Novembre 30, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Un chatbot per battere l’esitazione del vaccino

Come ti è venuta l’idea di creare questo? chat bot ?

Il mio collega Hugo Mercier è specializzato in controversie. Ha già utilizzato strumenti di questo tipo nel tentativo di colmare il divario che talvolta esiste tra consenso scientifico e opinione pubblica. Ogni volta trovava l’argomento grazie chat botEra uno strumento potente per cambiare opinione. È un messaggio molto ottimista: le persone non sono irrimediabilmente irrazionali. Tutti hanno delle convinzioni, ma quando alle persone vengono fornite argomentazioni e risposte alle loro controargomentazioni, le capacità di ragionamento umano portano a un’opinione più razionale.

Come hai sviluppato il chat bot ?

In un mondo ideale, questo dialogo dovrebbe avvenire tra tutti coloro che hanno domande e terze parti fidate, come un medico di famiglia. Abbiamo iniziato a lavorare a dicembre 2020, quando sono arrivati ​​i primi vaccini. Non tutti i residenti possono accedere contemporaneamente a questa terza parte fidata. Quindi ci siamo detti che dovevamo sviluppare uno strumento a cui tutti potessero accedere rapidamente.

Abbiamo navigato molto sui social network e letto la stampa per capire le controargomentazioni più utilizzate. Abbiamo raccolto tutte le domande e poi abbiamo aiutato medici, operatori sanitari e ricercatori in epidemiologia e virologia a scrivere le risposte e a rileggere i testi finali. In questo modo, abbiamo ottenuto un dispositivo che simula lo scambio di argomenti e contro-argomentazioni che avvengono durante le conversazioni con terze parti fidate.

Che studio hai fatto per dimostrarne l’efficacia?

Lo studio è stato condotto online. Abbiamo reclutato oltre 700 persone attraverso molti canali diversi e ci siamo iscritti per chi voleva. Non si tratta quindi di un campione rappresentativo della popolazione francese (i partecipanti erano mediamente più giovani e più istruiti della popolazione generale), ma è sufficiente per trarre delle conclusioni. Abbiamo fatto uno studio randomizzato, nello stesso modo in cui testiamo i farmaci: prendiamo un gruppo abbastanza grande di persone, la metà delle quali riceve il trattamento a sorte (qui chat bot) e l’altro (il gruppo di controllo) è un placebo (ecco un breve paragrafo).

READ  Innoviris, il naso fresco di un'innovazione di Bruxelles

Le opinioni dei due gruppi sono state poi confrontate. In media, le persone che hanno avuto l’opportunità di parlare con chat botHo interagito con lui tra 5 e 10 minuti. Il numero di persone con un’opinione favorevole dei vaccini è aumentato del 37% in questo gruppo e l’intenzione di rifiutare il vaccino è diminuita del 20%. Nel gruppo di controllo, questi cambiamenti non sono stati osservati.

Da dove viene questa efficienza, secondo te?

Ognuno ha domande diverse. Se si dovesse rispondere a tutte queste domande in un solo testo, sarebbe un po’ difficile per il lettore. Grazie al lato conversazione, le persone possono vedere la risposta a una domanda che hanno dal vivo ed esplorare facilmente altre domande.

Inoltre, siamo stati molto vigili nel dare assicurazioni di fiducia. È qualcosa che non può essere fatto in una connessione a banda larga, come i manifesti per strada. Gli utenti possono fare clic sulla scheda “Perché dovrei fidarmi di te?”. », che mostra come produrre i dati, con il supporto di esperti sanitari.

Quali sono i prossimi passi?

Penso che il prossimo passo non sia nelle nostre mani. Sarebbe interessante diffondere più ampiamente questo tipo di strumento e verificare la conferma dei nostri risultati nella popolazione generale. Consentire alle persone di interagire con il pubblico che non sono in grado di rispondere alle domande individualmente in proporzione a questo approccio va oltre la consueta comunicazione pubblica.