Luglio 5, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Torna la folla al Salone del Mobile di Milano dopo una pausa di due anni

L’industria italiana del mobile e del design ha abbracciato il Salone del Mobile di Milano due anni dopo la pandemia con pezzi lussuosi e impenitenti, arredi multiuso adattati a piccoli spazi e creazioni sostenibili di giovani designer che spingono l’industria verso un percorso più verde.

Dopo l’improvvisa ondata di riprogettazione della pandemia, il settore guarda a un futuro incerto. C’è carenza di materie prime, alti costi di trasporto e incertezza economica generale derivante dall’invasione russa dell’Ucraina. Le vendite di mobili italiani sono balzate a 16 miliardi di euro (circa 16,7 miliardi di dollari) nel 2021, con un aumento del 16% rispetto al 2019 e del 25% in più rispetto al 2020.

Nonostante le prospettive confuse, la prima fiera mondiale del mobile e del design, conosciuta in italiano come Salone del Mobile, ha mantenuto l’attenzione sull’innovazione poiché ha registrato un rimbalzo di presenze durante sei giorni di anteprime che si sono conclusi domenica.

“La partecipazione è stata al di sopra delle aspettative”, ha affermato Alicia Capello, Chief Economic Development Officer di Milano, con circa 400.000 partecipanti sia al salone che agli eventi collaterali che si sono estesi alla città. Due terzi di loro provengono dall’estero.

Novità accattivanti includevano un token Oversize Gold Frame (NFT) non sostituibile; Panche trasformabili in postazioni di lavoro o lettini ombreggianti per i senzatetto; Un pedone elegante e dignitoso il cui scopo cela la sua forma scolpita.

Alana Stevens, Presidente del produttore di mobili statunitense Knoll, ha dichiarato: “È stato fantastico essere di nuovo al Salone del Mobile. Più che una semplice galleria, è un incontro di una straordinaria comunità globale di appassionati di design. L’intersezione di designer , gli artisti e il lavoro di design sono stati fonte di ispirazione”.

Le creazioni di tappeti e mobili del designer Martino Gamper sono esposte nell’ambito dell’installazione “Innesto” alla Galleria Nulufar, durante la Fiera del Design di Milano, Italia, 9 giugno 2022.

Lo stilista tedesco Philipp Plein ha svelato la sua collezione di mobili inaugurale in collaborazione con il marchio olandese Eichholtz, che ha arredato diverse case private Plein in Europa e negli Stati Uniti.

L’ingresso di Blaine nel design per la casa ha chiuso un cerchio per il designer, il cui primo progetto è stato la progettazione di cucce per cani. Convenientemente, la nuova collezione include un letto per cani in pelle su una cornice dorata per un cane ben equipaggiato.

“È ultra-lusso e la gente lo vuole ora”, ha affermato Robin Guijmans, direttore operativo di Eichholtz.

I jet-setter che aspirano a un’estetica rock ‘n’ roll possono accontentarsi di un divano in velluto curvo con intarsio dorato. Possono godersi il loro guardaroba su un appendiabiti con piedistallo in marmo adatto al cantante e la loro collezione di scarpe da ginnastica in una scatola in piedi con uno specchio interno. Il tavolo in marmo funge anche da tavolo da ping-pong e gli esclusivi NFT si trasformano in specchi con logo.

Plein è l’ultimo marchio di moda ad entrare nel mondo del design di mobili a partire dai primi anni ’90, spesso attraverso collezioni per la casa che presentano lenzuola, cuscini e asciugamani vicini alle loro radici tessili.

“A un certo punto il mondo della moda si è reso conto che il design era in grado di catturare l’immaginazione popolare in un modo molto interessante anche per i marchi di abbigliamento”, ha affermato Marco Samicelli, Direttore del Design del Triennale Design Museum.

A margine del Salone, Sammicheli ha curato una mostra alla Triennale del Gruppo Memphis, movimento di design postmoderno fondato da Ettore Sottsass che ha fatto il suo debutto mondiale al Salone del Mobile di Milano nel 1981.

Il movimento ha spinto i confini tra le tensioni commerciali e tecniche che indugiano tra la fiera, i suoi obiettivi commerciali e la miriade di eventi collaterali in cui l’attenzione è spesso concentrata sui dati tecnici.

“Memphis è l’esempio che dà la migliore interpretazione del design italiano dopo Olivetti e prima di Alessi”, ha detto Sammicheli, riferendosi al produttore di macchine da lavoro Olivetti noto per le sue macchine da scrivere, posate e decoratore Alessi.

Alessi ha celebrato il suo centenario al Salone in collaborazione con il compianto stilista Off-White Virgil Abloh. Ha tenuto una mostra che esamina il viaggio dell’azienda a conduzione familiare da una fabbrica di metalli a un laboratorio di design e una cena in cui gli ospiti invitati includevano alcuni dei 300 designer che hanno lavorato con il marchio negli ultimi decenni.

Soprannominato “Occasional Object”, il set di posate in tre pezzi Abloh presenta un design industriale che ricorda un kit da pasticcio, con un moschettone per tagliare i pezzi insieme e sul corpo come un’estensione alla moda che può essere facilmente abbinata al popolare Off- Cintura industriale bianca da 200 cm.

La designer nigeriana Lani Adeoye ha vinto il primo premio al SaloneSatellite con il girello che ha disegnato per suo nonno, che rifiutava le versioni standard dall’aspetto medico. L’arco intrecciato che rappresenta l’unità conferisce al camminatore un tocco scultoreo e le corde fatte di giacinto d’acqua collegano l’arte locale con materiali sostenibili.

Il designer 32enne ha detto: “È un ragazzo perbene che ha lavorato in banca per molti anni e trova imbarazzante inventare un tapis roulant. Puoi averlo nel tuo ambiente e sembra artistico. Nessuno sa che lo sia un tapis roulant”.

La presidente del Salone Maria Borough ha affermato che il satellite è aperto ai designer di età inferiore ai 35 anni e mira ad aiutarli a sviluppare relazioni con i produttori e trovare modi per realizzare progetti sviluppati “in totale libertà, senza dover considerare i processi di produzione”. .

La naturale responsabilizzazione delle nuove generazioni per materiali e processi sostenibili è anche una sfida per l’industria più ampia. I marchi più grandi spesso pubblicizzano materiali sostenibili.

Ciò ha incluso la plastica riciclata nelle ultime versioni dell’iconica sedia Louis Ghost di Kartell di Philippe Starck, così come la collaborazione Re-Chair con illy realizzata con cialde di caffè scartate, alleviando un po’ il senso di colpa del consumatore di capsule a casa.

Knoll ha introdotto una sedia, uno sgabello e una serie di sgabelli in rovere di Antonio Citterio chiamati Klismos. Il tendine lombare è intrecciato in una sede conferendo una leggera flessibilità, e il legno è scanalato insieme, quindi non necessita di colla, solitamente ottenuta da prodotti petroliferi. Cuscini in pelle imbottiti con fibre vegetali opzionali.

Borough ha affermato che mentre i materiali di provenienza responsabile sono importanti, la vera sfida per l’industria è ridurre la propria impronta energetica, facendo cose come sostituire la luce elettrica con la luce naturale e produrre in ordine anziché creare scorte. A tal fine, la Federlegno Association of Italian Furniture Manufacturers ha aderito al Global Compact delle Nazioni Unite impegnata in pratiche aziendali responsabili durante il 60° Salone della scorsa settimana.

“Abbiamo bisogno di una produzione sostenibile, questa è la vera sfida”, ha detto Borough. “È una questione di cultura”.

READ  KKR fa offerte per Telecom Italia in un massiccio accordo di private equity