Luglio 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Un portavoce del ministero degli Esteri ha liquidato il boicottaggio delle Olimpiadi da parte della Cina come una “farsa”, affermando che Stati Uniti e Australia avrebbero “pagato il prezzo”

Cina Rifiutato il boicottaggio diplomatico multinazionale dell’inverno pechinese giochi Olimpici Come “farsa”, avvertimento di noi L’Australia pagherà il prezzo di questa posizione.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha ripetutamente attaccato la provincia nelle sue conferenze stampa quotidiane questa settimana, sostenendo che l’ospite non è preoccupato per altri paesi che seguono l’esempio.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha tenuto un discorso in una conferenza stampa giovedì 9 dicembre 2021. (Ministero degli Esteri cinese)

Mercoledì, Wang ha affermato che la mossa “viola gravemente” la neutralità politica sancita dalla Carta olimpica e ha accusato l’Australia di “seguire ciecamente gli Stati Uniti”.

I gruppi per i diritti umani hanno chiesto un boicottaggio completo dei Giochi invernali di Pechino, citando le violazioni dei diritti umani della Cina contro la minoranza uigura nella regione nord-occidentale dello Xinjiang, che alcuni hanno definito genocidio.

Indicano anche la repressione di Pechino sulle proteste democratiche a Hong Kong e la repressione radicale del dissenso nella provincia semi-autonoma.

Giovedì, Wang ha affermato che i Giochi hanno ancora il sostegno della “straordinaria maggioranza” della comunità internazionale, con molti capi di stato, leader di governo e membri delle famiglie reali che si sono registrati per partecipare.

Ha detto che i funzionari dei paesi del boicottaggio – che insieme alla Nuova Zelanda costituiscono la Five Eyes Intelligence Alliance – non erano stati invitati dalla Cina.

Ma il portavoce ha anche affermato che i leader nazionali hanno partecipato ai giochi “su invito del loro Comitato olimpico nazionale”.

La Nuova Zelanda ha affermato di aver detto in precedenza a Pechino che non avrebbe inviato alcun funzionario a causa delle restrizioni ai viaggi della pandemia, ma ha anche comunicato le sue preoccupazioni sui diritti umani.

Il primo ministro Scott Morrison
Il primo ministro Scott Morrison ha affermato che il sostegno del paese al boicottaggio “non è una sorpresa” (nove)

“Lo sport non ha nulla a che fare con la politica”, ha detto Wang.

“I Giochi Olimpici sono un grande raduno di atleti e amanti dello sport, non un palcoscenico per le posizioni e la grandezza dei politici.

“Una manciata di paesi, tra cui Stati Uniti, Australia, Regno Unito e Canada, si sono rifiutati di co-sponsorizzare la risoluzione delle Nazioni Unite sulla tregua olimpica per i Giochi invernali di Pechino, e ora hanno stabilito la farsa autoregolamentata di ‘non inviare ufficiali contro la grande famiglia olimpica”.

Secondo quanto riferito, le maggiori potenze europee hanno aperto la porta a un boicottaggio in tutta l’UE, ma non erano disposte a farlo da sole.

Nel giustificare la posizione dell’Australia, il primo ministro Scott Morrison ha affermato che il sostegno del paese al boicottaggio “non è una sorpresa”, citando le crescenti tensioni con la Cina e il suo rispetto dei diritti umani.

La Cina minaccia di prendere “gravi contromisure” contro gli Stati Uniti per il boicottaggio diplomatico delle Olimpiadi invernali di Pechino. (AFP)

Il sostegno del Canada era previsto in modo simile nel contesto del forte deterioramento delle relazioni bilaterali da quando la Cina ha arrestato due canadesi nel dicembre 2018.

Gli arresti sono arrivati ​​poco dopo che il Canada ha arrestato Meng Wanzhou, chief financial officer di Huawei Technologies e figlia del fondatore dell’azienda, su richiesta di estradizione degli Stati Uniti.

Il Canada e altri paesi hanno denunciato quella che hanno definito la “politica degli ostaggi”, mentre la Cina ha descritto le accuse contro Huawei e Meng come un tentativo politicamente motivato di impedire lo sviluppo economico e tecnologico della Cina.

Cina, Stati Uniti e Canada hanno completato quello che era essenzialmente uno scambio di prigionieri ad alto rischio all’inizio di quest’anno, ma la reputazione del governo cinese è stata gravemente danneggiata in Canada.

READ  Il più grande gruppo industriale australiano chiede al governo Morrison di dimezzare le emissioni entro il 2030 | politica australiana