Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

The Lying Life of Adults’ Naples di Netflix ritrae Ferrante

Come il romanzo di Elena Ferrante su cui è basato, la protagonista adolescente Giovanna, ascoltando alla porta mentre i suoi genitori parlano di lei, pronuncia la frase di apertura del romanzo di Netflix “The Lying Lives of Adults”.

«Prima di uscire di casa, mio ​​padre disse a mia madre che ero brutta», racconta Giovanna, aggiungendo di averla paragonata alla sua estranea sorella Vittoria, un insulto così vile da far rispondere la madre di Giovanna: «Non dirlo. un mostro.”

Lo spettatore viene così presentato a Giovanna (Giordana Marengo) e Vittoria (Valeria Golino), nuove entrate nella raccolta riccamente presa in prestito dall’autore italiano di formidabili personaggi centrali femminili. Complicati e contraddittori come Lila e Lenù, i protagonisti dei quattro romanzi bestseller di Ferrante che raccontano la loro amicizia, la cui versione è apparsa su HBO “Il mio brillante amico. “

Anche in The False Lives of Adults, Napoli fornisce un’ambientazione sociale curata per questa storia di formazione, che spinge Giovanna dall’innocenza dell’infanzia al mondo complesso e paradossale dei compromessi degli adulti. Ambientata a metà degli anni ’90, la serie mette in luce lo status sociale sfuggente delle ragazze e delle donne italiane, che cercano di trovare un punto d’appoggio in un mondo in cui gli uomini occupano una posizione di rilievo.

La serie è “giustamente” il mondo di Ferrante, secondo Domenico Procacci, CEO di Fandango, la società di intrattenimento italiana che ha prodotto “Lying Life” per Netflix, che ha parlato in una conferenza stampa di presentazione della serie a Roma il mese scorso. Fandango ha anche coprodotto “L’amica geniale” con HBO, RAI, l’emittente nazionale italiana e altri.

In “Lying Life”, Giovanna naviga in due diversi quartieri napoletani così diversi che è difficile credere che appartengano alla stessa città. Vive a Rion Alto, un quartiere dell’alta borghesia sviluppatosi principalmente negli anni ’60 e ’70 che copre la collina del Vomero con una vista mozzafiato sul Golfo di Napoli. “Fuori dal Vomero, la città mi è raramente appartenuta”, dice Giovanna nel romanzo.

Ma nella sua determinazione a incontrare sua zia, Giovanna apre il suo mondo al quartiere della città bassa da cui suo padre, Andrea (Alessandro Preziosi), è fuggito ma abita ancora da Vittoria: un quartiere fatiscente chiamato Bascone nel romanzo, che è raffigurato nell’ex quartiere industriale di Poggioreale.

“Non credo che ci sia nessuna città in Italia dove le differenze tra le classi sociali siano così chiaramente visibili come Napoli, e talvolta quella differenza è così insignificante”, ha detto Francesco Piccolo, uno dei quattro sceneggiatori dello spettacolo, in conferenza stampa. . Nella serie, gli spettatori che non parlano italiano potrebbero perdere il fatto che la differenza nel dialetto napoletano parlato tra i due quartieri sottolinea il contrasto. Nella ricca lingua del Vomero, il dialetto si parla “per gioco, per gioco”, diceva Piccolo, mentre nell’altra lingua, “un dialetto è piuttosto passionale”.

Correttamente, i suoi movimenti e il suo accento hanno influenzato la Golino, che forse è meglio ricordata dal pubblico americano per il suo ruolo da protagonista nei film “Rain Man” e “Hot Shots!” Cresciuta anche lei nel quartiere del Vomero, dalla “parte buona dei binari”, ha raccontato in un’intervista telefonica, e ha ammesso di non aver mai visto “Napoli Vittoria”, tanto che “è dovuta andare cercalo, prendilo”.

Un voice coach le ha insegnato quella che era essenzialmente una nuova lingua. “Anche se sono napoletano, non mi hanno mai parlato così”, ha detto Golino. “Era un suono che ho sentito in città, ma non ha mai fatto parte del mio mondo.” L’attrice ha detto che incarnare l’audacia terrena di Vittoria “è stata dura”. “Ho dovuto studiare le parole, il modo di muoversi, il modo di abitare lo spazio”, che le era estraneo. “Quindi trascorro molto tempo a Napoli, che è la mia città, ma Napoli è composta da molti strati”, ha detto.

READ  I fan di Kardashian affermano che Kim assomigli al famoso personaggio Marvel nelle nuove foto mentre sfoggia le curve in un body e un corsetto sexy

A sua volta, la diciannovenne Marengo, che ha fatto il suo debutto sullo schermo come Giovanna dopo essere stata scelta tra 3.000 ragazze che hanno fatto il provino per il ruolo, ha detto che Jolino l’aveva nutrita per tutta la serie. “Mi ha dato molti consigli”, ha detto Marengo, e i due hanno creato un forte legame che Marengo credeva fosse sullo schermo, ha detto in un’intervista telefonica.

“Ci siamo davvero aiutati a vicenda”, ha detto Golino. “Eravamo nello stesso stato d’animo. È perché era la sua prima volta, perché avevo costantemente paura di sbagliare”.

Marengo ha detto di aver sentito la responsabilità di ritrarre il protagonista di una storia che si sviluppa interamente dal punto di vista di Giovanna. “All’inizio, ero preoccupata di non essere in grado di farlo”, ha detto. Ma il regista e la troupe si sono assicurati che non sentisse quella responsabilità, “e questo mi ha davvero calmato”, ha detto.

Nel romanzo, la visione del mondo interiore di Giovanna è molto più chiara. Ma Eduardo de Angelis, il regista dello spettacolo, ha affermato che trasformare questa riflessione interiore in forma visiva è stata un’estensione naturale della scrittura di Ferrante.

“Ogni parola contiene un’evocazione che suggerisce ed evoca molte immagini”, ha detto DeAngelis in un’intervista telefonica. “Le parole suggerivano sempre il percorso da seguire perché l’evocazione di Ferrante è sempre molto concreta, anche se parte da un pensiero interiore.”

La Napoli di De Angelis incorpora una cacofonia di colori e suoni, la scena musicale underground nei centri sociali d’avanguardia della città e la nostalgia per i festival estivi ospitati dall’ex potente Partito Comunista Italiano.

Ferrante, uno scrittore notoriamente sfuggente la cui identità non è stata rivelata ufficialmente, ha un merito di sceneggiatore, e De Angelis, che è anche accreditato di aver scritto la sceneggiatura con Piccolo e Laura Paolucci, ha detto che la corrispondenza con Ferran includeva “molte lettere per trovare un punto comune linguaggio”.

READ  Timori per la libertà di stampa durante il processo per l'impeachment del premier Meloni Saviano

Trasferendo il romanzo in televisione, la storia ha preso anche una piega inaspettata, una trama non presente nel romanzo ma firmata dalla Ferrante, ha detto la de Angelis, ben consapevole che il passaggio dalle pagine allo schermo “era un’occasione per esprimere elementi che erano solo suggerite e lasciate all’immaginazione nel romanzo”, mentre sullo schermo “la finzione si fa immagine”, offrendo la possibilità di “scelte più radicali”.

Queste scelte radicali aprono nuovi orizzonti e gli episodi si concludono con una serie di questioni irrisolte, forse in un possibile sequel. (Per questo lettore, la fine del romanzo suggeriva anche che potesse seguire un secondo libro.)

Proprio come Giulino era preoccupato di interpretare il personaggio di Vittoria Justice, “la nostra serie mira a mostrare un’Italia autentica, anche al di fuori degli stereotipi”, ha detto alla stampa Eleonora Andretta, affettuosamente conosciuta come “Tini”, vicepresidente delle attività italiane di Netflix. conferenza. Ha anche lavorato alla serie ‘L’amica geniale’ nel suo precedente lavoro alla RAI.

“Immaginare un personaggio che non è costruttivo, in cui attrai un essere umano, un vero essere umano che commette errori” e che era “cattivo” è stato uno dei motivi per cui ha accettato il ruolo, “anche se mi ha spaventato”, ha detto Golino in il colloquio telefonico.

“Un buon attore non deve essere un buon bugiardo, ma di solito lo è”, ha detto durante la conferenza stampa, che ha suscitato risate. “Se devono dire una bugia, un bravo attore la dice bene”.