Luglio 5, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Targhe d’Oro 2022: l’Italia è in prima linea con il senso di pulsione del telegate

La spinta commerciale di Vancouver è sempre stata conosciuta come “Little Italy”.

Le celebrazioni annuali del mese tradizionale italiano tornano nel vecchio quartiere dell’East End, che ora simboleggia regolarmente i continenti, ma il nome Little Italy è stato storicamente applicato a poche altre aree urbane nel secolo scorso.

Stratkona, allora Chinatown, era la patria della cultura, del cibo e della comunità italiana a Vancouver negli anni prima della prima guerra mondiale, secondo uno studio del 2016 dello storico civico locale John Atkin.

Tra il 1896 e il 1911 il numero degli immigrati italiani a Vancouver aumentò da 100 a oltre 2.500, la maggior parte dei quali viveva nelle strade Union, Briar, East Georgia e Atlantic tra Main Street e Clark Drive. Quel numero aumentò a circa 3.500 nel 1931 e l’immigrazione del secondo dopoguerra aumentò quel numero da circa 5.000 a 19.000 all’inizio degli anni ’70.

Questi numeri hanno diffuso la popolazione italiana principalmente da East Hastings a North Burnaby, ma il gruppo più grande rimane tra Commercial e Renfrew Street e 1st Avenue e Adonak Street. East Hastings e Commercial sono diventati i centri commerciali della comunità ed entrambi conservano oggi una forte presenza italiana, sebbene siano stati notevolmente migliorati e rafforzati dall’attuale mix multiculturale della città.

Le caffetterie, i ristoranti, le prelibatezze e le attività commerciali tradizionali italiane (e portoghesi) di Drive potrebbero essere poche oggi – ristoranti asiatici e latinoamericani commercialmente forti, insieme ad altre rappresentanze etniche – ma sono ancora in cima alla lista. La maggior parte degli abitanti di Vancouver viene in mente quando pensano al quartiere.

Sebbene gli attuali 75.000 o più abitanti del patrimonio italiano di Metro Vancouver siano ampiamente dispersi, il 15% di loro si trova ancora nel vasto gruppo di Hastings, a ovest di Renfrou.

READ  La Maserati ha guidato la scalinata di Spagna a Roma, e l'uomo saudita è stato denunciato

Non è quindi un caso che due dei tre vincitori delle nostre Targhe d’Oro nella sezione Tele siano stati fondati da pulsioni o vicini e da immigrati italiani, mentre la terza famiglia era di origine europea.

Di seguito una breve introduzione ai primi tre locali, Posa Foods, La Crota del Pharmagio e Santa Barbara Market, che celebrano la tradizione della “Piccola Italia” del Distretto Orientale di Van.

Fotografia Makido

Cibi di Posa

Negli anni ’40 Augusto Posa iniziò a importare specialità italiane per Vancouver e nel 1957 prima di trasferirsi in un piccolo negozio all’angolo tra Victoria Drive e Turner Street per i minatori e gli operai forestali che si stabilirono sul fiume Powell.

Nonostante le sue dimensioni, Posa è nota per la sua vasta gamma di prodotti alimentari italiani autentici e spesso non rilevabili, in particolare olio d’oliva, aceto, verdure in scatola e in scatola, carni, pasta e formaggi.

La terza generazione della famiglia ha aperto un grande punto vendita al dettaglio primario nella vicina Goodney Street nel 2006, ampliando il proprio spazio con un centro di distribuzione alimentare per operazioni di importazione/distribuzione/ingrosso. Se non riesci a trovare la specialità italiana che cerchi in quei 54.000 metri quadrati, puoi trovarla in BC.

Nel frattempo, l’intero blocco di Victoria Drive, che contiene i cibi originali di Posa, è stato ricreato con Posa come inquilino dell’ancora. Mentre tutte le scorte di prodotti si sono espanse, la crescita maggiore è stata nel telebanco di salumi e formaggi precedentemente piccoli. Elegante e capiente vetro e acciaio inossidabile ripieni di olive, formaggi, prosciutti, salsicce, insalate e altri prodotti alimentari italiani commestibili (o caldi) ora si estendono quasi a metà nord attraverso la parete est del grande negozio. .

Dopotutto, la maggior parte delle carni, dei formaggi, delle olive e degli antipasti di Posa possono essere incorporati nei piatti da portata, disponibili per il preordine e il ritiro, che servono fino a 25 persone ciascuno. Soccorritori estivi.

La Crota del Pharmagio

La Crota del Pharmagio

Fortunato Bruzzese emigrò dal Canada a Reggio Calabria, Mammola, in Italia nel 1963 e aprì La Grotta Del Formaggio nel 1977.

Il target di 45 anni per formaggi speciali e prodotti autentici italiani (soprattutto tagli balsamici, oli d’oliva e pasta) è attualmente in fase di rinnovamento.

La sua posizione tra una delle famose attività commerciali di Drive, la Fratelli Bakery e il Calabria Cafe della famiglia Murdoch, l’isolato del 1700 di quella strada è una tappa obbligata per qualsiasi viaggio nell’East Van.

Come Posa, nel corso degli anni la famiglia ha ampliato la sua espansione di anno in anno (consegnando i suoi prodotti ad hotel e ristoranti locali nel 2005) per abbracciare l’importazione di specialità e la consegna dei prodotti.

Mercatino di Santa Barbara

Mercatino di Santa Barbara

Francisco “Paco” Celador Triguero ha fondato il Santa Barbara Market of Commercial Drive nel 1981 e nel 1989 ha aggiunto il popolare tele alla sua gamma completa di prodotti (per interni ed esterni), pasta e altri generi alimentari. (Morto a Paco 201, all’età di 76 anni.)

L’alto bancone televisivo corre lungo l’intera parete nord del negozio e i suoi numerosi formaggi, salsicce, salumi e altri salumi causano la nota congestione del traffico telefonico dell’azienda nei fine settimana e negli altri periodi di punta.