Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Thanasi Kokkinakis apre la difesa del titolo di Special K

Se c’è un lato positivo sconfiggendo Tanasi Kokkinakis in semifinale all’Adelaide International Stadiumè che potrebbe avere più successo agli Australian Open come risultato.

La difesa del titolo del campione della città natale si è conclusa con un’enfatica sconfitta in tre set contro il numero 26 del mondo Roberto Bautista Agut in un affollato Memorial Drive venerdì sera.

Il risultato ha interrotto una corsa accattivante per il 26enne che includeva una vittoria sul numero 6 del mondo Andrei Rublev, con il suo grande servizio, potenti colpi da fondo campo e uno stile aggressivo da tenere d’occhio.

AUSSIE STAR HA INFERMATO UN BRUTALE PUNZONE DELLO SGUARDO Mentre il tennis abbatte un “muro di mattoni” PATRIA SOGNO DELLA CITTÀ

Per quanto Kokkinakis adori il torneo della sua città natale, la sua vicinanza al Grande Slam che prende il via lunedì a Melbourne Park non è l’ideale.

Dopo aver vinto il suo primo trofeo nell’ATP Tour dopo la Saturday Night Final dello scorso anno, Kokkinakis è dovuto passare a Melbourne domenica e poi perdere la partita del primo turno contro il tedesco Yannick Hanfmann lunedì.

Pur sentendosi frustrato in uscita ad Adelaide dopo aver battuto l’esperto giocatore spagnolo nella maggior parte delle statistiche, Kokkinakis avrà il lusso di tre giorni per prepararsi allo scontro del primo turno di martedì con il numero 57 italiano del mondo Fabio Fognini.

“Spero di poter usare quei giorni per un favore”, ha detto Kokkinakis.

“È difficile giocare tutti i giorni… Ho avuto alcune battaglie contro buoni giocatori.

“Userò (quei) giorni con saggezza, mi abituerò alle condizioni di Melbourne e mi darò una scossa nel caldo soffocante lì.

“Venendo da (Adelaide) all’Aussie Open l’ultima volta, (i tiri) erano molto più lenti, quindi ci è voluto un po’ per abituarsi alle condizioni, ma ora ho un paio di giorni quindi spero di potermi adattare e giocare una bella palla”.

Kokkinakis, attualmente numero 110 al mondo, ha mostrato grinta e forza impressionanti sconfiggendo il connazionale Alexei Popyrin (113°), Rublev (6°) e Miomir Kekmanović (28°) in rotta verso le semifinali di Adelaide.

Intende replicare quella forma per avanzare nel singolare a Melbourne, ma rinnoverà anche la sua collaborazione con il buon amico Nick Kyrgios, che ha sorprendentemente vinto il titolo di doppio dell’Australian Open lo scorso anno.

“Giocheremo, ma se ti dicessi che pensavo che avremmo difeso il titolo, mentirei”, ha detto Kokkinakis.

“Abbiamo solo pensato di vincerlo (l’anno scorso), a dire il vero, più o meno nel trimestre in poi, quando eravamo entrambi fuori nel singolo.

“Cercheremo di fare del nostro meglio in singolo, il doppio è un vantaggio e speriamo che i nostri corpi possano reggere.

“Non sono venuto quest’anno pensando di dover difendere il mio titolo di doppio.

“Non mi aspettavo di ottenere molto nel doppio, non sento di dover fare altro nel doppio, voglio costruire la mia carriera nel singolo”.