Ottobre 21, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Ultime notizie sul coronavirus: l’Italia impone la quarantena obbligatoria agli arrivi dal Regno Unito

Il capo della Bundesbank ha affermato che il piano di acquisto di obbligazioni di emergenza in Europa dovrebbe terminare “l’anno prossimo”.

I commenti di Jens Weidmann in un’intervista con Handelsblatt venerdì sono un’indicazione che la Banca centrale europea dovrà affrontare crescenti pressioni per iniziare a porre fine al Programma di acquisto di emergenza pandemico (PEPP) da 1,85 trilioni di euro mentre l’economia dell’Eurozona si riprende.

Il presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha dichiarato la scorsa settimana che era “troppo presto” per iniziare a discutere la fine del PEPP, il principale strumento anti-crisi. Il capo economista Philip Lane ha detto questa settimana che potrebbe non avere ancora abbastanza informazioni per farlo a settembre.

Certamente non dovremmo ritirare il sostegno troppo presto”, ha detto Weidmann, uno dei “falchi” più conservatori nel consiglio di amministrazione della BCE. Ma ha aggiunto: “Con ulteriori progressi nell’affrontare la pandemia, sono abbastanza ottimista sul fatto che possiamo fare progressi nel superare la crisi e quindi spendere i nostri acquisti con maggiore cautela”.

Weidmann ha respinto le recenti richieste di deviare parte della flessibilità aggiuntiva incorporata nel PEPP – come la sua capacità di effettuare acquisti massicci di obbligazioni di un singolo paese – verso il tradizionale programma di acquisto di attività, che durerà più a lungo.

Si è anche opposto all’idea che la BCE dovrebbe ritirare il PEPP solo una volta che le aspettative di inflazione tornano ai livelli pre-pandemia, cosa suggerita da Lane. “Questo non mi convince”, ha detto il capo della Bundesbank. “Questo è un programma di emergenza eccezionale, ed è probabile che l’emergenza sia passata per allora”.

READ  Preville si prepara ad aumentare i prezzi con l'aumento dell'inflazione e dei costi di spedizione

I prezzi alla produzione tedesca per i prodotti industriali sono aumentati del 7,2% a maggio rispetto all’anno precedente, il loro aumento più alto dal 2008 – secondo i dati pubblicati venerdì. La Bundesbank ha previsto che l’inflazione complessiva nel paese supererà il 4% entro la fine dell’anno, il livello più alto in più di un decennio.

Tuttavia, Weidmann ha affermato che “il forte aumento dei prezzi in Germania è temporaneo”, aggiungendo: “L’iperinflazione disperatamente richiederà, tra le altre cose, accordi salariali eccessivi. Finora non ne abbiamo prove”.