festa del papà, i bambini gli mandano ogni tipo di artigianato”, ha detto.

“E il matrimonio consanguineo? Qual è la possibilità che i bambini donatori abbiano una relazione senza dirsi l’un l’altro che sono stati concepiti attraverso lo sperma di un donatore?”

Gli scandali sulla fertilità hanno già fatto notizia nei Paesi Bassi, dove un’indagine dello scorso anno ha scoperto che un ginecologo, morto nel 2019, aveva messo incinta 21 bambini e forse più dopo aver utilizzato il suo sperma per trattamenti di fertilità sui padri tra il 1973 e il 1986.

Jan Karpat, un medico della fertilità, ha negato le accuse per anni fino alla sua morte nel 2017, mettendo incinta i pazienti senza il loro consenso fino a quando non è stato confermato che era il padre di 49 bambini dopo i test del DNA nel 2019.