Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Un marito rivela dettagli scioccanti dopo che uno squalo ha portato sua moglie in vacanza

Un uomo che ha perso la moglie Orribile attacco di squalo Mentre era in vacanza alle Hawaii, ha rivelato dettagli cupi del suo momento di ripresa.

La coppia, che era in visita a Maui dallo stato americano di Washington, stava facendo snorkeling a 45 metri da Point Kiawakapu l’8 dicembre quando l’uomo ha avvistato uno squalo tigre “aggressivo”.

L’uomo ha detto alle autorità che la coppia non stava facendo snorkeling l’una accanto all’altra in quel momento e stava cercando disperatamente di trovare sua moglie da 60 anni. Mentre lo squalo continuava a girargli intorno.

Ha detto agli agenti che lo squalo nuotava mentre continuava a cercare sua moglie sporgendo la testa fuori dall’acqua e scrutando la superficie. Dichiarazione del Dipartimento delle terre e delle risorse naturali delle Hawaii [DLNR] Egli ha detto.

I turisti che soggiornano in un hotel vicino si sono radunati vicino all’acqua dopo un micidiale attacco di squalo. Fonte: WRAL

Quando lo squalo è tornato, ha notato qualcosa vicino alla sua bocca.

“Ha individuato qualcosa di più lontano e poi lo squalo è tornato indietro, e ha potuto vedere qualcosa di rosso intorno alle narici dello squalo. In quel momento, ha detto, la gente sulla spiaggia ha iniziato a urlargli di uscire dall’acqua perché uno squalo si stava nutrendo nella zona.”

Un testimone sulla spiaggia, una popolare località turistica con grandi hotel lungo la costa, ha detto alle autorità di aver visto uno squalo nutrirsi di qualcosa nell’acqua.

Il testimone ha notato la coppia che si tuffava prima e ha iniziato a scansionare l’acqua per loro Avvisali dello squalo Quando ha visto “la bocca del grosso squalo continua a nutrirsi di qualcosa in mezzo alla nuvola rossa nell’acqua”.

READ  Carlisle Fire: le squadre dei servizi di emergenza si stanno affrettando a sparare mentre una persona è ferita

DLNR ha detto di aver visto il marito e gli ha urlato di uscire dall’acqua, ma non è riuscito a vedere la donna. Il testimone ha quindi chiamato i soccorsi.

I media locali hanno riferito che sono stati trovati un boccaglio e parti del suo costume da bagno, ma non sono stati trovati resti.

Quattro giorni dopo, il 13 dicembre, un uomo è rimasto ferito in un incontro con uno squalo tigre di 12 piedi nella baia di Anaihu Omalu sulla Big Island, provocando la chiusura della spiaggia.

Un cartello avverte di un avvistamento di squali su una spiaggia hawaiana

Un segno di squalo è in mostra nella baia di Anaihu Omalu dopo un secondo incontro con uno squalo tigre appena quattro giorni dopo. Fonte: DLNR

Le teorie del complotto “dannose” stanno spuntando online

La notizia dell’attacco si è rapidamente diffusa online, con teorie assurde sulla morte della donna condivise.

La disinformazione indicava che dietro la scomparsa della donna non c’era uno squalo, spingendo il DLNR a supplicare le persone di smettere di pubblicare teorie alternative online.

“È un peccato che il dolore di questa famiglia sia aggravato non solo dal mancato recupero del corpo dei loro cari, ma anche dalla disinformazione che si è diffusa rapidamente sulle piattaforme dei social media, suggerendo che si tratta di qualcosa di diverso da quello che era”, ha detto il ha detto il ministero.

Il DLNR chiede alle persone che diffondono anonimamente disinformazione e teorie del complotto di fermarsi e pensare a come reagirebbero se si trovassero nella stessa situazione. I social media possono essere un potente strumento per condividere informazioni o un portavoce di commenti imprecisi e profondamente offensivi diretti a persone che affrontano una tragedia.

READ  Israele allenta le leggi sull'aborto in risposta a Ro

“La famiglia e gli amici vedono spesso questi post. Immagina se fosse qualcuno che conosci e ami e come ti sentiresti?”

Hai un suggerimento per la storia? e-mail: [email protected].

Puoi anche seguirci FacebookE il InstagramE il tic toc E il Cinguettio E scarica l’app Yahoo News da app Store o applicazioni google.