Dicembre 2, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Tomba di un miracolo leggendario confermato dalla scienza

“La leggenda del prete e il mondo”. È una storia molto interessante in cui la leggenda si unisce alla scienza. Una storia raccontata in Comunità Il che ci porta prima in Irlanda nel diciottesimo secolo. A Boho, un piccolo villaggio sulle rive del lago Longue Erne, nell’odierna Irlanda del Nord.

Fu lì che James, il maggiore McGuire, fu ordinato sacerdote dalla Chiesa cattolica. Sarebbe stato una figura resistente all’oppressione anglicana prima di dedicarsi interamente alla sua diocesi ma anche alla medicina. Si dice che sia in qualche modo magico, in grado di curare tutto, dalla scabbia al colera. E secondo la leggenda, al suo ultimo respiro nel 1815, pronunciò queste misteriose parole: “Dopo la mia morte, la terra che coprirà il mio corpo sarà in grado di guarire tutto ciò che sono stato in grado di guarire durante la mia vita”.

Ben presto, la tomba di padre McGuire è diventata un luogo di pellegrinaggio e decine di migliaia di persone vi si sono radunate, anche oggi. I pellegrini toccano il suolo, lo strofinano con la pelle e lo portano via per metterlo sotto il cuscino. In tre anni, il loro numero è aumentato sempre di più, fino a 200 persone in determinati fine settimana. Persone disperate, alcune molto malate. È nell’ottobre 2018, uno studio scientifico è arrivato a confermare il mito.

Un mito confermato dalla scienza

Questo studio lo dobbiamo a Jerry Quinn, microbiologo e boho nativo. Tuttavia, la sua grande scoperta è frutto del caso. Quinn faceva parte di un gruppo internazionale di ricercatori che ci lavoravano streptomyces, batteri che costituiscono il 60% degli antibiotici. Questo streptococco, che ha cercato in tutto il mondo, lo ha trovato nel deserto del Gobi, nelle pianure dello Xinjiang e nei laghi salati della Bolivia.

READ  la salute. La Svizzera dovrebbe fornire più risorse agli infermieri

Dopo questo tour mondiale, Quinn si sta prendendo qualche giorno di meritato riposo nella sua casa boho, portando con sé campioni di timo e orchidee. E quando analizza il terreno, è sorpreso: il campione non contiene solo streptococco, ma, inoltre, il 20% produce antibiotici, molto più del solito.

Questo batterio è noto dal 1943, quando venivano costantemente sviluppati nuovi antibiotici. Ma dagli anni ’80 ci siamo fermati e non abbiamo realizzato abbastanza profitti. E nel giro di quarant’anni, i patogeni hanno avuto tutto il tempo per imparare la resistenza. Oggi, i germi multiresistenti uccidono 700.000 persone all’anno. Un numero che potrebbe raggiungere i dieci milioni nel 2050.

batteri resistenti

Il dottor Quinn ha lavorato sugli effetti dello streptococco su questi germi. Nelle sue scatole di coltivazione, ha permesso a Boho Earth di combattere i batteri che causano cancrena e sepsi e lo Staphylococcus aureus che causa meningite e polmonite. In entrambi i casi, il germe non ha trionfato. In altre parole, I batteri dello streptococco della tomba di padre McGuire possono uccidere queste spore resistenti.

Quinn tornò quindi a Boho, ai piedi di un “albero strappato”, una tradizione di medicina alternativa. Attacca scarpe, sciarpe e collane per guarire. Il ricercatore ha inalato gli stracci e ha trovato lo stesso odore dei cespugli nella sporcizia del cimitero. Per lui è chiaro: “I più grandi miracoli della medicina popolare e della medicina popolare possono essere spiegati dagli streptomici”.

Va anche oltre: questi antibiotici naturali saranno più efficaci di quelli prodotti in laboratorio. “Le persone che visitano questo luogo sacro toccano il suolo, scavano. Quindi portano nuove spore e gli antibiotici nel terreno le usano per sviluppare nuovi meccanismi protettivi”, dice. In altre parole: più questa medicina alternativa viene utilizzata, più sarà efficace. Resta da riprodurre le normali condizioni di vita dei batteri. Jerry Quinn ci sta lavorando. Sulle rive del Longue Erne, stava collegando la sua stessa leggenda.

La redazione ti consiglia

READ  Festival della Scienza 2021 a Casemate 1/3 - Nel passato | eco