Settembre 23, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Taiwan esce dal lockdown e fa un passo avanti nella corsa ai vaccini

Dopo aver scoperto la prima nuova infezione da due mesi e mezzo il 23 aprile, lo scudo di Taiwan è rapidamente svanito, con il numero di casi giornalieri che è salito a oltre 200 prima che il livello di allerta fosse alzato nella capitale, Taipei, il 15 maggio.

Da allora, il pubblico ha sopportato 10 settimane di severe restrizioni, tra cui la chiusura di scuole, ristoranti, bar e palestre, l’uso obbligatorio di maschere all’aperto e il divieto di ingresso ai non residenti a Taiwan.

Con i nuovi casi che sono scesi da un picco di oltre 700 a 12 di domenica, le restrizioni sono state ora allentate. Ma sono stati accuratamente liquidati poiché Taiwan non vaccinata rimane vulnerabile al ceppo delta che ha spazzato gran parte dell’Asia.

Se il controllo delle frontiere ha impedito la diffusione del delta, “sembra accettabile ridurre le misure di controllo”, ha affermato Su, che ha guidato il Centro per il controllo delle malattie di Taiwan durante l’epidemia di SARS e in seguito ha lanciato esercizi annuali per una possibile epidemia dalla Cina.

“È sempre difficile bilanciare le misure di controllo con le attività economiche o altre attività sociali. Questa è la decisione più difficile [for governments] nell’epidemia”, ha detto da Taipei.

Scarica

“Ma dopo l’epidemia di SARS nel 2003, le persone qui a Taiwan hanno trovato più facile seguire le linee guida del governo”.

Sebbene Taiwan sia stata lenta a vaccinare, ha cercato di recuperare. La scorsa settimana ha aggiunto al suo portafoglio un ordine per altri 36 milioni di dosi di Moderna, ma c’è stato anche l’aiuto del governo straniero.

READ  Due giordani sono stati imprigionati per 15 anni per aver cospirato contro la monarchia

Due società tecnologiche taiwanesi, Foxconn e Taiwan Semiconductor Manufacturing Co., hanno stretto un accordo per ogni acquisto di 5 milioni di dosi del vaccino di Pfizer e le donano alla circolazione pubblica, e un importante gruppo buddista a Taiwan, la Tzu Chi Foundation, ha aggiunto un ulteriore 5 milioni all’ordine di Pfizer.

Il Giappone ha anche donato quasi 3,5 milioni di dosi di AstraZeneca e gli Stati Uniti hanno promesso 2,5 milioni di dosi di Moderna, mentre uno dei due vaccini candidati nazionali è stato approvato nelle ultime due settimane per l’uso di emergenza.

Su ha detto che ora sembra che Taiwan riceverà dosi sufficienti del vaccino, anche se non accadrà fino a dopo settembre, quando le sue forniture aumenteranno.

Avendo imparato a proprie spese dai propri errori, l’isola nel frattempo prevede di avere il 45 percento delle persone che riceverà un colpo entro agosto, con il 70 percento della popolazione sopra i 65 anni che ora gode di almeno una copertura.

“Penso che ora abbiamo abbastanza per coprire la popolazione totale con due dosi entro dicembre”, ha detto il professor Su.

Ricevi una nota diretta dal nostro straniero corrispondenti Su ciò che sta facendo notizia in tutto il mondo. Iscriviti alla newsletter settimanale What in the World qui.