Settembre 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Tomei aveva due gambe, la prova

Un team di ricercatori ciadiani-francesi, tra cui alcuni del laboratorio Palevoprim di Poitiers, ha confermato che Toumaï è davvero il primo uomo nella storia umana, una tesi controversa che il paleontologo Michel Brunet ha sostenuto per vent’anni.

Claire Brugger

A sette milioni di anni, Thomas è l’essere umano più anziano a camminare su due gambe? La polemica globale ventennale su questo tema sembra essere morta. In un articolo pubblicato mercoledì sulla rivista Nature, un team di ricercatori Poitivin e Ciadiani

Mostra che i contemporanei del famoso Sahelanthropus adottarono il camminare su due gambe molto prima di Orrorin (Kenya, 6 milioni di anni fa), Ardipithecus (Etiopia, 4,4 milioni di anni fa) o Australopithecus Lucy (3 milioni di anni fa). Di un femore e due ulne (ex braccio) scoperti dal paleontologo Michel Brunet accanto al cranio di Toma in Ciad nel 2001, il team di Frank Guy e Guillaume Daviere si è chiesto cosaLa forma del movimento nel Sahel . E questo dipende molto dal fatto che appartenga alla famiglia degli ominidi o alla famiglia degli scimpanzé.Camminare su due gambe è uno dei criteri che determina il nostro pedigree.

ricorda Guillaume Daviere.

Una misurazione del diametro femorale del Sahelanthropus ha indicato che era più grande di quello di uno scimpanzé. Per il resto, la conservazione relativamente scarsa dell’osso e l’assenza di arti hanno spinto i ricercatori ad adottare un approccio di raccolta comprendente osservazioni anatomiche, biometria, morfometria, biomeccanica, ecc. In totale, i paleoantropologi hanno fatto affidamento su ventitré figure, sia morfologicamente che funzionalmente, per confrontare il Sahel con esemplari di fossili e grandi scimmie moderne, nonché con ominidi moderni. Presi insieme, questi standard attestano Camminare su due gambe è normale, ma non esclusivamente. A Tomei e ai suoi contemporanei. In altre parole, si muovevano bene sulle gambe anche se, tra gli alberi, potevano prendere un quad. così

La più antica prova di camminare su due gambe negli esseri umani.

Il team comprende ricercatori del Centro nazionale per la ricerca scientifica, l’Università di Poitiers (laboratorio Palevoprim) e l’Università di N’Djamena (Ciad).

READ  I modelli mostrano proprietà uniche dei materiali 2D che sono enfatizzate da substrati specifici

Vent’anni di polemicheAvendo scoperto nel 2001, a Toros Menalla 266 nel deserto di Djourab (Ciad), diversi resti di individui vissuti 7 milioni di anni fa, l’11 luglio 2002 su Nature, il paleontologo Michel Brunet ha pubblicato un primo articolo sul cranio del Sahelanthropus Battezzato Toumai (“Speranza della vita”).’), che viene presentato come il più antico ominide conosciuto. Questa è stata seguita da altre pubblicazioni in cui la scienziata ha affermato di essere bipede. Nel 2006, un film prodotto da Gideon Media Group nel 2006 – con il consulente scientifico Michel Brunet – dal titolo

Toma, il nuovo nonno

, Thomas è rappresentato come bipede. Ma gli scienziati, tra cui il professore all’Università di Poitiers e al Museo Nazionale di Storia di Parigi Roberto Macchiarelli, hanno messo in dubbio la possibilità di camminare su due piedi per il più antico antenato umano, alimentando polemiche su scala internazionale. Nature ha persino pubblicato un articolo in cui metteva in dubbio la mancanza di pubblicazione scientifica del fossile di femore trovato vicino a Touma, e alcuni hanno suggerito che il motivo fosse che l’osso non apparteneva a due piedi. Lo studio appena pubblicato contraddice questa teoria.



Michel Brunet: “Quello che mi interessa è la scienza” Sono stati annunciati i risultati dello studio che confermano la sua tesi sul camminare su due gambe per Tomei senza di lui … Il paleontologo di Poitevin Michel Brunet spera solo che questo ponga fine a una lunghissima polemica. A capo della spedizione di paleobiologia franco-ciadiana (MPFT) per trent’anni, il paleontologo Poitevin Michel Bruni non era presente durante la conferenza stampa relativa ai risultati dello studio concludendo che Thomas fosse bipede (leggi sopra). perché ?In risposta, il team di ricerca ha elogiato Professore emerito al Collège de France e Professore emerito all’Università di Poitiersomettendo (sic) di specificare che il mondo semplicemente non è stato invitato… “Quello che conta per me è la conoscenza è stata soddisfatta del commento su Michel Brunet. Le persone che pensavano che Sahelanthropus tchadensis fosse un tetrapode si sbagliavano. Questo, spero, metta fine a queste controversie che non hanno nulla a che fare con la scienza. » D’altro canto,Non volevo firmare per preservare la mia libertà di espressione. Il giovane paleontologo che sono, Avanza il senso dell’umorismoCi vuole calma e io piuttosto eleganza… L’articolo conferma quanto ho detto e pensato dopo aver studiato questi scavi nei Musei Africani di Addis Abeba. (Etiopia)a Nairobi (Kenia)e tra colleghi in Nord America, University of California Berkeley e Harvard. Se non ne scrivo è perché pensavo che avremmo trovato altri fossili. Quando ho postato sul sito web di Toumaï, abbiamo scoperto un animale ad esso correlato di una trentina di specie. Oggi siamo nei cento e quasi centoventi con i minuscoli mammiferi attualmente allo studio.

READ  Crea la tua cometa alla Fête de la science a Marsiglia

Ma per lo scheletro post-cranico, da allora ne è stato trovato solo uno. »

Roberto Macchiarelli è ancora in dubbio Lo studio pubblicato sulla rivista Nature, da cui cito, non ha ancora convinto Roberto Macchiarelli. Secondo il paleontologo, professore all’Università di Poitiers, Tomai non era un uomo qualunque. “Sono combattuto tra la gioia di vedere l’esemplare esposto e la delusione di notare le omissioni e le incongruenze nell’articolo. Quindi lo ufficializzeremo, senza creare polemiche. Invece di considerare il camminare a due gambe come qualcosa da convalidare, il il gruppo di ricerca lo ha postulato in termini di tesi e ha preso in esame gli elementi che supportano questa tesi che è diventata un dogma,Si lamenta. Non condanno nessuno, ma ci sono stati errori successivi

lui spiega. È fastidioso che fin dall’inizio questo femore sia stato affidato a uno studente della DEA. Con Aude Bergeret abbiamo ipotizzato che si trattasse effettivamente di un osso compatibile con la forma di vita rappresentata dal cranio, ma che questo esemplare fosse più compatibile con un’andatura quadrupede, e quindi più vicino ad uno scimpanzé che ad Australopiteco. Era un’ipotesi da discutere. Tuttavia, nello studio appena pubblicato, questi punti sono stati ignorati. » Pedagogico, tenendo lo scienziato con grandezza e spiegando: “Negli esseri umani bipedi, l’angolo tra epifisi e paraplegia è compreso tra 125 e 132 gradi; negli oranghi, arboricoli, la temperatura è compresa tra 140 e 145 gradi. L’angolo del femore è stato trovato nel 2001 maggiore di 140, forse 142 .Quindi è meccanicamente incompatibile con il bipedismo. » Lo stesso per gli elementi visualizzati tramite la mappatura dell’osso corticale: “Se prendi un femore fossile da un altro rappresentante della stirpe umana, un Neanderthal per esempio, non sembrerebbe l’osso degli esseri umani moderni”. più ampio

READ  Laval: Salve, appuntamento, visita medica... Cosa c'è di nuovo nel rinnovato CPAM

“Questi tre pezzi di osso raccontano una storia più complessa”, conclude lo specialista.