Maggio 18, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Un museo a Londra ripercorre la vita di Florence Nightingale, un’infermiera che ha aperto la strada alle tecniche della medicina moderna

Nel diciannovesimo secolo cambia la sua professione e la visione delle donne. Museo a lui dedicato nel centro di Londra e riapre sabato 14 maggio in tutta Europa Notte dei musei. Ma chi è Florence Nightingale?

Vetrata raffigurante Florence Nightingale, esposta al Museum of London a suo nome.  (Richard Bliss/Radio Francia)

Nel 1855 le truppe britanniche combatterono in Crimea. Una guerra che scatena il caos. Una giovane infermiera si rende conto che il nemico russo non è il principale responsabile della morte dei soldati. A quel tempo, le statistiche mediche erano semplicemente inventate da Florence Nightingale, spiega la professoressa Jennifer Rogers, la stessa statistica.

“Quando sono arrivato in Crimea, ho iniziato a raccogliere informazionidice Jennifer Rogers. Lo ha poi utilizzato per dimostrare che la stragrande maggioranza dei soldati morti è morta per malattie prevenibili, a causa delle condizioni igieniche negli ospedali. È stata anche una pioniera nel modo in cui ha trasmesso queste informazioni. Nel 1850 c’erano solo tavole piene di cifre. È stata la prima a utilizzare l’infografica per comunicare in modo efficace”ha detto a franceinfo.

Florence Nightingale si sta inventando, infatti, quello che abbiamo visto durante la pandemia di COVID-19: queste tabelle, queste statistiche da spiegare a più persone possibile. In Crimea ha poi salvato centinaia di soldati da tifo, colera e dissenteria ripulendo gli ospedali. Applicare regole igieniche rigorose. Nessuno ci ha ancora pensato.

Nell’Ottocento la medicina era appannaggio degli uomini e non certo degli infermieri. Julie Chandler, una delle guide del museo, afferma che l’intelligenza e la determinazione dell’Usignolo cambieranno tutto. “Prima di Firenze le sole infermiere, eccetto le monache, erano le mogli dei soldati che combattevano o le povere donne. Non si confessavano e non sapevano proprio cosa fare.”

“Grazie a lei, l’allattamento è diventato rispettato”.

Julie Chandler, guida al Florence Nightingale Museum

in franceinfo

Florence Nightingale fondò una scuola per infermieri nel 1860. La professione divenne più professionale. Fiona Heberts è ora responsabile della Nightingale Academy. Visita con affetto il museo in onore di questo glorioso antenato: “È il tipo di posto che ti permette di ricordare perché l’hai fatto. E un’ispirazione per andare avanti quando i giorni sono difficili”.

Florence Nightingale morì quattro anni prima dello scoppio della prima guerra mondiale, una lotta che avrebbe visto migliaia di infermiere britanniche al capezzale che si prendevano cura di loro, a volte salvando loro la vita, come parte della sua incredibile eredità. Un museo a lui dedicato a Londra. Si trova al St Thomas’ Hospital, di fronte al Palazzo di Westminster, dall’altra parte del fiume Tamigi. Il pubblico è nuovamente ben accolto dal 12 maggio, 202esimo compleanno della famosa infermiera britannica.

Presentazione del Museo in occasione del suo bicentenario nel 2020 (in inglese):

>> Notte Europea dei Musei: Cinque appuntamenti da non perdere nella regione

READ  Preghiamo per gli operatori sanitari - Intento di preghiera per aprile 2022