Maggio 25, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Tesla ha prosperato in Italia da quando l’ampio mercato dei plug-in è crollato a marzo

Era molto atteso e alla fine è successo. Mentre la maggior parte dei mercati automobilistici europei continua a registrare nuovi record, l’Italia continua a essere bloccata nella propria attività poiché continua a registrare una crescita mensile delle vendite di auto plug-in. A marzo, il quarto mercato più grande d’Europa ha registrato il suo primo – e selvaggio – calo del BEV in termini di crescita pluriennale.

Nota dell’editore: Questo articolo è stato originariamente pubblicato Opportunità: energia.

Andre cifre Non lasciare alcuna spiegazione per quello che è un fallimento diffuso per l’industria automobilistica. Con il crollo del mercato, a marzo sono state immatricolate 121.000 auto, in calo di quasi il 30% rispetto alle 171.000 unità di 12 mesi fa, un completo disastro per l’industria automobilistica italiana.

I propulsori a benzina e diesel avevano una quota di mercato rispettivamente del 27,3% e del 21,1% (in calo rispetto al 31% e al 24,5% di un anno fa), mentre l’anno su anno (anno su anno) è sceso vicino al 40%. Gli ibridi blackless rappresentavano il 32,5% del titolo, in aumento rispetto al 27% dell’anno scorso, confermandosi il propulsore più popolare, mentre scendevano a quasi il 15% anno su anno in unità complete.

Le auto completamente elettriche si sono comportate male, con un totale di 4.511 record per una quota di mercato del 3,7%. Si tratta di un calo sorprendente, in realtà -38,8%, dalle 7.375 unità registrate un anno fa nel fiorente mercato BEV, ma nulla di sorprendente.

Così com’era È successo a febbraio, i potenziali clienti erano in attesa di nuovi incentivi, e quindi la vendita è stata vietata poiché il governo si è concentrato sui dettagli del nuovo stimolo finanziario per l’industria automobilistica. Questa tendenza proseguirà fino a quando il nuovo progetto, attualmente nelle fasi finali di sviluppo, non sarà confermato per mandato con date effettive.

READ  Il Little Italy Market & Tele di Vernon chiude i battenti questo mese - Vernon News

Gli ibridi plug-in hanno sovraperformato i BEV, limitando le perdite a 6.083 unità – il miglior risultato dallo scorso luglio – e una quota di mercato del 5% (un miglioramento rispetto all’anno), in calo “solo” del 21,5% dai 7.748 record di marzo 2021. Le prestazioni costanti dei PHEV hanno consentito alle vendite complessive di plug-in di moderare una quota di mercato dei plug-in integrati dell’8,7%, la migliore in assoluto nel 2022.

I PHEV saranno di tendenza nei prossimi mesi? La loro flessione nel mercato sembra essere ulteriormente rafforzata dal nuovo pacchetto di incentivi (che fornisce supporto per diversi tipi di propulsori), quindi gli italiani possono aspettarsi che i PHEV preferiscano in futuro le opzioni puramente elettriche. Le case automobilistiche tradizionali stanno spingendo questa soluzione alla base di clienti indecisi.

Un periodo così irrisolto per il mercato automobilistico italiano avrà implicazioni qualitative di vasta portata al di là dei semplici cali numerici. Il grafico mensile Top 10 BEV mostra un chiaro vincitore in mezzo a tutte le incertezze.

La Tesla Model Y è una delle migliori, in cima alla lista con 678 record, che rappresenta il miglior finale del modello oggi, ma mostra forza nel periodo più debole senza scoraggiarsi. Dacia Spring, il concorrente più economico dei SUV crossover più economici d’America, è arrivato secondo con 516 unità e la Fiat 500e ha chiuso la scena con 495 record. Novità potenti da un’auto a partire da 64.000 € (IVA inclusa), da due a tre volte più costosa delle sue seconde classificate istantanee!

Apparentemente, la mancanza di incentivi ha messo più pressione sui veicoli economici, che beneficiano di una percentuale di sconto maggiore nell’ambito del vecchio regime di incentivi (un importo fisso per qualsiasi BEV, quando si raschiano una vecchia auto di .000 6.000 o € 10.000). In assenza del sostegno del governo, è meno probabile che le opzioni più costose siano interessate in proporzione.

READ  Diario missionario: nuovi inizi in Italia

La Tesla Model 3 si è classificata quarta con 378 unità, il che non sorprende rispetto a molte alternative a basso prezzo. La popolare berlina, come è successo altrove in Europa e negli Stati Uniti, potrebbe aver subito la concorrenza interna solo dalla sua sorella spaziosa, la Model Y. Il prezzo continua a salire a nuovi massimi (il Long Range Model 3 ha venduto fino a 54.54.000 un anno fa, solo fino a .000.000 62.000 nel momento in cui scriviamo) e ora è molto vicino al Model Y.

La berlina compatta di Tesla è inferiore a quella di una volta, con incentivi generosi, tre o quattro volte superiore (1364 record a marzo 2021) con 314 record, dietro 314 record, con smartphone come Peugeot E208 (141) e Renault A- e Le consegne della Model 3 erano sufficienti per prevenire le auto di Classe B. Gio (111).

Nel mese dominato dalle Tesla, il nono posto della Hyundai Kona EV e il decimo della VW ID.3 hanno segnato l’unica presenza in classifica di modelli alternativi, più grandi e più costosi. Lungi da quello che molti anni fa veniva chiamato che l’imminente ondata di “assassini Tesla” è pronta ad arginare la rapida crescita del marchio americano, l’arrivo della massima concorrenza Tesla va a vantaggio solo di quest’ultimo. Ho discusso bene due anni fa.

In un mercato automobilistico difficile senza sussidi per i BEV, accadono due cose: alla luce di Tesla, la concorrenza è in calo. L’imminente nuova promozione potrebbe solo deviare in qualche modo le cose a favore delle case automobilistiche legacy: i sussidi saranno assegnati solo ai modelli al di sotto dell’attuale fascia di prezzo Tesla. Basterà questo per stimolare e riequilibrare il mercato?

READ  'Stanley Ducey: Searching for Italy': Cosa c'è nel menu