Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Un paziente chemio riceve un compenso per una casa in affitto marcia

un Nuova Zelanda Una madre che si sottopone a chemioterapia e si prende cura di quattro figli ha dovuto sopportare un affitto irrisorio nonostante le ripetute richieste di riparazioni.

Il Tenancy Tribunal ha ora ordinato al proprietario – Visions of the Helping Hand Charitable Trust – di pagare NZ $ 2.600 (US $ 2.440) per questo e gli altri problemi che non è riuscito a risolvere.

In una decisione sulla proprietà di Western Heights, Rotorua, il tribunale ha ritenuto che il proprietario avesse intenzionalmente violato i propri obblighi “poiché l’inquilino ha ripetutamente sollevato problemi dall’inizio di questa locazione che non sono stati perseguiti”.

Un inquilino di Rotorua è stato pagato NZ $ 2.600 dopo aver sofferto di condizioni settiche mentre riceveva la chemioterapia e si prendeva cura di quattro bambini piccoli (foto d’archivio). (Jericho Rock Archer/Cose)

“Il problema della muffa era un problema serio, soprattutto perché l’inquilina era una giovane madre con quattro bambini piccoli e all’epoca era sottoposta a chemioterapia”, ha affermato la decisione del tribunale.

il Sito Web Navigatore Sanitario Dice che la muffa può causare una serie di problemi di salute tra cui problemi respiratori e infezioni, e può anche influenzare il sistema immunitario delle persone.

Dice che le persone con un sistema immunitario indebolito possono essere particolarmente vulnerabili ai problemi.

La sentenza ha affermato che il contratto di locazione è iniziato a novembre 2020 e si è concluso a luglio di quest’anno dopo che l’inquilino ha dato disdetta.

Ha affermato che il proprietario aveva violato i suoi obblighi e ha chiesto un risarcimento di NZ $ 2.160 ($ 2.027) e NZ $ 480 ($ 450) per disagio mentale.

La decisione del tribunale ha affermato che l’assegnazione di NZ480, l’equivalente di una settimana di affitto, era dovuta “allo stress, al disagio e all’ansia che l’inquilino ha dovuto sopportare mentre le sue ripetute richieste di indagare sullo stampo e altre violazioni sono cadute nel vuoto”. .

Il proprietario della proprietà di Rotorua è il visionario dell'Helping Hand Charitable Trust, che ha affermato che sono stati introdotti cambiamenti significativi e "Lezioni imparate" (file immagine).
Il proprietario della proprietà di Rotorua è il Visionaries of the Helping Hand Charitable Trust, che ha affermato che sono stati apportati cambiamenti significativi e “lezioni apprese”. (Le cose)

Ha detto che il proprietario ha ammesso “di essere a corto di obblighi durante il periodo di locazione”.

“Hanno convenuto che l’inquilino doveva sopportare condizioni di muffa nel bagno e nella camera da letto principale, e c’era un elenco di difetti minori (come maniglie delle porte rotte o difettose, serrature delle finestre e interruttore della luce) che hanno richiesto molto tempo per essere riparati o non sono stati riparati affatto.”

“Sto scoprendo che hanno commesso un atto illegale.

“Il proprietario riconosce che la muffa nella camera da letto è probabilmente dovuta a una perdita nel bagno adiacente che si è spostata al piano di sotto.”

Il padrone di casa ha inviato dei lavoratori verso la fine del contratto di locazione per ispezionare il soffitto, ma il problema della muffa e dei ristagni d’acqua nel bagno persisteva.

“L’inquilino ha segnalato le sue preoccupazioni e si sarebbe dovuto fare di più. Il proprietario ha confermato che reclami simili erano stati sollevati da nuovi inquilini e che i pavimenti erano stati riparati e tutte le aree interessate dalla muffa erano state affrontate e ridipinte”.

La decisione ha anche registrato la prova del proprietario che la sua attività era cresciuta e che l’inquilino aveva “più gestori di proprietà senza continuità”.

La decisione ha affermato che il proprietario ha affermato che sono stati apportati cambiamenti significativi e “lezioni apprese”.

“Sfortunatamente, è troppo tardi per questa inquilina e la sua famiglia.”

In una dichiarazione a Le cose Giovedì, Tanya Ward, co-presidente del Trust, ha convenuto che l’organizzazione non aveva risposto entro un tempo ragionevole e che, quando finalmente lo ha fatto, non aveva intrapreso l’azione corretta.

“Ha pagato per intero il risarcimento richiesto e ha aggiornato le sue politiche e i suoi processi per garantire che tali casi vengano affrontati in modo rapido ed efficace.

“Ciò include garantire che abbia accordi contrattuali integrati nei suoi accordi con i proprietari di immobili per garantire che eventuali riparazioni vengano eseguite tempestivamente in caso di questioni urgenti e in modo tempestivo nel caso di altre questioni”.

Il Trust attualmente gestisce nove hotel che forniscono alloggi di emergenza – sette per il supporto familiare e due per la risposta COVID-19 – per un totale di 243 unità.

Gestisce inoltre circa 150 immobili residenziali, di cui circa la metà sono alloggi transitori (locazioni a breve termine) e l’altra metà sono comunità (contratti ordinari di locazione residenziale).

Questa storia è originariamente apparsa Le cose È stato riprodotto con permesso.
READ  L'uomo di Sydney ha detto che è completamente vaccinato, nonostante non abbia preso un solo colpo di Covid | Vaccini e immunizzazione