Maggio 25, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Svezia e Finlandia si adoperano per aderire alla NATO | Nato

Il partito al governo svedese ha iniziato a discutere se il paese debba aderire alla NATO e ai paesi vicini Finlandia Si aspetta una decisione entro poche settimane, poiché Mosca ha avvertito che l’adesione dei paesi nordici “non porterà stabilità” all’Europa.

Entrambi i paesi sono ufficialmente militarmente non allineati, ma il sostegno pubblico all’adesione alla NATO è quasi raddoppiato dall’invasione russa. Ucrainaa circa il 50% in Svezia e il 60% in Finlandia, secondo diversi sondaggi d’opinione.

I socialdemocratici di centrosinistra svedesi, guidati dal primo ministro Magdalena Andersson, hanno affermato che la loro “revisione della sicurezza” è stata più che entrare a far parte della coalizione di 30 nazioni, aggiungendo che il partito potrebbe decidere di avanzare anche senza il sostegno dei membri.

Sottolineando allo scoppio della guerra che il non allineamento “serviva bene gli interessi della Svezia”, ​​Andersen si è detta “pronta a discutere” la politica alla luce dell’aggressione di Mosca e alla fine di marzo ha affermato di “non escludere” l’adesione. Nato.

“quando Russia “Invadendo l’Ucraina, la situazione della sicurezza della Svezia è radicalmente cambiata”, ha affermato lunedì il partito in una dichiarazione. Il segretario generale dell’SPD Tobias Bodin ha affermato che la revisione della sicurezza sarà completata “prima dell’estate”.

La questione dovrebbe essere una questione importante nelle elezioni parlamentari previste per l’11 settembre, dove i partiti di opposizione di centrodestra hanno già detto che sosterranno la richiesta della Nato, e anche i democratici svedesi di estrema destra sono aperti all’idea.

La Finlandia, che condivide un confine di 1.340 chilometri (830 miglia) con la Russia e, come la Svezia, un partner della NATO dopo aver abbandonato la sua dura posizione neutrale alla fine della Guerra Fredda, dovrebbe decidere la sua decisione sull’alleanza prima di mezza estate. .

READ  Nuova sottovariante Omicron: le autorità si affrettano a capire "il più contagioso" come variante BA.2 COVID-19

Alexander Staub, l’ex primo ministro della Finlandia, ha detto all’AFP che era una “conseguenza imposta” che Helsinki avrebbe chiesto di entrare a far parte della NATO, possibilmente in tempo per il vertice della NATO di giugno a Madrid.

Una revisione della sicurezza nazionale commissionata dal governo dovrebbe essere presentata al parlamento la prossima settimana per aiutare i parlamentari finlandesi a decidere sulla questione prima del voto, con un recente sondaggio che indica che solo sei dei 200 legislatori del paese erano contrari.

“Avremo discussioni molto attente, ma non ci prenderemo più tempo del necessario”, ha detto la scorsa settimana il primo ministro del Paese, Sanna Marin. “Penso che finiremo la discussione prima di mezza estate”, ha detto.

Entrambi i paesi hanno ricevuto assicurazioni generali dal Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg che le loro richieste sarebbero state accolte, nonché espressioni di sostegno da molti membri tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Francia e Turchia.

Ma la mossa sarebbe quasi certamente vista come una provocazione dal Cremlino, il cui portavoce, Dmitry Peskov, ha affermato lunedì che l’alleanza è uno “strumento orientato al confronto” e che la loro eventuale adesione “non porterebbe stabilità al continente europeo”. .