Maggio 21, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Un grande yacht attracca in Italia presumibilmente per essere un equipaggio con le guardie del corpo di Putin

  • La squadra di Alexei Navalny, l’avversario incarcerato di Putin, denuncia un misterioso superyacht composto da diverse guardie del corpo di Putin.
  • Scheherazade è uno dei più grandi yacht di lusso al mondo, ma il suo proprietario è sconosciuto al pubblico.
  • Si diceva che fosse di proprietà del presidente russo Vladimir Putin.

Si dice che il misterioso superyacht il cui proprietario non è stato rivelato pubblicamente sia gestito da diversi membri di un’agenzia governativa russa incaricata di proteggere il presidente russo Vladimir Putin, secondo i rapporti. attivisti Lavorare con Alexei Navalny, l’avversario incarcerato di Putin.

Lunedì, la giornalista investigativa Maria Bevchikh e l’attivista anticorruzione Georgy Alborov hanno pubblicato un video su YouTube sul misterioso yacht chiamato Scheherazade, che è ormeggiato sulla costa di Carrara, in Italia.

Scheherazade è considerata una delle barche più grandi al mondo nel suo genere, è un super yacht senza un proprietario pubblico. New York Times menzionato.

Secondo il video, la nave lunga 140 metri vale 75 miliardi di rubli (699,3 milioni di dollari) e comprende sei ponti, due eliporti, una piscina, un complesso termale e un salone di bellezza.

Secondo l’elenco dell’equipaggio della nave nel dicembre 2020 ottenuto da Pevchikh e Alburov, tutti i membri permanenti dell’equipaggio ad eccezione del capitano della nave sono russi. Secondo il video, parte del personale della nave lavora anche per l’UST, un’agenzia militare governativa incaricata di essere la protezione personale del presidente.

All’inizio di questo mese, hanno detto i funzionari statunitensi New York Times Due settimane fa stavano indagando se la nave fosse di proprietà di Putin ma non sono ancora giunti alle conclusioni definitive. Le autorità italiane stanno anche studiando la proprietà della nave, secondo il Times.

READ  Prezzi selvaggi delle case: vincitori e vinti dalla pandemia

Attraverso una “ricerca open source”, Befshikh ha affermato di essere stato in grado di identificare almeno 10 ufficiali dell’UST elencati come membri dell’equipaggio di Scheherazade. Insider non è stato in grado di confermare in modo indipendente quali membri dell’equipaggio lavorassero per l’UST.

“Sono impiegati statali, militari russi e si recano regolarmente in Italia in gruppo per lavorare sul misterioso yacht”, ha scritto su Twitter.

Il Regno Unito, gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno soppresso la Russia e confiscato i beni di lusso di alcuni oligarchi russi – inclusi yacht giganti – attraverso sanzioni economiche, sulla scia dell’offensiva militare russa in corso sull’Ucraina.

La squadra di Navalny sta esortando i funzionari italiani a confiscare lo yacht se sono sicuri che il proprietario della barca sia Putin.

Il capitano del superyacht Jay Bennett Pierce ha detto al Times che funzionari italiani sono saliti a bordo della nave all’inizio di questo mese nell’ambito di un’indagine aperta dalla polizia finanziaria italiana e che “non aveva altra scelta che consegnare i documenti che rivelavano l’identità del proprietario”.

“Stanno guardando seriamente. Stanno guardando da ogni lato. Questi non sono i vertici locali che stanno scendendo, questi sono uomini in abito scuro”, ha detto, aggiungendo che le informazioni sarebbero state trattate “in modo riservato”.

“Non ho assolutamente dubbi sul fatto che questo libererà la nave da tutte le voci negative e le speculazioni”, ha detto al Times.

Bennett Pierce, che è britannico e l’unico non russo a lavorare sulla nave, non ha escluso che il proprietario dello yacht di lusso fosse russo, ma non ha potuto fornire ulteriori dettagli a causa di un “accordo di non divulgazione a tenuta stagna” e ha affermato il proprietario non era in alcun elenco di sanzioni.

READ  Anthony Blinken afferma che 12 paesi hanno accettato di ospitare sfollati afgani

“Non l’ho mai visto”, ha detto. “Non l’ho mai incontrato.”