Dicembre 4, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Un nuovo studio rivela le dimensioni “sbalorditive” degli attrezzi da pesca persi alla deriva negli oceani della Terra | pesce

Ogni anno nell’oceano vengono lasciate abbastanza lenze da pesca commerciali per estendersi fino alla luna e ritorno, secondo lo studio più completo mai completato sugli attrezzi da pesca perduti.

Uno degli autori dello studio ha affermato che l’enorme quantità di equipaggiamento mancante, che include 25 milioni di bocce e trappole e 14 miliardi di ami, avrebbe probabilmente conseguenze mortali per la vita marina.

Ogni anno venivano perse o eliminate abbastanza reti per coprire la Scozia. Se tutti i tipi di linee mancanti fossero collegate insieme, sarebbe in grado di estendersi intorno alla Terra 18 volte.

“Questo è estremamente impegnativo”, ha affermato il dottor Dennis Hardesty, dell’agenzia scientifica del governo australiano CSIRO, e uno degli autori dello studio.

“Questo ha un numero inimmaginabile di morti sconosciute che potrebbero portare a impatti a livello di popolazione sulla fauna marina”.

Pubblicato sulla rivista progresso della scienzaIn questo studio, i ricercatori del CSIRO e dell’Università della Tasmania hanno utilizzato interviste standardizzate con 451 pescatori commerciali in sette paesi per chiedere cosa fosse andato perso.

I ricercatori hanno confrontato quelle interviste con i dati sulle catture commerciali in tutto il mondo per stimare ciò che è stato perso. Le perdite annuali includevano:

  • 78.000 chilometri quadrati (30.000 miglia quadrate) di reti da sacco e reti da imbrocco

  • 215 km² di reti a strascico

  • 740.000 km (46.000 mi) di grandi linee lunghe

  • 15,5 milioni di chilometri (9,6 milioni di miglia) di diramazioni

  • 13 miliardi di ami lunghi

  • 25 milioni di trappole e pentole

I pescatori sono stati intervistati negli Stati Uniti, Marocco, Indonesia, Belize, Perù, Islanda e Nuova Zelanda. I paesi sono stati scelti perché hanno un’industria della pesca che utilizza la maggior parte dei metodi di pesca.

Le piccole barche hanno perso più attrezzatura rispetto alle grandi barche e i pescherecci a strascico hanno perso più reti rispetto ai pescherecci a strascico.

Una stima precedente metteva la percentuale di apparecchiature perse a un livello più alto, ma questa ricerca si basava su un gruppo di studi, piuttosto che su una stima standardizzata basata su interviste.

Hardesty ha affermato che i pescatori spesso perdono le reti a causa del maltempo in cui l’attrezzatura non è stata assicurata o galleggiata correttamente, o l’attrezzatura si è aggrovigliata con l’attrezzatura di altre navi in ​​competizione per lo stesso pesce.

Ma, ha detto, poiché le reti sono progettate per cacciare e uccidere animali, gli attrezzi perduti continueranno a perseguitare la fauna selvatica per anni mentre galleggiano nell’oceano, affondano sul fondo o vanno alla deriva.

“Questi sono uccelli, tartarughe, balene, squali, delfini, dugonghi”, ha detto.

Poi prendi anche un intero branco di pesci, ma dopo non li mangi. Questo diventa un problema di sicurezza alimentare perché questa proteina non nutre le persone in tutto il mondo”.

Kelsey Richardson, autore principale dell’Università della Tasmania, ha affermato che le stime dettagliate dovrebbero aiutare i gestori della pesca, il settore della pesca commerciale e gli ambientalisti a individuare meglio le soluzioni.

Ha aggiunto che le reti si aggiungono al problema globale dell’inquinamento marino da plastica

Hardesty ha detto che ci sono soluzioni, come i governi locali che riacquistano vecchi attrezzi da pesca che tendono a perdersi più dei nuovi attrezzi. Etichette o etichette possono essere attaccate alle attrezzature e strutture gratuite possono essere inserite nei porti per consentire ai pescatori di smaltire in sicurezza le reti inutilizzabili.

Richard Lake, Head of Oceans del WWF Australia, ha dichiarato: “Questi numeri sono mozzafiato. Questo ci dà un’idea dell’orribile portata del problema e dell’urgenza di affrontarlo.

“Le reti fantasma – come sono conosciute – sono una forma particolarmente letale di inquinamento da plastica per tutta la vita marina a cui teniamo. Una volta che queste reti vengono perse dal peschereccio, non smettono di pescare”.

Lake ha affermato che il trattato globale sull’inquinamento da plastica attualmente in fase di negoziazione tramite le Nazioni Unite deve affrontare il problema delle reti fantasma “a livello globale per assicurarsi che i paesi siano responsabili” attraverso la segnalazione e l’etichettatura trasparenti degli attrezzi da pesca.

Ciò riguarda tutti i paesi, non solo i luoghi in cui le reti sono state perse. Questa attrezzatura può migrare intorno agli oceani e continuare a catturare pesci e mettere in rete specie minacciate”.

READ  Gabi Pettito: l'autopsia di Brian Laundry inconcludente dopo il ritrovamento del corpo