Agosto 15, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Titoli pre-mercato: l’euro più basso rende l’Europa molto più conveniente

Una versione di questa storia è apparsa per la prima volta nella newsletter di CNN Business “Before the Bell”. Non sei abbonato? Puoi registrarti quaggiù. Puoi ascoltare una versione audio della newsletter cliccando sullo stesso link.


Londra
Affari CNN

Se sei un americano che visita l’Italia, la Grecia o la Spagna quest’estate dopo che i viaggi sono stati interrotti durante la pandemia, sei fortunato: pasti, hotel e tour sono più convenienti in dollari rispetto a due decenni fa.

Cosa sta succedendo: l’euro è sceso di circa $ 1,03, in calo di oltre l’8% rispetto al dollaro USA da inizio anno. Ora è scambiato al livello più basso dalla fine del 2002.

La maggior parte degli analisti non pensa che sia ancora toccato il fondo. Ci sono previsioni sulla sua possibilità di raggiungere la parità, dove un dollaro potrebbe essere scambiato con un euro.

“Mi aspetto che l’euro scenda finché non vedo un titolo che mi dice che la crescita globale aumenterà in modo esponenziale”, mi ha detto Jordan Rochester, stratega di Nomura. Ritiene che l’euro raggiungerà la parità entro la fine di agosto.

Scomposizione: ciò che è buono per i turisti americani è difficile per le aziende europee che hanno bisogno di acquistare energia, materie prime e componenti a un prezzo in dollari. L’aumento del costo delle importazioni potrebbe continuare ad aumentare i prezzi nei 19 paesi che utilizzano l’euro, dove l’inflazione annua è balzata all’8,6% record a giugno.

Cosa ha portato alla massiccia svendita dell’euro, la seconda valuta più utilizzata al mondo? Gli analisti indicano alcuni fattori.

Il primo è la prospettiva economica. I timori di recessione stanno aumentando a livello globale. Ma la vicinanza dell’Europa alla guerra in Ucraina, e la sua storica dipendenza dalla Russia per i suoi bisogni energetici, l’ha resa più vulnerabile degli Stati Uniti.

I prezzi del gas naturale in Europa hanno raggiunto il livello più alto da marzo. La Russia ha interrotto i flussi di gas verso l’Europa e il principale gasdotto Nord Stream sta per essere sottoposto a manutenzione. I lavoratori dell’energia in Norvegia hanno appena scioperato, minacciando ulteriori restrizioni all’approvvigionamento.

READ  Fonti: Italia e Francia firmano il Trattato di Roma volto a modificare i rapporti di forza nell'Unione Europea

“Abbiamo una crisi invernale in arrivo nella zona euro e mi aspetto che i prezzi dell’energia rimarranno molto forti”, ha affermato Rochester.

L’euro tende a sottoperformare quando la propensione al rischio tra gli investitori diminuisce.

Un altro problema è il commercio. La Germania ha appena registrato un raro deficit commerciale mensile, segno che l’aumento dei prezzi dell’energia sta pesando sui produttori nel centro di esportazione europeo. Diventa quindi necessario un euro più debole per rendere più competitive le esportazioni del blocco.

Anche l’Europa è stata indietro rispetto agli Stati Uniti nell’aumento dei tassi di interesse, sebbene la Banca centrale europea si aspetti che inizino a salire questo mese. Ciò significa che è più probabile che gli investitori parcheggino i loro soldi negli Stati Uniti, dove possono ottenere rendimenti migliori.

Con i tassi di interesse in aumento, si teme che i mercati obbligazionari di paesi con un elevato onere del debito come l’Italia e la Grecia possano farlo. ping. La Banca centrale europea ha affermato che lavorerà per prevenire quella che definisce “frammentazione”, ma rimane un rischio che i trader stiano osservando da vicino.

I clienti sono “molto preoccupati per tutto ciò che è europeo”, ha detto martedì Kit Juckes, uno stratega di Société Générale. I dati commerciali tedeschi di ieri sono scesi male, ed è diffusa la sensazione che l’avanzo delle partite correnti stia subendo un duro colpo a causa dei prezzi dell’energia. Aggiungete alle preoccupazioni per la frammentazione e il timore che l’economia globale si stia dirigendo verso sud, ed è difficile essere un po’ ottimisti sull’euro”.

L’elevata inflazione decennale ha catturato l’attenzione della Casa Bianca mentre cerca di rassicurare gli americani sul fatto che prende sul serio gli aumenti dei prezzi. Ciò ha aumentato il puntamento del dito da parte di Corporate America, che secondo l’amministrazione Biden sta peggiorando il problema.

“Il mio messaggio alle società che gestiscono stazioni di servizio e fissano i prezzi alla pompa è semplice: questo è un periodo di guerra e pericolo globale”, ha detto il presidente Joe Biden in un tweet durante il fine settimana. “Riduci il prezzo che addebiti alla pompa per riflettere il costo che paghi per il prodotto. E fallo subito”.

READ  I vigili del fuoco combattono gli incendi violenti nel sud-ovest della Sardegna | Italia

Ciò ha scatenato una protesta da parte del fondatore di Amazon Jeff Bezos, che ha parlato in modo sempre più franco su Twitter.

“Ahi, l’inflazione è un problema molto importante per la Casa Bianca per continuare a fare dichiarazioni come questa”, ha twittato in risposta. “O è un diretto depistaggio o un profondo malinteso delle dinamiche fondamentali del mercato”.

Anche il veterano del venture capitalist Bill Gurley ha preso parte alla battaglia. Ha detto di essere d’accordo “completamente” con Bezos, citando “gli ultimi trecento anni di ricerca e comprensione economica”.

La Casa Bianca ha ritirato le critiche.

“I prezzi del petrolio sono scesi di circa $ 15 nell’ultimo mese, ma i prezzi alla pompa sono appena scesi. Queste non sono ‘dinamiche di mercato di base’. È un mercato che sta deludendo il consumatore americano”, ha affermato il segretario stampa Karen-Jean-Pierre ha detto su Twitter. Credi che le compagnie petrolifere e del gas stiano usando il potere di mercato per realizzare profitti record a spese del popolo americano sia il modo in cui la nostra economia dovrebbe funzionare”.

Controlla i numeri: i prezzi del petrolio negli Stati Uniti sono diminuiti nell’ultimo mese quando sono emersi i timori di recessione. I future sul greggio West Texas Intermediate, il benchmark, sono stati scambiati l’ultima volta a circa $ 108,50 al barile, rispetto a oltre $ 118,50 un mese fa. Quella differenza di $ 10 è inferiore al numero della Casa Bianca.

Tuttavia, è vero che non c’era molto sollievo alla pompa. Il prezzo medio per un gallone di benzina normale è di $ 4,80. Un mese fa, era $ 4,85, rispetto a $ 3,13 un anno fa.

È questo il risultato di una svalutazione dei prezzi? Forse in casi selezionati. Ma i maggiori fattori trainanti dei prezzi del carburante al momento sono l’elevata domanda e l’offerta limitata, in particolare gas e diesel. Questo è il risultato delle turbolenze causate dall’epidemia e dalla guerra in Ucraina e dall’arrivo della stagione estiva della guida nell’emisfero settentrionale. Anche gli investimenti insufficienti nella capacità di raffinazione aggravano il problema.

READ  "Un punto di partenza per un partenariato bilaterale in vari campi" - The Himalayan Times - Il quotidiano inglese n. 1 del Nepal

Poco dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina, i prezzi globali del petrolio sono saliti sopra i 139 dollari al barile. Il suo ultimo scambio è stato di poco inferiore a $ 113. Ma gli strateghi di JPMorgan Chase vedono un possibile scenario in cui il greggio da $ 380 potrebbe essere “stratosferico” sulla carta, facendo sembrare scarsi i recenti guadagni in confronto.

Un passo indietro: la scorsa settimana, i leader del Gruppo dei Sette hanno deciso di pubblicare un piano per ridurre il prezzo del petrolio russo. Ciò consentirebbe ai barili scontati del paese di continuare a colpire il mercato riducendo al contempo le entrate di Mosca.

I dettagli sono ancora in fase di elaborazione. Ma in teoria, per ottenere un’assicurazione dalle compagnie occidentali per le loro spedizioni, clienti come Cina e India accettano di pagare solo $ 50- $ 60 al barile.

Ciò limiterebbe le entrate del Cremlino, che ha stimato che il prezzo dei barili da esportazione supererà gli 80 dollari entro la fine del 2022.

Ma il team di JPMorgan, inclusa la stratega Natasha Kaneva, avverte che la Russia potrebbe vendicarsi limitando intenzionalmente la produzione di petrolio come fa con il gas naturale. Ciò manderebbe i prezzi al soffitto. Se taglia la produzione di 3 milioni di barili al giorno, la banca prevede che i prezzi saliranno a 190 dollari al barile. Nello “scenario peggiore” di un taglio di 5 milioni di barili al giorno, i prezzi potrebbero raggiungere i 380 dollari.

“Se la situazione geopolitica lo richiede, ora è probabile che i tagli alle esportazioni possano essere utilizzati come strumento di pressione/politica, secondo noi”, hanno scritto Caneva e colleghi questo mese.

Ordini di fabbrica negli Stati Uniti post-maggio alle 10:00 ET.

In arrivo domani: gli investitori esamineranno i verbali della riunione della Fed di giugno.